Ritratto di un artista scapigliato. Daniele Ranzoni e gli anni felici di Ghiffa


§

Questo racconto è un omaggio al grande pittore intrese Daniele Ranzoni. La stesura del testo e la raccolta delle immagini a corredo è stata possibile grazie a ricerche precedenti. Le foto dei quadri e le informazioni sulla sua vita sono tratte da diverse fonti. Prima di tutto occorre citare la fondamentale monografia di Annie-Paule Quinsac, Daniele Ranzoni, Milano, Skirà, 1997 che ha studiato per lunghi anni la biografia ranzoniana, ricostruendo l’opera completa e ha contribuito alla conoscenza dell’artista. Altre immagini sono tratte dal libro di Piera Imbrico, Ranzoni, Intra, Alberti, 1989. Le foto relative a Intra, i ritratti di Ranzoni e di Imperatori sono tratte dal libro di Enzo Azzoni, Il Lago Maggiore 1840 – 1890, Pallanza, Montefibre, s.d. Il collezionista di Pallanza ha raccolto nel grande volume un’importantissima collezioni di immagini d’epoca. Altre immagini sono frutto di ricerche in rete (da ebay, delcampe e dai siti internet delle case d’aste). Dove è stato possibile sono state citate le fonti originarie.

§

Il 3 Dicembre 1843, in una freddissima giornata, venne alla luce a Intra Giovanni Daniele Ranzoni. Chi si trovasse a percorrere le stradine della cittadina, alla ricerca di un’accogliente osteria in cui trovare rifugio, potrebbe capitare alla Rosa Bianca, il locale storico fondato nel 1874. Percorrendo via De Bonis, fiancheggiata dal settecentesco Palazzo Peretti, giungerebbe a una piazza quadrata, con tre cortine di edifici e la Chiesa di San Rocco. Su una delle case una piccola targa ricorda al viandante che proprio qui nacque il pittore, destinato a diventare uno dei più importanti rappresentanti della Scapigliatura. Figlio di Francesco, calzolaio (nato da Guido e Lucia Tonazzi) e di Elisabetta Franzosini (figlia di Cesare e Giuseppa Della Rossa), che riuniva in sé le professioni di sarta e levatrice, il piccolo Daniele era il quarto arrivato.  Aveva una sorella, Maria Giuseppina Palmina, nata il 23 Marzo 1839, che morirà nel febbraio del 1843, un fratello, Prospero Giuseppe (nato il 14 Dicembre 1840) e un’altra sorella di quindici mesi, Maria Virginia Giuseppa, nata il 23 Maggio 1842.  Il 1° Gennaio del 1853 nascerà il fratello Remigio e il 2 Agosto 1854 vedrà la luce Augusto Matteo Giulio. Il bambino si rivelò, già a nove anni, dotato nell’arte del disegno. Il suo primo maestro, stipendiato da alcuni signori intresi, al corso serale delle scuole tecniche fu Luigi Litta, un pittore lombardo residente a Intra, che lo seguì dal 1853 al 1856.

Piazza Mazzini a Intra come si presentava alla fine dell’Ottocento

Grazie alla prodigalità di alcune famiglie di Intra, fu ammesso il 18 Novembre 1856 all’Accademia di Brera di Milano, dove frequentò la classe di Giuseppe Sogni e il 27 Agosto 1857 ottenne il primo premio alla Scuola di Ornato. Dal 1859 al 1860 proseguì gli studi all’Accademia Albertina di Torino. Con il sostegno del marchese di Breme, un aristocratico e  artista dilettante, fu poi accolto, il 22 Settembre 1860, tra i “nuovi pensionari” del collegio Caccia di Novara. Ranzoni, che si assicurava così una borsa di studio da quaranta lire al mese per otto mesi e rinnovabile, chiese “per convenienza di famiglia” il trasferimento a Milano. Nelle aule della scuola del nudo di Giuseppe Bertini, dal 1860 al 1864, incontrò il collega Tranquillo Cremona, con cui strinse un lungo e importante sodalizio. Iniziò a frequentare, tra i tanti artisti, Mosè Bianchi e Medardo Rosso, Giuseppe Grandi, Filippo Carcano e Federico Faruffini. Cremona, Ranzoni, Mosé Bianchi, Rinaldi, ed altri lavoravano tutti contemporaneamente nello studio del prof. Bertini. Ranzoni, che avea sin da allora il ramo della pazzia, diceva a guisa di ritornello fra una pennellata e l’altra: “Mi voo a Intra”.  Si ammalava spesso e frequentava le lezioni con discontinuità. Sempre per volere degli amministratori del collegio novarese tornò a Torino nel 1864, ma iniziò l’anno come allievo di Andrea Gastaldi solo in Febbraio per le continue emicranie. Ranzoni chiese di poter tornare a Milano, ma la sua richiesta venne respinta e la borsa di studio non rinnovata.

