Quei bei giorni di Lesa. Le vacanze di Alessandro Manzoni sul Lago Maggiore


Erano passati quattro anni dalla morte dell’amatissima prima moglie Enrichetta Blondel, madre di dieci figli, quando Manzoni si risposò con donna Teresa Borri Stampa, il 2 Gennaio 1837. La nuova moglie, nata a Brivio in Brianza nel 1799, era una donna esile e graziosa, dai capelli folti e scuri. Aveva sposato, a diciannove anni, il conte Stefano Decio Stampa, discendente da una insigne famiglia di origine francese, che ebbe il titolo nobiliare con regio imperiale diploma il 5 Aprile del 1787.

Arma comitale degli Stampa di Gravedona, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

I coniugi si trovavano proprio a Lesa, nella villa di famiglia prospiciente il lago, la più bella casa del borgo secondo Ruggiero Bonghi, quando il conte ebbe un primo sbocco di sangue. Nessuno volle dargli importanza e Stefano si curò con dieta e salassi. Teresa era incinta. Il 23 Novembre del 1819 diede alla luce un bambino, che fu chiamato Giuseppe Stefano. Il padre stava ancora male e decise di fare un viaggio a Parigi per visitare la suocera. Al ritorno la sua salute peggiorò e andò con il bambino a Lesa per respirare aria pura. Teresa restò a Milano per una laringite. Sto meglio che a Milano, le scriveva Stefano, ma si lamentava del baccano per la festa di San Martino. Una vera musica di gatti, il tutto alle cinque del mattino, momento in cui io godo di più il dolce riposo.

Teresa Borri Stampa a ventitre anni, dettaglio del quadro di famiglia dipinto da Francesco Hayez nel 1822, Milano, Pinacoteca di Brera

Quando Teresa lo raggiunse, Stefano Decio non aveva nemmeno la forza di camminare e si nutriva solo di marmellata di rose. Si faceva portare a spalla dai domestici su una portantina sulla riva del lago, per vedere il golfo di Lesa, tanto amato. Morì nel dicembre del 1820. La giovane vedova fece erigere nell’atrio della casa un cippo in nero di Varenna, a memoria del defunto, con un’iscrizione: A Stefano Stampa – Cultore delle scienze e delle belle arti – caro a pochissimi fedeli amici – Amantissimo della Patria – Teresa Borri – per il desiderio di tanto diletto volto – consorte inconsolabile poneva – Nato a Venezia morì nel borgo di Lesa nell’anno ventiquattresimo di sua età, secondo di matrimonio, 1820.

Francesco Hayez, Testa di ragazzo, olio su tela, Milano, Collezioni dell’Accademia di Brera, 1820 circa. Secondo lo storico dell’arte Fernando Mazzocca potrebbe essere un ritratto del piccolo Stefano Stampa, eseguito su commissione della madre Teresa, buona amica del pittore

Il conte aveva fatto testamento il 28 Luglio del 1820 e diviso il patrimonio in parti uguali tra moglie e figlio, assegnando una pensione alla madre Julia, che fece subito causa a Teresa. Il contenzioso durò per anni, ma finalmente nel 1822 Teresa ebbe una parte dell’eredità e nell’estate raggiunse Lesa con Stefanino, malgrado una parte della villa fosse ancora parzialmente occupata dai marchesi Caccia Piatti, certi parenti degli Stampa, che facevano rumore e disordine e le impedivano di godere del giardino. Il piccolo Stefano voleva stare tutto il giorno sul lago a tirar sassi e scappava sempre da casa per vedere l’acqua. Teresa era sempre in ansia. Nel 1822, quando finalmente potè disporre dell’eredità, commissionò al pittore Francesco Hayez un ritratto di famiglia, ma non ne fu soddisfatta. Nel quadro, Teresa Borri è al centro, in abiti vedovili per la recente scomparsa del marito, assieme alla madre Marianna Meda, al fratello Giuseppe Borri e al figlioletto Stefano. Il quadro restò poi nello studio del pittore per parecchi decenni. Teresa non era convinta del risultato.

Francesco Hayez (Milano, 10 Febbraio 1791 – Milano, 21 Dicembre 1882), Ritratto di gruppo della famiglia Borri Stampa, olio su tela, Milano, Pinacoteca di Brera

Del ritratto di Peppino ne sono poco soddisfatta. Sul mio non faccio parola … si accordano tutti nel dire che è perfettamente dipinto. In quanto a me dico solo che mi fece un gozzo rispettabilissimo, e che io ne ho uno discretamente visibile. Ma quello di Steffanino quant’è interessante, quanto gentile, vago e simile!. Hayez rispose che un quadro corre rischio d’esser impasticciato, quando si vuole rinnovare qualcosa. Propose alla contessa di restituirle il denaro anticipato, mentre lui si sarebbe ripreso la tela. Lei chiese invece dei cambiamenti. Nel gennaio del 1828, Hayez ammetteva la propria inadempienza, scusandola con l’intenso lavoro. Teresa aspettò fino al 24 settembre, quando lo pregava con una nuova missiva di schiarire il fondo e di togliere il busto del compianto marito dalla colonna. Alla fine il pittore si tenne il quadro e risarcì la nobildonna con la tela di argomento storico della Congiura dei Lampugnani. Il ritratto di famiglia, da cui fu eliminato il busto di Stefano Decio fu, molto più tardi, rilevato dal figlio Stefano per farne dono alla madre, che nel 1851 lo ricordava nel piccolo catalogo di libri ed oggetti d’arte conservati nella villa di Lesa. La tipologia della “scena di conversazione”, non molto frequente nella pittura romantica italiana, potrebbe essere stata suggerita dalla contessa, che aveva soggiornato per lungo tempo con il marito a Parigi.

Il piccolo Stefano Stampa ritratto da Francesco Hayez, dettaglio, Milano, Pinacoteca di Brera

Teresa curava moltissimo la salute del figlio, che, da piccolo, era molto magro. Temeva che potesse ammalarsi come il padre, e lo tenne a dormire nel suo letto finché fu bambino. Donna Teresa fu sempre legatissima al figlio; con lui ebbe una fittissima corrispondenza per tutta la vita. Ciononostante lo educava con severità, dicendo ai contadini con i quali giocava di picchiarlo, se anche Stefano lo avesse fatto; quando non era rispettoso con le persone di servizio la madre gli faceva chiedere scusa e gli domandava se credea d’essere el Contin Ciccin descritto dal Porta. Teresa scriveva alla madre: Stefany se porte bien, mais il n’a pas pris d’embonpoint, il voudrait se tenir deboit au pied du lac du matin au soir. Fin da bambino amava starsene da solo sulla riva del lago. Il piccolo mostrò una predilezione per il disegno, i colori, i pennelli, così la madre lo mandò a lezione da Massimo d’Azeglio prima e da Francesco Hayez poi.

Massimo D’Azeglio (Torino, 24 Ottobre 1798 – 15 Gennaio 1866), in un ritratto a olio di Francesco Gonin (Torino, 16 dicembre 1808 – Giaveno, 14 settembre 1889), conservato al Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino. Il nobiluomo piemontese fu scrittore, politico e pittore. Insegnò arte al conte Stefano Stampa e sposò nel Marzo del 1831 la prima figlia del Manzoni, Giulietta, che morì di tabe mesenterica il 2o Settembre 1834. Dal matrimonio, che si rivelò infelice, nacqua una figlia che fu chiamata Alessandra, detta Rina. La piccola, dopo la morte prematura della madre, fu allevata da Massimo e dalla seconda moglie Louise Maumary

Ritratto di Luisa Blondel d'Azeglio Maumary, 1844Eliseo Sala (1813-1879)

Ritratto di Luisa Blondel d’Azeglio Maumary nel 1844 di Eliseo Sala (Milano 1813 – Triuggio 1879). Luisa aveva sposato in prime nozze Enrico Blondel, fratello di Enrichetta e, rimasta vedova, si era rimaritata con Massimo D’Azeglio

Teresa sentì parlare di Luigi Rossari, professore di letteratura all’Istituto Regio Scuola Normale di Milano e compagno di studi universitari del fratello di Teresa al Collegio Borromeo di Pavia. Decise di assumerlo come istitutore del figlio. Come maestro si guadagnò subito le simpatie di Stefano e tra i due nacque una grande amicizia che durò tutta la vita. Attraverso Rossari, conobbe Tommaso Grossi, che, a sua volta, parlò a Manzoni di Teresa, sapendo che il Manzoni non sapeva risolversi a viver solo essendo nato per il matrimonio. La descrisse come una donna colta, intelligente e sensibile. Lo scrittore mandò la madre, Giulia Beccaria, a visitarla e quella si mostrò invaghita e innamorata morta della povera Teresa. Ritornò a vederla; e di lì ad alcuni giorni venne di persona il Manzoni, e dopo qualche altra visita la domandò in moglie. Lei esitò, ma soltanto perché temeva che il figlio Stefano, che aveva ormai diciotto anni, non ne fosse contento. Lui disse alla madre di fare quello che credeva meglio per tutti e due. Sul secondo matrimonio girava per Milano la frase scherzosa: Manzoni ha attentato alla dignità della Stampa! Come osservava Piero Chiara, il periodo di Teresa Stampa corrisponde a un suo ritorno di facoltà espressive, quasi che, se gli mancasse il talamo, non avesse quella creatività che probabilmente era legata anche alla sua struttura fisica, al suo temperamento che aveva bisogno di una compagna, di una vita coniugale.

Tommaso Grossi (Bellano, 23 Gennaio 1790 – Milano, 10 Dicembre 1853) in un ritratto anonimo. Fu proprio il Grossi a parlare di Teresa Borri Stampa al Manzoni

Teresa venerava il Manzoni. Era sempre euforica, loquace, esuberante. In lei, racconta Pietro Citati, l’Agnese, Perpetua e l’Adalgisa di Gadda si erano date convegno e abbracciate. Non erano passati pochi mesi dalle nozze, che iniziò a litigare con la suocera Giulia Beccaria, nota per il suo carattere dispotico. Non si coinvolse affettivamente con i tanti figli di Manzoni. Vittorina Manzoni scrisse: i nostri rapporti con Donna Teresa, per dire la verità non erano mai stati molto spontanei. Fin da principio lei ci teneva molto ad essere chiamata mamma da Matilde e da me; e a questo ci teneva anche papà, che le voleva molto bene. Noi volevamo compiacere lei, che era buona, e Lui… e scrivevamo quella parola; ma a dirla non si riusciva! Il Tommaseo descrisse così la nuova famiglia: Lui buono; la madre accorata; la moglie maliziosa; il figliuolo Filippo senza affetto. Nel 1842, qualche anno dopo il secondo matrimonio il Manzoni dichiarò che erano passati quasi sei anni che l’aveva sposata e che non aveva mai avuto nemmeno una volta il minimo lagnarsi di lei; che quello che era stato per lui il primo giorno lo era stata tutti gli altri; che la rivedeva sempre collo stesso piacere, che il suo pensiero ricorreva sempre a lei con soddisfazione, con piacere grandissimo, che gli aveva saputo mantenere quanto gli aveva promesso il primo giorno della loro unione; che, in una parola, essa formava la sua felicità. Come riferiva Giuseppe Borri nei Colloqui col Manzoni, ricorda come lo scrittore gli aveva parlato della contentezza che provava nella mia unione con tua sorella … Non ch’io dica ch’ella sia una perfezione. Ha i suoi piccoli difetti, come io ho i miei assai grossi; ma mi è facile tollerare i suoi, ed essa tollera maravigliosamente i miei. Stefano, il figlio di Teresa, che allora era allievo dell’Hayez e frequentava l’Accademia di Brera, non amava stare in via Morone, a causa dell’invadenza di Donna Giulia. E non apprezzava nemmeno Brusuglio, la terra che Manzoni possedeva nei pressi di Cormano, dove aveva la villa ereditata dall’Imbonati e la coltivazione di bachi da seta.

Stefano Stampa fu sempre a disagio al cospetto di donna Giulia Beccaria Manzoni, che fu definita ironicamente dallo zio Giuseppe Borri “monna aristocrazia“. Per questo preferiva, a via del Morone, trascorrere lunghi soggiorni nella sua Villa Stampa a Lesa. Il ritratto, del 1943, è firmato Carlo Gerosa, Istituto per i Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Stefano soffocava nell’unica stanza che gli era stata assegnata da Giulia, trovava la campagna calda e monotona, all’infuori del giardino dove sorgeva quel tumulo, quel rialto artificiale, chiamato pomposamente da don Lisander la “Montagnetta”. Nell’agosto del 1838 decise di emigrare verso il suo lago: Stefano sta bene solo, e vuole restar solo nella contemplazione della natura e co’ suoi fantasmi. Si sistemò quindi felicemente in casa propria. I Caccia Piatti erano stati relegati in un appartamento e non infastidivano più, ma sorvegliavano Stefano per la madre.

Vedute della villa Manzoni a Brusuglio: la casa, il viale dei platani, la biblioteca e la camera da letto, la “montagnola” con il panorama della Brianza, le due robinie con la croce incisa dal Manzoni alla morte della moglie. Il figliastro del Manzoni non amava soggiornare a Brusuglio, tanto che nell’estate del 1838 si trasferì a Lesa. Da “L’Illustrazione Italiana”, Milano, Treves

Donna Teresa non si oppose alla decisione del figlio, che sapeve avere una scorza ruvida e per il quale provava un affetto quasi morboso. Il 3 Agosto del 1837 gli scriveva: Sono le quattro e sarai a Lesa; se non ho fallato giocando a indovinare, amezzo giorno sarai stato a Sesto Calende; ad un’ora sarai entrato a Belgirate; chissà se ho indovinato! forse sì forse no; ad ogni modo ho curiosità di saperlo; voglio che mi scrivi il tuo orario di viaggio; vorrei sapere d’averti incontrato con verità, dove ho immagnato che fossi. Mi dirai a che ora hai pranzato, e cosa. Io vivo e corro dietro a te coll’immaginazione … Io invidio tutto quello che ti sta attorno; vorrei essere in ciascuna di quelle cose dinanzi a cui ti fermi; se fossi un folletto o una Fata entrerei in uno di quei noci sulla riva di Lesa; poi entrerei nel cipresso di Belgirate; o in un pilone, o in un masso, insomma in una qualunque cosa dove tu fossi, così mo invece il mio pensiero ti vede in ogni luogo senza trovarto mai, come ci accade pensando a Dio; figurati!… Nelle tua camera ci fa un odore strano e nocivissimo di acqua di ragia con un misto di di cento altri odori che danno i varj colori; d’ora innanzi, non più né più mai dipinti nella camerada letto; uno studio e presto uno studio; intanto a Lesa, guardati di appendere i tuoi dipinti nella camera da letto; te lo raccomanda la tua mamma che ti vuole ben che non è dato agli uomini maschi di concepire.

Vista dalla Villa Stampa a Lesa in uno studio dal vero di Stefano Stampa, eseguito il 10 Novembre 1865. La nota reca: “Studio 25°, il Lago Maggiore, le montagne di Laveno e di Lugano, nevose ed il Monte Campo dei Fiori, in una giornata molto limpida e nevosa di mattina, Istituto dei Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Teresa arrivò per la prima volta a Lesa  con Alessandro nel luglio del 1839. Molti anni prima il Manzoni aveva visto per la prima volta il Lago Maggiore, quando nel viaggio di ritorno da Parigi aveva fatto tappa a Ginevra ed era rientrato in Italia attraverso il Sempione. Allora era insieme a Enrichetta e passando da Lesa mai avrebbe pensato che in quel luogo avrebbe trascorso molto tempo. Anche se Villa Stampa non era sua, ma del figlio adottivo, e seppur non era stata costruita e pensata dallo scrittore, egli veniva volentieri. Sul lago scomparivano tutti i malesseri di Teresa, veri o immaginari che fossero. Lei stava bene, mentre a Brusuglio trovava che l’estate fosse calda e pesante. Vedrai in che bon essere son io in salute! scriveva al figlio al suo ritorno. È stato Lesa e poi Lesa; quel Lesa che delizia tanto Alessandro, e ne parla ancora col miele alla bocca. Malgrado la predilezione per il Lago Maggiore, Teresa lasciò sempre libero il marito di andare e venire anche da Brusuglio, nel cui cimitero giacevano la prima moglie e le figlie.

Angelo Inganni (Brescia, 1807 – Gussago, 1880), Mercato sul lago d’Orta, Collezione Privata. Il conte Stefano Stampa soggiorna a Orta nel giugno del 1839 con l’amico Matteo Cagliari

Nel giugno del ’39 il Conte Stefano fece un’escursione sul Lago d’Orta e in Valsesia in compagnia dell’amico Matteo Cagliari. L’itinerario prevedeva la partenza da Lesa in barca per Pallanza, da cui avrebbero raggiunto Omegna, l’arrivo a Orta via lago da Oira. Da Orta Stefano scrive alla madre raccontandole del delizioso viaggo e di aver visto sulle montagne del Cusio un piccolo temporale senza tuono, ma di un effetto meraviglioso il quale si dissipò prima di toccarci; ma lasciò una coda di nuvole che si sfogarono la mattina. Passò la giornata a Orta ammirando il paese e visitando il Sacro Monte. Pensa di andare a Varallo il giorno dopo a condizione che il tempo sia bello: e, se non è bello, mi fermerò qui ancora, essendo bene alloggiato ed essendovi bellissima vista, che non voglio aver viaggiato per nulla.

Nel Settembre dle 1839 Stefano Stampa fece un’escursione in Vall’Anzasca, e durante in viaggio schizzò dei disegni dal vero che gli serviriono per la Visione di Vall’Anzasca all’imbocco di Val Quarazza, grande quadro di proprietà Alessandro Cengia, Lesa, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Nel settembre dello stesso anno Stefano si recò in Ossola e in Vall’Anzasca, per visitare Macugnaga. L’8 ottobre scriveva ancora a Donna Teresa e descriveva il clima con occhi da pittore: Che tempo!! Che tempo!!! Disperazione della disperazione delle disperazioni!!!! In tutto il mese di 7mbre ci sono state 4 giornate belle di seguito, e l’8bre è già comininciato con un’acquerugiola continua e seccante, tanto più che le montagne sono involte in una densa nebbia, ed il tempo non è ancor freddo, cosicché c’è ancora la trista speranza che che duri per un pezzo fin che non nevichi un bel pezzo nelle montagne e faccia qualche gran vento.