Nel quadro di Ernesto Fontana, Una parte degli scolari dello studio Bertini, sono raffigurati il Ranzoni e i suoi colleghi, 1862, Collezione Città di Lugano. Un’iscrizione posta sul retro del dipinto consente la loro identificazione: accanto ai nomi sono elencati i titoli dei dipinti prodotti da ciascun artista durante l’anno di corso 1862-1863. Da sinistra in altro in senso orario i volti di Giuseppe Petroli di Intra, Daniele Ranzoni di Intra, Giuseppe Puricelli di Gallarate, Ernesto Fontana di Cureglia, Tranquillo Cremona di Pavia, Mosè Bianchi di Monza, Antonio Barzaghi Cattaneo di Lugano e Pietro Michis di Milano

Giuseppe Bertini attuò nei primi anni del suo insegnamento una vera rivoluzione, la cui importanza non è forse ancora stata valutata. Sui banchi di Brera si privilegiava il disegno, mentre il maestro puntava sulla sperimentazione cromatica, ispirandosi alle precendenti ricerche intraprese da Eleuterio Pagliano e da Domenico Morelli, che aveva soggiornato a Milano nel 1855. I giovani allievi avevano certamente ammirato i dipinti che Federico Faruffini esponeva alle mostre annuali di Brera e il Cremona doveva aver già conosciuto l’artista più maturo all’inizio degli anni Quaranta ai corsi della Scuola Civica di pittura di Pavia. Inoltre il Bertini incitava i suoi allievi allo studio dell’antico attraverso le fonti letterarie e li portava nella vicina Pinacoteca a copiare le opere degli artisti rinascimentali e dalle tele sei e settecentesche. Non mancava nella formazione degli studenti la conoscenza delle moderna pittura francese e inglese, passando da stilemi tardo puristi, già preraffaellite al gusto pompier e los tudio delle nature morte opulene di Luigi Scrosati. Il primo quadro importante del Ranzoni, Beatrice Cenci che scioglie i capelli al sole (Effetto di sole), saggio accademico del 1863,  mostrava una particolare attenzione agli effetti di luce e una precoce volontà di sperimentazione, avvicinandolo alla Piccola Fioraia di Carcano nel 1862. L’opera così come si presenta attualmente è il risultato di un complesso lavorio, se, come raccontava il Boccardi il pittore ogni giorno la dipingeva tutta d’un colore, verde, rosso, giallo, riuscendo ad insoliti effetti i luce. Il Giolli, che probabilmente conosceva soltanto il bozzetto che era conservato nella casa di Annetta Ranzoni, cognata del pittore, lo descriveva in modo simile: Cavenaghi e altri ch’erano in quei giorni alla scuola del Bertini mi hano raccontato quanto quel quadro stupisse, e come lo scettico maestro e gli stupefatti condiscepoli lo vedevan trasformarsi ogni giorno, oggi tutto rosso e domani nella gamma turchina, e poi ancor tutto trascolorato nei gialli. Pareva esser nato di colpo, in impetuoso abbozzo, e poi ogni giorno crescere, mentre un colore distruggeva l’altro, di ricchezza squillante e di vigoroso lume … questo quadro era una bizzarra rivoluzione.

Beatrice Cenci che si scioglie i capelli al sole (Effetto di sole), 1867-68, Milano, Collezione Privata.  Il quadro è una ridipintura o una versione più tarda dell’omonimo saggio finale, presentato da Ranzoni a Brera nel 1863. Sono soprendenti le similarità con Cortile a giardino con figure, effetto di sole di Filippo Carcano.  Già il titolo Effetto di sole posto da Ranzoni fra parentesi dopo il titolo ufficiale indica una consonanza con Carcano, nella precisa volontà di sottolineare la particolare perizia nella resa della luce e del colore. D’altra parte il pittore intrese è compagno di Carcano alla scuola di pittura, con Cremona, Faruffini, Bianchi, ed è certo che essi affrontano insieme gli stessi problemi posti dalla tavolozza e dalla resa della luce.  Esiste anche un bozzetto apparso sul mercato antiquario databile al 1863-64