Francesco Hayez, Ritratto di Alessandro Manzoni, 1841, olio su tela, Milano, Pinacoteca di Brera. Il quadro fu commissionato nel 1841 dalla moglie da Teresa e da Stefano Stampa, che erano riusciti a vincere la naturale iconoclastia dello scrittore. Infatti l’altro suo ritratto “ufficiale” era stato eseguito, molti anni prima, da Giuseppe Molteni, con lo sfondo del Lago di Como dipinto da Massimo d’Azeglio. Per il quadro di Hayez Manzoni si sottopose a quindici noiosissime sedute, per la maniacalità del pittore di voler rendere tutto vero. Da qui derivano la naturalezza e il tono solenne, ma dimesso, che fu tanto apprezzata dalla famiglia e dagli amici dello scrittore, che in mano tiene la scatola del tabacco da fiuto, dettaglio suggerito all’Hayez dalla moglie Teresa

L’anno successivo, il 6 novembre del ’40, in una lunga missiva Stefano raccontava della pioggia incessante: Cara mamma, il giorno di S. Carlo abbiamo avuto il lago ad un altezza che da quarant’anni in qua non si era mai veduta. Ma prima c’è stato un tempo di casa del Diavolo; c’è stato un temporale che durò tutta una notte e tutto un giorno, con pioggia dirotta e marengo così forte che fece alzare il lago un braccio e mezzo soltanto in una notte. Il Pendola ha rischiato di perdervi la sua barca ancor nuova, ed è stato in l’acqua forse un pajo d’ore per salvarla, in modo che ci passavan le onde sopra il capo, giacché sulla punta del pizzo c’eran tre barche affondate, questa sua e due di suo fratello, le quali urtandosi fra di loro si sarebbero spezzate infallibilmente. Ma riusciron poi a salvarle tutte e tre. – La Bovera, torrente presso a Villa essendo cresciuto moltissimo, e scaricandosi anche verso Lesa ha rovinato varie strade e soprattutto la migliore – L’Erno è cresciuto tanto, che oltre a farsi un canale quasi netto in mezzo alle campagne, ha portato via un pezzo d’una masseria altre volte Borroni e che ne porta ancora il nome, e minaccia seriamente un’altra dei Connelli d’in Villa, la posta è stata tre giorni senza tornare da Domodossola, giacché in Sempione credo non sarà praticabile … E noi a Lesa abbiamo avuto lo stradone intieramente coperto dal lago, dimodoché veniva sotto la porta alla metà del nostro portico, in cucina poi era alta in modo, che abbiamo dovuto levar fuori i polli, che rischiavano d’annegarsi benché si fosse alzata la caponera due o tre volte; non dico poi niente della scuderia, tinera e rimessa, bottega del Rossi etc. etc.  A Belgirate poi s’andava in chiesa in barca, giacché sullo stradone ce n’era quasi un braccio ed era tutto coperto da casa Connelli, altre volte Cavalli, sino a casa Castellengo, altre volte di Strio … Intanto ti dirò l’ultima ed eccellente notizia che il tempo par che si metta daccapo, o almeno non c’è speranza che ritorni sereno. Ma la carta è terminata e anche tutto quello che vi aveva da raccontare, dunque finirò… Vi faccio tanti baci e vi dico tante cose che si possono indovinare, a tutti e due e mi professo di essere tuo Stefano.

Triade armonica disegnata dal vero a penna da Stefano Stampa, 21 Luglio 1869, Istituto per i Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Stefano, che era sempre allegro, veniva chiamato dagli amici il “conte orchestra” perché sapeva suonare vari strumenti musicali. Smemorato e trasandato nel vestire, era uno sperimentatore nato, amava dipingere paesaggi e si interessava di magnetismo e di dagherrotipia. Dalle sue stessa parole appare l’ultimo dei romantici: la mia natura non è fatta che per dipingere, andar per valli e monti, leggere e sollevarsi qualche momento con un po’ di musica: ma non ho mai avuta la vocazione di scrivere … Mi lasci dipingere: mi lasci andar per valli e monti sconosciuto da tutti, indipendente e libero come l’aria; mi lasci la mia natura. Nella villa di Torricella conservava due quadri di paesaggio dipinti a Lesa, uno dei quali ritraeva la Via Varim sopra la ferrovia, con il muro com’è ancora oggi.

Francesco Hayez, Ritratto di Teresa Manzoni Stampa Borri, 1847, olio su tela, Milano, Pinacoteca di Brera. Come il ritratto di Alessandro, questo “pendant” era stato commissionato da Stefano Stampa per farne dono alla madre, che posò a casa per non compromettere la fragile salute. La rappresentazione non lascia spazio all’ufficialità. Nella mano sinistra Teresa tiene un oggetto d’uso quotidiano, un “flacon d’odeur” in vetro, forse allusivo ai suoi frequenti malesseri. Nel 1848 il dipinto era finito, ma gli eventi politici sconsigliarono la consegna ai destinatari, che nel frattempo si erano ritirati a Lesa, preferendo affidare al pittore anche il ritratto di Alessandro

I Manzoni tornarono di nuovo nella metà di settembre del ’43 e vi rimasero più di un mese. Alessandro incontrò a Stresa l’abate Rosmini, che si era trasferito a Stresa nel 1839, con cui discusse di questioni di lingua e in autunno trovò a Belgirate un calzolaio che gli fece delle scarpe comode. Da Milano Teresa scrisse a Stefano di ordinarne altre tre paia, un paio col legnazz, cioè con la suola di sughero e due senza. Al Manzoni piaceva molto trascorrere l’estate sul lago, infatti scriveva, in una lettera alla figlia Vittoria del 2 Novembre 1846: Abbiamo prolungato come vedi il nostro soggiorno a Lesa perché la salute di Teresa ci guadagna davvero; e oltre ciò, io m’ innamoro ogni giorno di più, di questo lago, di questi monti, di questa quiete. Ogni mattina si recava nella chiesa parrocchiale di San Martino per ricevere la Comunione ed assistere alla Messa. Nella Villa Stampa il Manzoni aveva una stanza che guardava il lago, dotata di un lavabo a colonna e di lussuosi pavimenti di legno. Dove oggi ha sede la Sala Manzoniana c’era l’abitazione del fattore, che si chiamava Enrico Rovera. Nella grande stanza vi era stata ricavata una saletta riservata al contabile, che arrivava saltuariamente per l’amministrazione. In quel locale c’era anche un pianoforte che veniva utilizzato ogni tanto dal figlio del fattore, Federico, che aveva imparato da solo a suonare. Il giardino della villa conteneva una rigogliosa limonaia, che produceva abbondanti frutti anche d’inverno, ed era coltivato il cotone ad uso ornamentale. Manzoni voleva organizzarne una piantagione a Brusuglio e per questo aveva chiesto all’amico Ruggiero Bonghi, che villeggiava a Belgirate, di procurargli della semente a Napoli. Aveva mandato Stefano a Belgirate con il campione di seme di cotone. Ringrazia per me il caro Bonghi – scriveva al figliastro –  e ancora di più la sua signora, che vuol prendersi per lei medesima l’incomodo di procurare il seme di cotone, a Napoli. Credo che non avrai dimenticato di dire che importa averlo qui nel mese di marzo; e questa volta dopo due inutili tentativi, spero, se Dio mi lascia al mondo un’altr’anno, non solo di vedere nel giardino di Lesa i fiori del cotone (che di quelli n’ho visti anche nel giardino di Milano, e venuto a un seme non ben maturato qui); ma di coglierne il filo, venuto a perfezione.

Ruggiero Bonghi, futuro ministro dell’istruzione del Regno d’Italia, era amico dei Manzoni e li frequentava sul lago. Primo acquirente dei terreni di una villa alle porte di Stresa, vi aveva costruito una semplice dimora. Dopo la vendita ai Marchesi Pallavicino, si era trasferito a Belgirate, dove, tra il 1858 e il 1861, abitava in una villa appena fuori dal paese. Il ritratto a lapis è stato eseguito da Stefano Stampa il 15 Ottobre 1853, proprietò Istituto dei Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Spesso venivano a fare visita al Manzoni il conte Cavour, il Berchet, Giulio Carcano, il Rosmini, il Tommaseo e Massimo d’Azeglio. I terreni della proprietà Stampa erano molto estesi e comprendevano una vasta area che si inerpicava sulla collina: sopra l’attuale linea ferroviaria vi era la “scigolana”, un fondo coltivato a vigneto e uliveto. I vini di Lesa erano molto rinomati. Si producevano in quantità, sia bianchi che rossi ed erano molto apprezzati dagli Stampa e dal Manzoni, che li conservavano per anni in una capiente cantina adiacente alla villa. A Manzoni, che adorava quei vini, era venuto il desiderio di impiantare una vigna anche in Brianza. Sulla collina, dove attualmente sorge la villetta Monguzzi, c’erano le stalle, così pure, al posto della Villa Falcetti c’era un’altra stalla e una cascina con il fienile. Tra la villa e questi terreni vi era una peschiera che accoglieva specie lacustri. In alto, sopra l’attuale stradina interna proveniente da Stresa, vi era il Belvedere, dove spesso arrivava il Manzoni si incontrava con il Rosmini. Dalla villa sino all’attuale casa Lambertenghi c’era un viale. Da lì si arrivava a un tavolo in sasso dove lo scrittore amava sedersi con Giulio Carcano o con lo stesso Rosmini. Su quel tavolo, all’ombra degli alberi, il Manzoni lavorò alle correzioni dei suoi scritti. Piero Chiara ricorda, in Divagazioni manzoniane, nel volume Colloqui a Lesa sul Manzoni riporta che uno dei passatempi preferiti dal Manzoni e dai sui amici che soggiornavano a Lesa era il gioco degli ‘scarafaggi’. Esso consisteva nel macchiare dei fogli, ripiegarli e poi vedere gli strani disegni che si erano formati.

Una stampa di Belgirate da “Recueil de vues principales de Milan et de ses environs”, Milano, Chez Ferd. Artaria et Fils Editeurs, 1840-42. A Belgirate Manzoni trovò un calzolaio che gil fece delle scarpe che finalmente si adattavano ai suoi piedi e ne ordinò, poi, altre tre paia da Milano

Manzoni, che per inciso detestava l’umidità, aveva dimenticato a Lesa il parapioggia azzurro e poiché lì c’era ancora Rossari, Stefano gli chiese di riportarlo a Milano; Rossari non capì o non aveva voglia di trasportarlo. Teresa si arrabbiò con il figlio per aver disturbato il maestro. Cosa mai t’è saltato in mente di consegnar o far consegnare l’ombrello di papà a Rossari, quando si poteva portarlo noi in legno tanto e tanto bene, benissimo!!! Passaporto di Rossari, ad Arona! Ombrella di papà, a Rossari! Ma non hai pensato che doveva essere incomodato lui, dovendo venire per Velocifero! Sarebbe toccato a noi portargli del suo in carrozza nostra, piuttosto che caricarlo lui delle cose non sue! Oh! Pasticcino! Intanto Rossari, non credendo vero, o non avendo capito che quell’ombrella dovesse portarla lui (quella di papà), egli l’ha consegnata al Pendola e il Pendola deve averla rimessa in casa, e tu la porterai a Milano o la manderai.

L’affascinate conte Stefano Stampa in un ritratto anonimo, Milano, Casa del Manzoni. Legatissima al figlio, Donna Teresa intratterrà con lui una fittissima corrispondenza

Nell’agosto del 1844 Teresa e Stefano avevano programmato la partenza per Lesa, dove avrebbero ospitato il barone Sigismondo Trechi, un carissimo amico del Manzoni. Per la sua stanza era stato ordinato un comò, ma erano in ritardo nella consegna. Ho pensato di comperare comperare e poi comperare un cantarà, un trumò, un qualche cosso a cassettoni, antico ma bono, bello e fatto e finito da un secolo per averlo in futuro per il 7 o l’8 o il 9 giacché Trechi verrà il 9 o il 10 credo. Tutto era pronto, quando Teresa si ammalò. Si sentiva debolissimamente rotta a bocconcini, a minuzzoli. Fu diagnosticato un tumore, curato con frizioni mercuriali e di jodio, ma lei peggiorava. Passavano i mesi ed era sempre più sofferente; i medici tastavano un ventre duro e gonfio, in cui avvertivano dei movimenti. Nella notte fra il 7 o l’8 febbraio Teresa fu colpita da atroci dolori. I medici dicevano che il tumore stava scoppiando, le fecero dei salassi. Ad un tratto si accorsero tutti che erano le doglie da parto. L’ipotesi di una gravidanza era stata esclusa per l’età: Teresa aveva infatti quarantacinque anni. Nacquero due gemelline, una senza vita, l’altra si spense subito dopo. Manzoni tagliò una ciocca di capelli e la mise in una busta su cui scrisse E tu senza nome, ma figlia beata del Salvatore in cielo, benedici di là i tuoi parenti, che ti piansero invidiandoti. Teresa ed Alessandro Manzoni. Il male era svanito in un momento.

La gravidanza gemellare di Teresa Borri Stampa era stata scambiata per un tumore dai medici. La donna, che aveva quarantacinque anni, venne curata con salassi e frizioni di mercurio e iodio. Diede alla luce due bambine, che però non sopravvissero. Il ritratto di Antonio Bignoli è conservato a Milano nella Casa del Manzoni in via Morone

I Manzoni ritornarono sul lago nel 1846 e rimasero fino alla metà di novembre. Alessandro scrive molto e vede ogni poco il suo tanto amato e venerato Rosmini: or l’uno va, or l’altro viene da Lesa a Stresa, e da Stresa a Lesa. I figli della Blondel non venivano mai ospitati a Lesa. La figlia del Manzoni, Vittoria, si sposò a Nervi il 27 settembre. Il Manzoni presenziò, ma Donna Teresa non fu invitata: alla vigilia di veder partire solo il marito … s’accorò talmente, da prendersi una malattia. In dicembre si ammalò alla gola e fece testamento. Lasciava tutto al figlio: voglio che tutto quello che ho di mio, sia a Lesa, sia a Milano o presso di lui o presso di me in casa Manzoni, di mobili di libri, effetti preziosi e tutto, sia per lui. Alle figlie di Manzoni non lasciava nulla e niente era previsto per i figliastri. Manzoni, spaventato, scrisse al Rosmini di pregare per la moglie. Dopo sei salassi iniziò a stare meglio. Come raccontavano Vittoria e Matilde Giorgini, in Manzoni intimo, Donna Teresa, negli ultimi anni specialmente, era proprio quello che a Lucca di dice una calìa. Era stata sempre preoccupata, soprattutto, della sua salute, e la sua insonnia, la sua disappetenza, erano i soli argomenti che la interessavano veramente. Dava una straordinaria importanza alle cure della sua persona, ed aveva finito col creare attorno a sé una specie di corte. Una sola, fra le sua ancelle, la sapeva pettinare senza farle male; un’altra era l’unica che le sapesse rifar bene il letto; solamente una terza sapeva somministrarle pozioni e farle gl’impiastri… Insomma, per sopportare lo stato di cose che si era andato a formare in casa Manzoni, non ci voleva che la pazienza angelica del povero papà! … Però Donna Teresa, a parte le sue miserie, era una degnissima persona, e per malignare sul conto suo ci voleva solo la penna di Cantù, spesso tuffata nel veleno. Il mettere in dubbio la rispettabilità, la pietà o anche solo la bontà di Donna Teresa, sarebbe una colpa.

Stefano Stampa in un dagherrotipo scattato a Parigi nel 1844

Nel ’47 passarono ancora l’autunno a Lesa. L’amicizia tra i Manzoni e il Rosmini, che si conoscevano dal 1826, era ormai intima. La stima di Teresa per l’abate era tale che ogni piccolo dono, ogni opuscolo, che questa da lui riceveva era un regalo prezioso. Al ritorno a Milano, Teresa non stava ancora tanto bene. Stefano era preoccupato per la madre e Manzoni gli scriveva ogni giorno da Milano brevissimi biglietti, quasi telegrafici, sullo stato di salute e sui rimedi prediletti: il tamarindo, la cassia, la acque di Boario, il chinino, l’olio di ricino. Manzoni era abituato ai mali di Teresa, che erano tanti, ma spesso minimi e innocui. La mattina del 18 marzò 1848 scoppiò a Milano l’insurrezione contro gli austriaci. Stefano era a Lesa, i Manzoni in città. Accettarono prontamente l’invito del figliastro a raggiungerlo sul lago. Temevano che, se fosse tornato, il Maresciallo Radetzky si sarebbe ricordato dei versi antiaustriaci pubblicati nell’ode Marzo 1821, nonché dell’appello firmato dal poeta affinché il Re di Sardegna intevenisse nella guerra di liberazione. Erano ben note le idee liberali e democratiche dello scrittore, che aveva salutato le “Cinque Giornate” plaudendo dalla finestra al passaggio dei militari.

Milano, 1848. Carlo Alberto, dal balcone di Palazzo Greppi, annuncia ai cittadini l’avvenuto armistizio stipulato con Radetzky. Il dipinto è conservato al Museo del Risorgimento di Milano

Alla fine di luglio raggiunsero il Piemonte, accompagnati da due cameriere. Il 5 agosto venne firmata la capitolazione e gli austriaci rientrarono in città da Porta Romana. Manzoni era in difficoltà economiche, a causa di un grave incendio che si era sprigionato a Brusuglio il mese prima. Scrisse alla figlia Vittoria a Lucca, ancora ignaro della capitolazione. Cosa passi nel mio cuore in questi momenti, lo potete indovinare e sarebbe cosa troppo intempestiva e senza costrutto il parlarvi delle mie inquetudini. Vi dirò invece che qui, e, da quello che si sente generalmente di là dal Ticino, c’è trambusto, agitazione, ma tutt’altro che uno sterile scoraggiamento. La fiducia nella riuscita non è, direi quasi, nemmeno scemata, e questo è un gran bene per sé, una gran caparra di bene. Preoccupato per la mancanza di fondi, il Manzoni si sentiva gnudo bruco. A parte i debiti con i negozianti in città, doveva pagare una tassa di ventimila lire, come emigrante.