Vacche all’abbeverata, olio su cartone, 1860-1863, Collezione Privata

Ritratto di Agostino Rossi “Il Tuffin”, olio su carta, 1862, Pallanza, Museo del Paesaggio. La data è confermata da una dichiarazione dello stesso Rossi sul retro del dipinto, eseguito dopo il periodo di studio all’Accademia Albertina

Ritratto di Margherita Ceretti in Petroli (“Zia Tin”), 1864, Collezione Privata. Questo capolavoro giovanile va riferito al 1863, prima della partenza per Torino, o subito dopo il ritorno nel 1864. La Ceretti (1847-1941), figlia di una prima cugina del Ranzoni è ritratta prima del matrimonio con il fotografo intrese Antonio Petroli (1849-1925), che era anche il fratello di Giovanni, un ex compagno di studi dell’artista

Ritratto di giovane donna, 1862-1864, olio su tela, Novara, Civica Galleria d’Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni, in deposito dal Collegio Caccia. Il dipinto appartiene al Collegio Caccia di Novara, il convitto maschile in cui Ranzoni venne accolto come borsista e pensionante per le belle arti tra il 1860 e il 1864. Il Collegio è anche proprietario di un’altra tela, intitolata Fratello e sorella, databile al 1859. Non si conoscono le circostanze del lascito. Forse Ranzoni voleva lasciare una testimonianza dei suoi progressi. La giovinetta è stata sempre ritenuta dalla critica la sorella maggiore del pittore, Maria Virginia Giuseppa; il quadro è riferibile agli anni di studio a Brera, per il richiamo al Bertini nell’intonazione luminosa

Una figura femminile, attualmente dispersa, fu l’oggetto del disgusto di Camillo Boito quando la osservò alla mostra di congedo dell’artista da Brera nel 1867, che così scrisse sulle pagine della rivista “Il Pungolo”: una mezza figura d0un Ranzoni è così scandalosa, che certo l’Accademia mostra di rispettar ben poco sé stessa consentendo ad esporre quello sgorbio puerile, ed a stampare nel libretto che l’autore è allievo della scuola di pittura del signor professor Bertini. Vorremmo poter giurare che il Bertini non sa nulla né del Libretto, né della esposizione, né del quadro, ma bastava il Segretario a custodire il decoro della scuola e dell’istituto. Anche la scritta è bestiale, poiché quella donna col volto rimpiastrato, che guarda un foglio di carta da musica, è nientemeno che una “Italiana pensante alla grandezza antica della patria”. E noi non avremmo toccato di questa sciocchezza per criticare uno scolaro, che è forse giovinetto e che potrà forse diventare con lo studio un onorato pittore, se in questa mostra non vedessimo un segno della decadenza miserevole a cui si avviano gli studi. Quel giovine, dopo un tanto saggio, dovrebbe essere rimandato dal Consiglio accademico non alla sala delle statue, ma alla scuola degli elementi: il Casnedi, non il Bertini, gli dovrebbe insegnare i nasi, le bocche, gli orecchi, il principio del disegnare. Danno in mano ai giovani i pennelli prima che sappiano che cosa è la matita; e la colpa non è dei fanciulli.

dddd

Dante e Beatrice, olio su cartoncino, donato da Annetta Ranzoni, cognata di Daniele,  nel 1918 al pittore Arturo Tosi

Ritratto di giovane donna, 1864, Collezione Privata

I giocatori di morra, tempera su stuoia, 1864 Pallanza, Museo del Paesaggio

Bosco di Antoliva, 1867-68, Pallanza, Museo del Paesaggio. Questo scorcio di prati e alberi  è uno dei primi tentativi del Ranzoni di pittura paesaggistica dal vero