“Lesa vista dalla finestra della mia camera”, studio dal vero di Stefano Stampa, 21 Dicembre 1848, Istituto per i Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Per restare a Lesa, poi, occorreva il passaporto, che ottenne specificando che Teresa era in cattive condizioni di salute e non poteva muoversi. Stefano aveva una piccola somma per una ipoteca sul terreno del Nivolé e con quei pochi denari vivevano in ristrettezze. Temevano che i loro beni di Milano potessero essere messi sotto sequestro e per questo Teresa chiedeva al suo amministratore di salvare alcuni oggetti della casa di via Morone, a Milano. Lei conservava tutto e su ogni cosa aveva appuntato un bigliettino con una descrizione o un commento. Prima di partire aveva riempito due bauli e una cassa a cembalo, con il suo nome scritto sopra e li aveva fatto portare a Lesa dal Pendola, che era stato un tempo il loro oste. Contenevano le sue care memorie, come i gioielli ereditati dalla madre, una reliquia della prozia monaca, un coltello d’oro a filigrana (lavoro stupendissimo, fiammingo antico) varie edizioni dei Promessi Sposi, una mèche di capelli di Alessandro giovane, un guanto spaiato, una miniatura del ritratto di Giulia con Alessandro bambino e un povero, ma somigliante, ritratto di Alessandro a 17 anni, fatto dal Bordiga.

Nel ’48 Teresa fece trasportare a Lesa due bauli e una cassa con i beni a cui era più affezionata, come una copia della miniatura del ritratto di Giulia Beccaria e Alessandro bambino, attribuito ad Andrea Appiani. L’originale è conservato nella casa del Manzoni a Brusuglio

La tassa di ventimila lire fu annullata. Manzoni e Teresa restarono in “esilio” a Lesa per tutto il 1849 e fino agli ultimi giorni di settembre del 1850. Il 9 Marzo Stefano, che era pure a Lesa scrisse a Patrizio, suo amministratore ed amico, raccontando che non avevano avuto inconvenienti i conseguenza delle ostilità, mentre a Solcio, a Meina e ad Arona sono accadute delle violenze da parte di alcuni soldati demoralizzati. Commentava inoltre come Carlo Alberto era stato sconfitto a Novara: vedendo i suoi soldati sbandati e demotivati abdicò piuttosto di segnare l’armistizio che a quest’ora conoscerai e proseguiva scrivendo del tradimento del generale Ramorino. Per il Manzoni fu un periodo molto felice e stimolante, ricco di fitti scambi di lettere e di ospiti illustri in soggiorno nella zona. Aveva ritrovato la passione per la scrittura e per le meditazioni filosofiche. In quegli anni la sponda del lago che guardava una Lombardia ancora sottomessa all’Austria, era animata di presenze significative: il genero Massimo d’Azeglio villeggiava a Cannero, gli Arconati a Pallanza, i Provana di Collegno a Baveno. Aprivano tutti loro ville estive all’élite intellettuale e politica della società piemontese e dei rifugiati lombardi dopo l’esito sfortunato della sua prima guerra d’indipendenza. A Belgirate Adelaide Cairoli e i figli mantenevano vivi i contatti con con gli irredentisti della sinistra garibaldina. A Lesa soggiornava Giulio Carcano, l’autore dell’Angiola Maria e a Meina viveva, nella sua villa neoclassica, lo scrittore e politico Cesare Correnti. Quando non scriveva o non doveva ricevere ospiti, il Manzoni amava starsene seduto su una sedia vicino alla porta di casa, con la testa piegata da un lato, per veder passare le carrozze che venivano dal Sempione o che salivano verso la frontiera.

Una stampa di Pallanza, da un dipinto di Giuseppe Canella del 1846

La famiglia ricevette un invito dalle sorelle Costanza e Margherita Arconati, che erano venuta precedentemente a far visita al Manzoni in carrozza, a recarsi a Pallanza in vapore. Stefano convinse la madre a navigare sul temuto lago con la sua goletta, una imbarcazione a vela con due alberi, che in inglese si chiamava schooner. Il 23 settembre del 1850 raccontava in una lettera al Rossari. Questa mattina passate la mamma, essendosi levata più presto del solito, riuscii a condurla sul mio schooner a far colazione! E la feci anch’io insieme a lei mentre si levava l’ancora e s’orientavan le vele per ricevere l’ultimo soffio della tramontana che finiva. Infatti bisognò stare una mezz’ora circa quasi immobili aspettando i primi soffi dell’inverna; e buon per noi che essendo montate anche le due donne, si potè ridere e discorrere sulla novità della cosa, per conseguenza ora montando sul ponte all’ombra, ora ritirandosi nella cabina, il tempo passò e l’inverna venne. Allora si gonfiarono le vele, s’avvio il legno ed io pregai la mamma… si lasciasse condurre sino alla sponda opposta del lago, ma non volle dicendo che era troppo lontano e il non poter tornare indoietro quando volesse le faceva apprensione e che allora non si sarebbe più divertita ecc. per conseguenza siamo andati fino a Belgirate e poi data una virata e pigliato il lago verso la sponda milanese, virammo di nuovo e colla stessa inverna arrivammo dinanzi alla casa dove si gettò l’ancora e si scese. Il risultato di questa gita fu, che la mamma trovò comodo e bello il bastimentino, ebbe un po’ più di confidenza nel mio saperlo guidare, si divertì alquanto e questo piccolo strapazo la fece stare un po’ meglio il giorno appresso e la preparò all’altra gita a Pallanza …

Costanza Trotti Arconati Visconti in un dipinto anonimo conservato al Museo del Risorgimento di Milano. La Arconati (Vienna, 1800 – 1871) aveva sposato il cugino Giuseppe, che era stato condannato a morte in contumacia per aver richiesto l’intervento piemontese nella liberazione del Lombardo-Veneto. Il marchese fu poi amnistiato. Costanza fu attiva nel movimento di indipendenza italiano, grazie alla suo ruolo di messaggera per i carbonari. Intrattenne un fitto epistolario con personalità italiane ed europee e con i patrioti imprigionati nella prigione dello Spielberg. Alla fine del 1849 si era traferita con il marito a Pallanza, dove avevano affittato palazzo Viani Dugnani (oggi sede del Museo del Paesaggio). Lì erano stati loro ospiti gli altri “esuli”, come Ruggiero Bonghi, Alessandro Manzoni e Donna Teresa. Costanza Arconati era amica di Teresa, malgrado lo scherzo che le aveva fatto non invitandola al matrimonio della figlia del Manzoni, Vittoria, nel 1846

E per fare un viaggio comodo e riparato si decise a montare sul vapore, che per lei era una novità, e se non fosse un po’ di freddo che sentì da Stresa a Pallanza in grazia dell’inverna forte che c’era, avrebbe fatto un amenissimo viaggio. Però non ne sofferse. Una volta a Pallanza non vi fu mezzo di partire come lo avrebbe desiderato la mamma, e furono tali le costanti preghiere della signora, che la mamma dovette cedere e si fermò quattro giorni; nei quali la continua distrazione e due passeggiate in carrozza a Intra, le giovarono e risente anche adesso di quel giovamento. A Pallanza c’erano Berchet, Ruggiero Bonghi e Mary Clarke, l’amante del compianto Claude Fauriel, che pregò Alessandro e Teresa di donarle le lettere che lui aveva del Fauriel. Manzoni non aveva voglia di rientrare a Milano e sarebbe rimasto sul lago con grande gioia. Non era solo per la bellezza del luogo. A Lesa si respirava un’aria di libertà. Lo raccontava il Tommaseo in una lettera a Giovanni Sforza: Il soggiorno di Lesa non gli era caro soltanto perché solitudine, ma perché l’Aquila fin là non distendeva le penne. Parlandomi di ciò nel 1855, e’ mi diceva … che passar quel confine sempre gli parve una méta desiderata. Come ne scriveva Giuseppe Marenzi nella premessa al volume Colloqui a Lesa sul Manzoni, il paese lacustre era diventato, grazie alla presenza dello scrittore, la sede di incontri e colloqui di un’élite culturale lombarda, piemontese e toscana, nella fervida attesa del risorgomento nazionale che doveva essere anche una rinascita dello spirito.

A Pallanza Donna Teresa incontrò Mary Clarke Mohl, amante del compianto Fauriel

Quando era in campagna il Manzoni portava sempre il cappello di paglia anche d’inverno, e, per passeggiare indossava pantaloni di stoffa leggera, mentre, quando rientrava, si cambiava con vestiti più pesanti. In quel frangente si metteva a litigare con i bottoni delle bretelle. Stefano gli diceva: Ma io ho tante bretelle, papò, ve ne regalo tre o quattro paia, quanti calzoni avete tante bretelle vi regalo, di modo che poi non ne avete da tribolare. Il Manzoni si seccava molto di queste osservazioni che gli parevano irriverenti! Anch’io – racconta Stefano Stampa –  in quel tempo, soffriva molto il caldo e mi vestiva più leggermente di lui. Un giorno andammo a passeggiare nella valle dell’Erno, presso Lesa, e giunti ad un punto dove una gora attraversa il fiume come un ponte, ci fermammo ad ammirare una quantità di stalattiti di ghiaccio, che dalla gora discendevano a toccare il letto del fiume. Io distaccai una di quelle stalattiti; vi attorcigliai intorno la mia pezzuola, portandola come fosse una mazza. Poi ritornammo sulla strada del Sempione. Ma siccome era una bella giornata manzoni sentì il bisogno di levarsi anche il giacché, e così ce ne ritornavamo a casa, quando incontrammo una carrozza con dei signori, che vedendo queste due persone, una con un bastone di ghiaccio, l’altra col cappello di paglia, volevano gettarsi dallo sportello per mirarci, e non cessarono dallo sporgersi fuori dalla carrozza finché poterono vederci.

Stefano Stampa illustrava talvolta le sue lettere con disegni, come questa con il Mulino di Carpugnino del 5 Dicembre 1858, conservata presso la Casa del Manzoni a Milano

Manzoni era un grande camminatore e non temeva di affrontare gli imprevisti. Il 20 giugno del 1849 Stefano descrisse all’amico Rossari una paseggiata fatta a monte di Lesa, passando per Nebbiuno e Massino, con ritorno da Solcio. Partiti alle dodici e un quarto precise i due raggiungono Belgirate e si incamminano verso San Salvatore. A Massino una breve sosta per mangiare un po’ di pane intinto in un bicchiere di vino e acqua; per evitare i viottoli che attraversano i prati, temendoli bagnati, imboccano una strada più lunga che attraversava un terreno in mezzo a stupendi castagni. Sull’orlo di un vallone di terra tutta sfranata, e coronato di verzura con sassoni in fondo – raccontava Stefano nella lettera – che era veramente pittoresco. Per me era la prima volta che vedevo quel bel vallone e credo che anche tu non lo conosca ancora. A poca distanza da lì poi trovammo il piano o la china di Monte, tutta di bellissimi prati, contornati da castagni stupendi e in fondo di questa china si spiega la magnifica pianura novarese che tutta azzurra si spande e si perde nella nebbietta dell’ultimo orizzonte, rassomigliando moltissimo all’immenso mare! Quel luogo cavò molte esclamazioni a papà ed io col becco aperto me le trangugiava deliziosamente. … Dopo siamo saliti a S. Salvatore, ma il pittoresco della veduta è migliore a Monte che in cima. Discesi a Massino abbiamo cambiato strada nella discesa a Lesa, e in cima al Moett Cavretta abbiamo trovato un altro bellissimo punto di vista, donde poi facendo un sentiero, veramente da capre, siamo discesi ai ombriisc dietro Casnago e siamo tornati a casa pel ponte.

Francesco Hayez, Ritratto di Antonio Rosmini, 1853, olio su tela, Milano, Pinacoteca di Brera. L’11 ottobre del 1853 Stefano ospitò nella sua villa il “pittorone” che doveva eseguire il ritratto del Rosmini. Come quelli di Alessandro e Teresa, anche questo quadro fu commissionato da Stefano Stampa. Quasi giornalmente il conte si recava in compagnia del celebre pittore a Stresa, dove, per tenere sveglio il Rosmini, lo Stampa raccontava barzellette. Saranno in tutto diciassette sedute. In mano il filosofo tiene gli occhiali, umilissimo oggetto personale. In seguito Stefano Stampa farà una copia del dipinto che si trova tutt’oggi nel Museo Rosminiano di Stresa. Il figliastro del Manzoni aveva studiato fin dal 1846 gli scritti dell’umilissimo filosofo roveretano, approfittando della solitudine della sua villa a Lesa

Durante la sua permanenza sul Lago Manzoni aveva scritto molto: il discorso Del romanzo storico nell’inverno del ’49, ildialogo, intitolato Dell’invenzione, iniziato probabilmente nel gennaio del ’50 e pubblicato in settembre, oltre al saggio Del sistema che fonda la morale sull’utilità. Del dialogo Manzoni aveva parlato durante i suoi incontri col Rosmini nel parco della villa di Stresa, che l’Istituto della Carità, la congregazione fondata dal religioso nel 1828 sul Calvario di Domodossola, aveva ereditato dalla benefattrice Madama Anna Maria Bolongaro. Il Rosmini ne aveva seguito la stesura quasi ogni giorno e ne scriveva in una lettera al suo seguace Don Alessandro Pestalozza il 3 Luglio del 1850: Don Alessandro, che sta bene, La saluta. E perché non venire a passare qualche giorno con noi in questa bella stagione? Discorreremo di molte cose di filosofia, ora anche Don Alessandro ci si è messo, e ne ha scritto un bellissimo dialogo che uscirà nel prossimo fascicolo delle sue Opere varie. I due uomini erano soliti passeggiare all’ombra del Taxodium o della Magnolia Grandiflora e conversare di morale, filosofia e politica. Dei dialoghi tra Manzoni e il Rosmini riferirono, in modo diverso, sia Théophile Gautier, che passò dal Verbano durante il suo viaggio nella penisola del 1850, che Niccolò Tommaseo. Il francese scrisse che tutti i giorni uno dei suoi amici, filosofo e metafisico profondo, viene con qualsiasi tempo, a intrattenere con lui una di quelle grandi discussioni che non possono avere alcuna soluzione quaggiù, perché vi si parla degli alti misteri dell’anima, dell’inifinito, dell’eternità.

La “Villa Bolongaro” in un dipinto ottocentesco di Costantino Prinetti (Cannobio, 1825 – Milano, 1855). La dimora, nota anche come “Villa Ducale” perché vi soggiornò la Duchessa di Genova, sorella della Regina Margherita, era stata costruita dal “self made man” Giacomo Filippo Bolongaro. Alla fine del Settecento era stata soprannominata “casa d’oro”, per il lusso e la maestà che ispirava, in contrasto con le semplici abitazioni del paese. Il Bolongaro, che era partito da Stresa ancora bambino per far fortuna all’estero, era tornato nel 1771 e aveva fatto erigere il palazzo. Si racconta che egli regalasse ai ragazzi che emigravano un vestito nuovo e gli dicesse “Vedete che cosa sono riuscito a fare io, che ero povero come voi? Se vi dare te da fare, anche voi potrete ottenere altrettanto!”. Quando l’abate Rosmini giunse a Stresa conobbe Anna Maria Bolongaro, che decise di donargli la sua casa “per attestato della somma stima che nutro per Lui, non meno che della intensa gratitudine che gli professo, e del grande compiacimento che provo per il notevole bene che fece a questa popolazione di Stresa”

Il Manzoni è a Lesa – scrisse il Rosmini al Tommaseo il 14 Dicembre – e lo vidi ieri, e udì con gran piacere ciò che gli dissi di voi: egli al presente lavora a un discorso sul romanzo storico, sull’epopea e gli altri generi di storia e d’invenzione: i suoi concetti su ciò vi sono già noti. Fu un inverno di intensa attività per il Manzoni, che aveva anche forti preoccupazioni finanziarie per i debiti che il figlio Filippo andava accumulando a Vienna, dove era tenuto come ostaggio insieme agli altri prigionieri di guerra, in seguito ai fatti del ’48. Il 23 Dicembre Stefano scriveva al Rossari: Il Manzoni scrive sempre e assai e lo faceva perché aveva annunciato il discorso in un manifesto: ho dovuto lavorarci, non solo per mantenere un impegno contratto col pubblico in tutt’altri tempi, ma anche per evitare una lite tra due librai. Il lavoro era per Manzoni anche un modo per isolarsi dalle tante distrazioni: i disagi di Donna Teresa, soprannominata ironicamente dal consorte il comitato di salute pubblica, le ansie per i figli e per le tasse. Ruggiero Bonghi, il giovane esule napoletano ospite del Rosmini restituirà i dialoghi tra il filosofo e lo scrittore nelle Stresiane.