La preghiera, 1868 circa, Collezione Privata

Ritratto di giovane donna, 1869-1870, Collezione Privata

Nel 1864 Ranzoni tornò a Intra, dove, aperto un modesto studio in una mansarda presa a prestito dall’antiquario Alessandro Scavini, cercò di sviluppare uno stile personale, basato sull’impasto tra la luminosità dei colori e lo sfumato dei contorni. Ranzoni, che viveva con la famiglia nella palazzo oggi sede della Biblioteca Ceretti, guardava al paesaggio di Fontanesi e ai volti del Piccio. Individuò subito nel ritratto il suo tema privilegiato. Girava con una scatoletta di colori all’acquarello. Era squattrinato, ma aveva un’ambizione: pitturà col fiaa. Tra una commissione e l’altra Ranzoni produceva anche per la sua Intra, così piena di imprese e commerci da essere definita la Manchester italiana, ritratti di famiglia a olio oppure in miniatura, affreschi per chiese e insegne per osterie. Intraprese dei rapporti di lavoro con l’aristocrazia che allora frequentava il lago. Tra il 1867 e il 1868 fondò, assieme al fotografo e pittore Giacomo Imperatori, il Circolo dell’Armonia, che riuniva artisti e intellettuali vicini al movimento Scapigliatura. Tra i membri dell’associazione c’erano Carlo Franzosini, deputato al Parlamento che commissionerà al Ranzoni il ritratto della consorte nel 1875, il medico e patriota Lorenzo Restellini, l’architetto Giulio Aluvisetti, Gian Giacomo Muller (un industriale svizzero che primo introdusse in Italia il telaio meccanico tessile) e l’avvocato Giovanni Battista De Lorenzi. Ecco come rievocava lo studioso verbanense Renzo Boccardi il sodalizio creato dal Ranzoni: dal portico angusto che sbuca presso l’Osteria del Pesce d’Oro (oggi v’è la pescheria) scivolaron fuori tre giovani zazzeruti e cianciosi: il pittore Daniele Ranzoni e i fratelli Imperatori, Giacomo ed Achille, quest’ultimo strano e paradossale fondatore e socio dell’ ‘Accademia dell’Universo scibile’: venivano forse dal “Circoletto dell’Armonia” in via del Torchio, una stretta intercapedine che vidi più su per via San Rocco prima di arrivare dinnanzi al Palazzo Peretti, la bella casa settecentesca di quei lontani discendenti di Pio V”.

Daniele Ranzoni siede, sulla balaustra, tra i soci del Circolo dell’Armonia a Intra, un gruppo “scapigliato” che, malgrado il nome augurale, durò soltanto un anno. Il primo a sinistra è Giacomo Imperatori, il fotografo pittore, il secondo lo scultore Taglioni e l’ultimo a destra il pittore Giovanni Petroli, fratello del fotografo Antonio Petroli

Il Caffè Ofelleria Caramora fu per molti anni il ritrovo della scapigliatura intrese

L’Imperatori, che aveva lo studio nel Palazzo Simonetta, fu uno dei primi pionieri della fotografia paesaggistica nel Verbano. Realizzò le panoramiche di Intra del 1865 e le incredibili immagini della disastrosa alluvione del 1868, quando il paese si trasformò in una città lagunare.

Un ritratto di Giacomo Imperatori (1837-1888), il fotografo e pittore di Intra amico di Ranzoni. Foto di Enzo Azzoni dalla ceramica della tomba di Imperatori

La disastrosa alluvione di Intra del 1868 in una foto di Giacomo Imperatori

Il torrente S. Bernardino, rotti gli argini, invase la Sassonia, riprese il suo antico letto e si unì alla foce con il lago, che aveva già tracimato nella parte più bassa della città. Le acque del lago, ingrossate da piogge eccezionali, allagarono Intra, arrecando gravi danni a tutta la regione. Il Ranzoni, che in quel periodo aveva il proprio studio e la scarsa clientela proprio nella città natia, fu scosso in modo pauroso dall’avvenimento. Bisogna tener conto che l’artista aveva una sensibilità del tutto particolare. Costretto a rientrare a Milano, animato da ideali unitari, pensò arruolarsi tra i garibaldini.

Ritratto del maggiore garibaldino Erba, Collezione Privata

Roma o morte, 1863-1864, olio su tela, Milano, Collezione Privata

L’eroe dei due mondi aveva visitato Intra nel 1862, ospite di Francesco Simonetta. L’amico Cremona lo convinse però a desistere dal proposito. Raccontava Vittore Grubicy de Dragon, sul catalogo della mostra postuma, che Ranzoni trovò 40 lire in prestito per recarsi a Milano ad arruolarsi nell’esercito. In Santa Margherita, vicino al Caffé dell’Accademia, incontrò Tranquillo Cremona:

Come va? Cosa fai?