Lo scrittore francese Théophile Gautier in un pastello di Louis Antoine Léon Riesener (Parigi 1808 – 1878), Parigi, Maison Balzac. L’autore di Capitan Fracassa incontrò Manzoni e Rosmini quando soggiornò a Stresa nel 1850

Il Tommaseo, che soggiornava a Belgirate, sottolineò invece il ruolo del paesaggio: E il lago ameno (dacché le acque sempre congiungono meglio che disgiungere) doveva, avvicinandoli per buona parte dell’anno, stringere più la loro familiarità, e rendere i colloqui più ispirati nel cospetto di quella lieta natura, e più fecondi d’idee alla mente e di merito al cuore. Dico di merito, perché il Rosmini già infermo faceva di buona lena quel miglio di cammino da Stresa a Lesa (anco i nomi consuonano; e il soggiorno del poeta l’ha più soave a dire del filosofo accanto all’Alpe), e giunto in casa dell’amico, si sedeva trafelato e quasi spasimante … Raccontava egli stesso che disputando il Rosmini seco mentre che passeggiavano lungo il lago poneva questa questione degna della sua mente: – Certi usi in certe stagioni della lingua vengono meno, e altri sottentrano: a quali attenersi? – Ed egli da poeta e da buon leggitore di Platone rispondeva con una similitudine: – Di lì abbiamo il lago, e non vi va né pedoni né carrozze; qui la strada carreggiata e ci si passegga: certe ore l’acqua si ritira e la terra rimane allo scoperto: si discuterà egli se quel tratto sia terra da camminarci o sia lago? – La risposta è socratica: ma non risolve le difficoltà della mente neanche di chi abbia gran voglia di mettere fine a codesta lite uggiosa e malaugurata. Le visite del Rosmini erano frequenti, così come da Lesa il Manzoni andava e veniva in carrozza nelle ore della mattina, a volte solo, ogni tanto con Teresa oppure con Stefano; e, dopo desinare, non era raro che se ne tornasse a piedi, accompagnato per un pezzo dal Rosmini. Se per caso rimaneva a Villa Bolongaro a dormire voleva sempre che ci fosse nelle vicinanze qualcuno. Manzoni aveva paura di restare solo e stare con l’abate, il filosofo della sua mente, era quello che più desiderava. L’anziano religioso rappresentava per il Manzoni una figura paterna e assistenziale che gli piaceva. Il 9 di Settembre 1850 fecero insieme una gita alla Barozzera, una minuscola frazione di Ameno, nel Cusio. Lì c’era una casa dove i rosminiani si ritiravano per studiare. Facevano parte della compagnia alcuni ecclesiastici della zona e fu organizzata una colazione con i maestri delle scuole elementari, emozionati per l’ospite illustre. Dopo il pranzo si recarono al roccolo di Don Giovanni Monti, un prete che abitava proprio lì e la sera si spostarono a Pecorino nella casa del Monti, dove pernottarono. Il mattino dopo lo scrittore e il Rosmini scesero a Orta, dove il Manzoni rammentò che vi doveva essere sepolta una sua parente.

Manzoni inviò nel 1852 a Teresa una lettera con dei fiori di ciclamino da conservare

Teresa e Alessandro rientrarono a Milano il 26 settembre del 1850; il dialogo Dell’invenzione fu subito stampato, tanto che Manzoni ne regalò una copia alla moglie già il 9 ottobre. Stefano, che si sentiva finalmente libero dalla famiglia, scrisse a Manzoni che il Rosmini, senza di lui si sentiva perso. I Manzoni tornarono ancora nel 1851, anche se in quell’estate lo scrittore non visitò molte volte l’abate Rosmini, perché questo era sprovvisto di cavalli. Durante un pranzo a Stresa con Rosmini si discusse di magnetismo. Stefano aveva assisitito a Milano a certi esperimenti di ipnotismo di Lafontaine nel ridotto del Teatro alla Scala. Nonostante le proteste di donna Teresa, Manzoni e Rosmini ne cercavano la spiegazione “scientifica”. Stefano nel nell’estate del 1852 schizzò un ritratto del Rosmini, mentre il filosofo, già sofferente, discorreva con Alessandro. Quell’anno restarono fino al 12 settembre, quando Manzoni raggiunse Massarosa, in Toscana, per visitare la figlia Vittoria e la nipotina Matildina. Inviò a Teresa una lettera contentente dei pan porcini, sperava di ritrovarli poi in qualche libro e di ricordare così quei momenti felici. Voleva tornare di nuovo a Lesa, prima di rientrare a Milano. Scrisse a Teresa: Penso che l’anno passato ne siamo partiti alla metà di novembre felicissimamente, e che il tempo deve alla fine aver messo giudizio. E sai meglio di me quanto sia più bello a Lesa che a Milano, quando è bello … Rimango nella speranza d’abbracciarti (fino a farti male) nella ventura settimana; e spero spero spero che la tua lettera m’indicherà Lesa come termine del viaggio. Le sue speranze si realizzarono e lui e Teresa restarono sul lago fino alla fine di novembre e tornarono nell’estate del 1853. In una lettera al cognato Giovan Battista Giorgini, datata 1 Agosto, il Manzoni scriveva: Noi si partirà per Lesa, a Dio piacendo, giovedì 4. Se non è mare, è almeno lago e con Rosmini il lago mi diventa mare.

Vista di Stresa in una stampa degli anni Quaranta dell’Ottocento, da Recueil de vues principales de Milan et de ses environs, Milano, Chez Ferd. Artaria et Fils Editeurs, 1840-42

Nel maggio del 1855 l’abate Rosmini, da tempo in precarie condizioni di salute, accusò una grave infiammazione al fegato. Teresa si raccomandava di dar da bere al Rosmini l’acqua di Boario, mentre i medici consiglivano di dargli il Racahout des Arabes e la tapioca del Brasile, alimenti che furono prontamente inviati da Teresa tramite corriera. Don Paoli, segretario del Rosmini, scriveva il 14 giugno a Stefano Stampa. siamo allo stremo della vita … il male precipita di giorno in giorno visibilmente. Il singhiozzo che continua ci minaccia di una rapida fine. Proseguiva dicendo che il Rosmini sia ancora presentissimo a se stesso. Se papà volesse venire, sa che viene in casa sua. Ottenuto finalmente il passaporto che attendeva da tempo, Stefano lasciava Milano il 15 giugno raggiungendo direttamente Stresa, dove faceva visita al Rosmini e lo rallegra annunciandogli l’arrivo, per il giorno dopo, del suo dilettissimo amico. Verso le quattro del pomeriggio del 16 luglio giunse il Manzoni con i due medici curanti, il Pogliaghi e il De Bonis. Preso dalla commozione il Rosmini strinse forte la mano dell’amico e la baciò. Lo scrittore, turbato e colpito, si chinò a sua volta per baciare la mano del malato, ma per non essere pari a lui, si girò per baciargli i piedi. Unica maniera – commentò poi il Manzoni – che gli rimanesse per riprendere il suo posto. Il De Bonis, scriveva Stefano alla madre, temeche non possa vedere il mese di luglio e cercava di curare l’infermo con gocce di laudano. Il 29 Stefano riprende la penna per comunicare che non c’è più nulla da sperare; così è purtroppo, cara mamma! Rosmini morì la notte del 30 Giugno. Manzoni entrò poi nella camera vuota del filosofo e toccò i vari oggetti che vi si trovavano, come per rievocare la presenza dell’amico; prese un Paradiso di Dante e lo avvicinò alle labbra. Invitato a tenere qualcosa in memoria, portandosi la mano alla fronte, e poi al cuore disse: la memoria è qui. E guardando il letto vuoto e toccandolo mormorò le parole del Rosmini: Adorare, tacere, godere. Manzoni e Stefano parteciparono al semplice funerale il 3 luglio nella parrocchia e poi nella chiesa del Santissimo Crocifisso, sul colle dominante il lago. Manzoni fece ritorno a Milano e poi ripartì per Lesa con Teresa, ma la lasciò solo per visitare gli Arconati a Cassolnovo, in Lomellina, mentre Stefano si recò a Parigi con il maggiordomo. In Ottobre Manzoni era ancora lontano. Lo scrittore iniziava ad annoiarsi dei presunti o veri malesseri della moglie, ed era seriamente preoccupato per la figlia Matilde ammalata di tisi, che morì il 30 Luglio del 1856. L’anno successivo Teresa corse a Lesa il 4 Luglio per una indisposizione improvvisa del figlio. Manzoni non potè resistere solo a Milano e chiese il passaporto, che ottenne verso la fine del mese. Raggiunge la moglie e, subito dopo, visitò la tomba del Rosmini a Stresa. Per la gestione degli affari di famiglia e le incombenze improvvise il Manzoni si affidava sempre di più l figlio Pietro. Come gli scriveva dal lago il 30 Settembre 1856 Chi non memoria abbia… Pietro, pregandolo di spedirgli per mezzo del solito corriere fasci di carte contenenti appunti sulla lingua, fogli e foglietti, libri, l’ombrello, quattro libbre di cioccolata in piccoli pani di un’oncia, della più fine, del cioccolattiere Nava, che sta nella corsia de’ Servi dirimpetto alla galleria … dimenticavo per la seconda volta un par di fogli di carta sugante rossa, che troverai nell’armadio del mio studio. Il 1857 fu l’ultimo anno in cui Manzoni soggiornò sul lago.