Voglio andare soldato

Sei matto da legare

E lo piglia sottobraccio, lo insedia nel suo studio convincendolo che è nato troppo pittore per fare quello che sanno fare tutti purché non scartati alla visita. In questo clima elaborò il dipinto Italiana che pensa alla grandezza antica della Patria, presentato alla mostra di Brera del 1867. Si affidò quindi alle cure dell’amico, che lo ospitò nel suo studio-casa di Corso di Porta Nuova 19, dove abitava con la famiglia anche il giovanissimo Eugenio Gignous, che avrebbe aiutato il Cremona nella elaborazione della paesaggio di una grande composizione intitolata Faust ed Elena. I due artisti vivevano insieme a quei due locali al piano terreno, che servivano sia da studio che da camera da letto. Nel catalogo della mostra di Brera risulta che invece, verso la fine del 1868, Ranzoni era residente in via Larga 15, quando esponeva La preghiera, di ambientazione neomedievale, secondo il gusto dettato dal maestro Bertini e da Faruffini. Il tema era declinato con una stesura nuova, priva di chiaroscuro e dai contorni sfrangiati. Nello studio Cremona allestì uno spazio per la conservazione dei materiali utili alle composizione storiche, letterarie e di genere, come arredi, costumi e stoffe. Anche nel precedente atelier, come ricordava Vespasiano Bignami straordinaria era la stanza destinata a guardaroba in Contrada del Gambero. Possedeva in abbondanza stoffe antiche, costumi, pizzi di raro valore, ecc. I cassettoni, la cassapanca, aperti, sventrati, rigurgitavano, tutto il suolo era coperto; gli usci non si  potevano più aprire né chiudere. Si entrava di sbieco e bisognava canninare su quel mare di seta, di velluti , di trine, fregando, strappando, finché riesciva di trovare quello che si cercava. Anche Primo Levi, con il nom de plum di “il Milanese di Ferrara” descriveva già nel 1877 l’atmosfera dello studio di Corso di Porta Nuova 29: un’ortaglia, già orto di monache, udiva tutto il giorno un succedersi continuo di risa, di alte voci, e argentine, e vellutate, e basse, voci di belle donne, modelli all’artista, e di allegri giovani, che attongevano ingegno dal suo semplice e acuto parlare e dalla vista dei quadri che s’andavani creando sotto ai loro occhi – Era una vera corte, nella quale, invece di denaro, brillava negli uomini lo spirito, e nelle donne, più che i gioielli, la beltà. In questo studio il Cremona cambiò radicalmente il suo modo di lavorare, sprimentando nuove tecniche per stendere la materia pittorica destrutturandola e impostando le figure nello spazio della tela attraverso l’unico mezzo del colore. I contorni e i dettagli venivano sacrificati in nome di una fusione delle figure con lo sfondo e la gamma cromatica adottata era varia e inconsueta, per esmprimere il carattere e le emozioni dei personaggi ritratti. Comparivano inoltre materiali raffinati, come il blu di lapislazzuli che costava ben 14 lire al tubetto, che si stratificava sulle tavolozze del Cremona, che diventavano cos’ pesanti, a montagne e crateri di colori, simili a geografie in rilievo, non si potevano alzare da terra, ove infatti le lasciava sempre lavorando accosciato e tenendo le tele appoggiate al pavimento e sostenute da sedie, sgabelli o altro. Si serviva di pennelli grossi, simili a spatole, legati a bastoni, dei logori e frusti a preferenza di nuovi. Lavorava a più quadri contemporaneamente, perché di rado attendeva a una stessa opera molto tempo di seguito.

Tranquillo Cremona, il più caro amico di Daniele Ranzoni, in un’incisione di Luigi Conconi del 1879, Milano,  La Portantina di Mattia Jona, http://www.mattiajona.com

Gli anni Settanta furono il periodo d’oro della trinità dei nani giganti. Così amavano definirsi, per la comune piccola statura, Ranzoni, Cremona e Grandi. Ranzoni era fortissimo di spalle e trasportava su di esse accavallati Grandi e Cremona, ciascuno dei tre recando due candele accese in mano. E camminavano di notte per le strade, dicendo di fare la bestia infernale. Ranzoni, Grandi e Cremona erano chiamati i tre nani. Cremona però si vantava di essere più alto degli altri due “on pel de natura”. Insieme lavorarono alla ricerca di un modo nuovo di dipingere, basato sulla luce e non sul contorno, un’arte di vibrazione e di sentimento, meditata attraverso lo stile di Rembrandt e il colorismo veneziano. Alcuni artisti che operavano allora a Milano furono definiti scapigliati, anche se il termine era già stato registrato nel vocabolario milanese-italiano compilato da Francesco Cherubini nel 1839, dove corrispondeva a compagnia, combriccola.

Gli “scapigliati” Luigi Conconi, Carlo Alberto Pisani Dossi, Giovanni Giachi ed Emilio Praga

La parola fu poi resa celebre da Cletto Arrighi, nom de plum del giornalista e scrittore Carlo Righetti, con il suo romanzo La scapigliatura e il 6 Febbraio (Un dramma in famiglia). Romanzo contemporaneo, pubblicato nel 1862. Qui l’autore si riferiva a una condizione esistenziale, voleva indicare atteggiamenti anticonformisti, rifiuto di regole e sfida alle convenzioni della società perbene. La corrente si manifestò prima in letteratura che nel campo delle arti. Oltre all’Arrighi furono scapigliati Giuseppe Rovani, Emilio Praga, Arrigo Boito, Iginio Ugo Tarchetti, Carlo Dossi. Alcuni titoli di raccolte di versi firmate da Emilio Praga, come Tavolozza del 1862, Penombre (1864) e Trasparenze (1878, postumo), suonano come un suggestivo parallelo agli effetti di luce che saranno i temi fondamentali della ricerca di Cremona, Ranzoni e Grandi. Altri esponenti del gruppo furono Vespasiano Bignami, Luigi Conconi, Medardo Rosso ed Eugenio Gignous.

Alla fine dell’Ottocento a Milano abbondavano le “ortaglie”, dove i giovani scapigliati amavano riunirsi. La più famosa era quella di via Vivaio, sede dell’Osteria della Polpetta. Nella via risiedevano molti artisti. Frencesco Fontana ricordava così l’atmosfera del quartiere: “si giunge in una corte amena, ove sorge, in mezzo ai fiori e alla frutta e a una quantità di pinate arrampicanti un caseggiato discretamente civile. Vi dimorano fotografi e pittori: il lovatario stesso del sito, è un uomo galante, di cortesia, di facile loquela, amatore dell’arte … Le arti non vanno disgiunte dall’amore. Un artista che non ama non può essere artista. E i pittori riposano felicissimi nell’ambiente amoroso del Vivajo. Ma non solo i pittori che amano questo ambiente, ciascuna classe sociale è quivi rappresentata dall’amore. I manuali, gli artigiani, gli impiegati, gli scienziati, i poeti vengono di frequente a pagare il loro tributo; vidi persino più di un piedino aristocratico aventurarsi per amore fra i ciottoli e l’immondezza della via. È una specie di attrazione magnetica quella che suggerisce agli amanti di gettarsi nel Vivajo…

I cremoniani si incontravano a Milano in via Vivaio, che allora era circondata dalle cosiddette ortaglie, all’Osteria della Polpetta. Ranzonella era il soprannome affettuoso che Cremona aveva dato all’inseparabile Ranzoni, forse fin dai tempi di Brera, quando i due, Tranquillo già coi baffetti, Daniele ancora ragazzo, frequentavano assieme la scuola di nudo. Cremona presentò il Ranzoni ai conti Greppi, per cui eseguì quattro dipinti in tre mesi di permanenza. Quando mostrò a Cremona il ritratto della Contessa Maria Greppi Padulli il collega, abbracciandolo ammirato, avrebbe detto: Ma te set che te me dervet i oeucch! (ma lo sai che mi apri gli occhi!), sottolineandone l’intrinseca novità. La ricerca originale e autonoma del Ranzoni aveva dato vita a un ritratto, tra i cinque commissionati al pittore dalla famiglia Greppi, davvero inconsueto per l’epoca: una figura imponente che si staglia nello spazio attraverso una pittura memore di Rembrandt e di Tiziano. Come ricordava Grubicy in quell’epoca lavorò in casa del conte Greppi, eseguendo varj ritratti che hanno l’impronta della più elevata distinzione. Lo stesso Grubicy ne sceglieva tre dalla collezione di Giulio Greppi, indicandoli comeRitratto di famiglia dei Conti Greppi per la mostra retrospettiva organizzata alla Permanente di Milano. L’avvocato Greppi ne prestò poi quattro alla rassegna di Intra del 1911: il ritratto della madre Maria Greppi Padulli, degli zii Marco Greppi e Lorenzo Greppi, della sorella Anna Greppi, poi sposa di Andrea Ponti. Dalla rappresentazione della nobiltà a quella della borghesia, i temi preferiti dagli scapigliati furono la famiglia, gli interni, le maternità, le villeggiature e salotti. Fra il 1870 e il 1873 Cremona e Ranzoni lavorarono in parallelo, dialogando e ricercando un comune linguaggio pittorico.

Ritratto di donna Maria Greppi Padulli, 1869, Collezione Privata. Luce e sole erano i più grandi nemici della bellezza muliebre findisecolo. Il conte Stampa soleva ricordare che le sue contemporanee volevano mantenersi candide come “l’indivia sotteràda”

L’arte di Ranzoni e dei suoi compagni non fu subito apprezzata, come si nota dalla recensione dell’Esposizione di Brera del 1872 del critico Yorick: La scuola del futuro ha due distintissimi rappresentanti … il signor Daniele Ranzoni e il signor Tranquillo Cremona … L’umanità veduta coll’occhio di que’ due artisti perde immediatamente ogni limitazione di contorni, ogni certezza di dimensioni. Le teste di bambagia, soffici, leggere, ruotano in un’atmosfera variopinta come un uovo sodo in un’insalata composta. I due artisti partecipavano con dei ritratti a olio, che Carlo Romussi si limitava a indicare come figure da lanterna magica, mentre Filippo Filippo, il critico di “La Lombardia” la definiva una pittura strana, tutta a veli, a sottintesi, a sfumature, senza contorni, senza disegno apparente, coi colori i più disparati, cozzanti tra di loro, e con un certo tocco fioccoso che ha bisogno di cento metri di distanza per essere dissimulato. Appio d’Ara, su “Il Sole” riportava invece delle osservazioni di Giuseppe Grandi, che sottolineava la sostanziale novità apportata dal Ranzoni: se ha talento ed abilità, non ha parimente molta fama – e potrebbe dunque ben darsi che tra per questo, tra per il genere particolare del suo dipingere, voi lo passaste alla sfuggita. Favorite fermar bene lo sguardo sul ‘ritratto virile a mezza figura’. Che ve ne pare? non vi pare che quel signore si stacchi tutto quanto dalla tela, e sia per parlare, muoversi? Osservate la grandissima luce e lo spazio che gi sta intorno; l’espressione vivissima degli occhi e di tutto il volto; il rigonfio della camicia, del gilet, dell’abito intero, sotto il quale c’è carne ed ossa; osservate tutto, fin la catenella dell’orologio, e poi ditemi se non aveva ragione, l’altro giorno, lo scrittore Grandi – il quale se ne deve pur intendere un tantino – di dire che questo ritratto del Ranzoni, è sotto certi riguardi da paragonarsi a quello del Morelli. ‘Non c’è, mi diceva egli, tutta quella finezza e finitezza, ma c’è entrain e anima moltissima’. Ranzoni partecipò nel 1872 alla fondazione, con Vespasiano Bignami, della Famiglia Artistica Milanese, un gruppo di artisti vicini alla Scapigliatura, ma dopo la morte del padre, nel 1872, fece ritorno a Intra.

Flora (La Fioraia), 1871, Lugo di Vicenza, Villa Godi Malinverni. La tela, esposta alla mostra annuale di Brera del 1872, dove Ranzoni portò ben nove opere, dal quadro di figura, fino ai ritratti, declinati in un piccolo nucleo di quattro miniature su avorio: un mezzo antico, ma ancora apprezzato in ambienti aristocratici, come quello dei Troubetzkoy. Flora si trasforma in una prosperosa Ada Winans davanti alle kentie della sua serra. La tela che era di proprietà Troubetzkoy, entrò in seguito a far parte della raccolta di Luigi Pedrazzini di Loggio Valsolda, che era stato a sua volta ritratto dal pittore

Ritratto fotografico di Daniele Ranzoni negli anni Settanta

Foto di famiglia a Villa Ada a Selasca di Ghiffa. Ranzoni è il primo a destra, affacciato al balcone. Pallanza, Museo del Paesaggio, Archivio Fotografico