Stefano Stampa, Ritratto della madre Teresa Borri Stampa Manzoni, dagherrotipo, 1851/1852, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, Fondo Manzoniano. Il figliastro di Manzoni era appassionato cultore dell’arte fotografica. Si osservi come abbia posto il volto della madre verso la finestra e le abbia messo in mano un foglio bianco per schiarire le ombre

Stefano Stampa, Ritratto della madre Teresa Borri Stampa Manzoni, dagherrotipo, 1851/1852, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, Fondo Manzoniano

Stefano Stampa, Ritratto di Alessandro Manzoni, dagherrotipo, 1851-1852, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense, Fondo Manzoniano

Teresa si ammalò seriamente nel 1858. Morì il 23 agosto del 1861, sola, senza il conforto del marito e del figlio. Fu sepolta nel cimitero di Lesa. In una lettera al D’Azeglio, ringraziandolo per le condoglianze, Stefano Stampa ricordava la madre con un tono commosso: è vero che ho fatto tutto quel che ho potuto per Lei, ma Ella meritava dieci volte di più. Vedova e sola, è stata per me un padre severissimo. una madre tenerissima, un fratello ed un compagno famigliarissimo giocando persino con me senza lasciarsi perdere il rispetto. Insomma s’io sono un galantuomo, lo devo a lei  che sacrificò tutta la sua vita per me. Dopo la scomparsa di Donna Teresa, Manzoni non ritornò più a soggiornare sul lago: le memorie per me preziose del Lago Maggiore, sono appunto quelle che me ne tengono lontano: perchè ci sentirei, a ogni passo e a ogni  momento, più pungente la mancanza della persona che, più di tutte, me ne rendeva caro il soggiorno. Ai ripetuti inviti di Stefano rispondeva che il soggiorno di Lesa senza la mia Teresa sarebbe per me troppo triste; mi sarebbe insopportabile. Riprese in casa il figlio primogenito Pietro e la sua famiglia che lo sollevava dalle brighe dell’azienda domestica. Si spostò nella camera più ad ovest della casa di Morone, lasciando spazio per Pietro e la sua famiglia. Stefano se ne andò per sempre dalla casa di via Morone per trasferirsi in via Santo Spirito. Si portò con se come cameriera Maria Rovera, la figlia del fattore di Lesa, che restò con lui fino al 1908, quando si sposò con il compaesano Carlo Rodi. Stefano conviveva con un’altra cameriera, che presto divenne ex e sua amante. Si chiamava Elisa Cermelli.

La casa della famiglia Manzoni in piazza Belgioioso a Milano

Il 22 maggio del 1873 Manzoni morì di meningite, come conseguenza di un trauma cranico per aver battuto la testa su un gradino, all’uscita della chiesa di San Fedele. Gli sopravvissero solo i figli Enrico e Vittoria. Fu sepolto, dopo solenni funerali, al Cimitero Monumentale. Un anno dopo Giuseppe Verdi, che aveva conosciuto il Manzoni il 30 Giugno del 1868, diresse un messa in Requiem, scritta per l’occasione, nella Chiesa di San Marco. Come scriveva il compositore al Sindaco di Milano da Sant’Agata, è un impulso, o dirò meglio, un bisogno del cuore che mi spinge ad onorare, per quanto posso, questo Grande che ho tanto stimato come scrittore e venerato come uomo, modello di virtù e di patriottismo.

ddddd

Il corteo funebre di Alessandro Manzoni in via Corsia dei Servi

Il conte Stefano Stampa nel 1865, Istituto per i Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Un ritratto di Elisa Cermelli, la cameriera della madre Teresa, che Stefano Stampa sposò nel 1887. Milano, Sala Manzoniana della Biblioteca Braidense

Rimasto solo, Stefano evitava di tornare a Lesa. Gli metteva malinconia. Viveva con Elisa Cermelli e la portava ovunque. Nel 1887 la sposò e si stabilì nella sua villa di Torricella d’Arcellasco, in Brianza. La moglie morì nel 1904. Stefano si ammalò di diabete e diventò completamente cieco. Litigò con il comune di Lesa: era diventato irascibile e rabbioso. Fece spostare le salme della madre e del padre dal cimitero e costruì la tomba di famiglia a Torricella d’Arcellasca.

Autroritratto di Stefano Stampa in età matura, Istituto dei Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Scorcio esterno di Villa Stampa a Torricella d’Arcellasco, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

“Il bel casorino” di Torricella d’Arcellasco, ultima residenza del conte Stefano Stampa, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Il cavalletto di Stefano Stampa a Torricella, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Stefano Stampa nel 1900 al cavalletto, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Stefano Stampa anziano, Istituto per i Figli della Provvidenza, da Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino

Nel suo testamento Stefano Stampa nominò erede universale l’Istituto dei Figli della Provvidenza, magari perché vi si trovava un suo figlio illegittimo avuto da una cameriera, tale Lucia. Morì nel febbraio del 1907. Aveva chiesto di non avere fiori al suo funerale e di essere trasportato come un povero. La villa di Lesa passò all’Istituto, ma fu acquistata nell’aprile del 1926 dalla signora Martina Tadini vedova Cengia, già figlia di Giacomo Antonio Tadini, uno dei primi amici di Manzoni a Lesa. Nel 1950 è stata acquistata dalla Banca Popolare di Novara.

La facciata neoclassica di Villa Stampa a Lesa in una foto degli anni Trenta

La porta d’ingresso della villa Stampa a Lesa

Il cippo di nero di Varenna, posto da Teresa Borri Stampe nell’atrio della villa di Lesa, a ricordo del marito, il conte Decio Stefano Stampa, stroncato a 24 anni dalla tisi. Attualmente è conservato nella Sala Manzoniana di Palazzo Stampa

La scala che porta al piano nobile

La stanza, detta la “sala bella”. Il mobilio fu rinnovato dalla nuova proprietaria Martina Cengia, vedova Tadini, ma fu conservato l’arcolaio utilizzato dalla cameriera  Linda Boschetti

La cosiddetta “sala gialla” nella villa Stampa a Lesa, con un grande paesaggio di Stefano Stampa

La camera da letto di Manzoni con l’ottomana e i letti gemelli. La stanza era rivolta verso il Lago e possdeva un lavabo a colonna e lussuosi pavimenti in legno

Il giardino della villa Stampa a Lesa

La villa Stampa vista dalla strada del Sempione, in una foto del 1933

In apertura: la villa Stampa a Lesa in un disegno di fine Ottocento. La dimora, che nel Settecento era divisa tra diversi proprietari, arrivava fino al lago e si chiamava Belvedere. Ai lati della villa sono visibili gli edifici del Pizzo Grande e Pizzo Piccolo, che furono demoliti per la costruzione del lungolago. Il dagherrotipo di Stefano Stampa è tratto dal libro di Enzo Azzoni (in bibliografia).

Scarica qui il pdf dell’articolo: Quei bei giorni di Lesa. Le vacanze di Alessandro Manzoni sul Lago Maggiore

Bibliografia: Ruggiero Bonghi, Le Stresiane, Milano, Tipografia Editrice L.F. Cogliati, 1897; S.S., Alessandro Manzoni. La sua famiglia. I suoi amici. Appunti e memorie, Milano, Hoepli, 1885; Ezio Flori, Soggiorni manzoniani. Lesa e Villa Stampa, in “Emporium”, febbraio 1933-IX, anno XXXIX, N. 2 – Vol. LXXVII – N. 458, Bergamo, Istituto Italiano di Arti Grafiche, pp. 76-89; Ezio Flori, Il figliastro del Manzoni, Stefano Stampa. Dal carteggio inedito di Don Stefano, Milano, 1939, Istituto Editoriale Cisalpino; Pietro Citati e E. Milani, Immagini di Alessandro Manzoni, Milano, Mondadori, 1973; Enzo Azzoni, La fotografia sul Lago Maggiore, Pallanza, Montefibre, 1980; Natalia Ginzburg, La famiglia Manzoni, Torino, Einaudi, 1983; M. e L. Corgnati, Alessandro Manzoni “fattore di Brusuglio”, Milano, Mursia, 1984; A.A.V.V, Colloqui a Lesa sul Manzoni, a cura di Andrea Gonzi, Intra, Alberti Librario Editore, 1988.

A Lesa è visitabile il Museo Manzoniano, ricco di documenti e cimeli di grande interesse, che ha sede nella Villa Stampa. Per informazioni: ComSchedaTem.asp?Id=6882

Annunci
Published in: on 13 dicembre 2011 at 12:15  Comments (10)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2011/12/13/quei-bei-giorni-di-lesa-le-vacanze-di-alessandro-manzoni-sul-lago-maggiore/trackback/

RSS feed for comments on this post.

10 commentiLascia un commento

  1. Molto interessante ed emozionante conoscere succesi cosi’ ben raccontati della vita del Manzoni e del filosofo Rosmini di cui sono orgoglioso discendente. Graziep

    Mi piace

    • Gentile Signor de Rosmini,
      la ringrazio moltissimo per i complimenti che ci fanno davvero piacere. Abbiamo tanti argomenti in programma da mettere nel blog, che si prospetta come un contenitore digitale infinito, anche un articolo su Rosmini. Nel caso che lei avesse del materiale inedito o fotografie interessanti, o su Domodossola o su Stresa con il sacerdote, non esiti a contattarci. Saremo contenti di pubblicarle. Grazie ancora e a presto. Paola Vozza e Marco Casali

      Mi piace

  2. Se non ricordo male Natalia Ginzburg in “La famiglia Manzoni” sostiene che Manzoni non amava per nulla Lesa e fondalmente non aveva alcun rapporto con i lesiani a differenza del figlio di Teresa Stefano Stampa che era invece profondamente immerso nella vita del paese. Magari però ricordo male…

    Mi piace

    • Non direi

      Mi piace

  3. mi è piaciuto molto davvero interessante avete fatto un ottimo lavoro
    Luisa Bosis

    Mi piace

  4. Interessantissimo. Bello come un bel romanzo. Grazie.

    Mi piace

  5. Molto molto interessante

    Mi piace

  6. […] Via: L’archivio del Verbano Cusio Ossola […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: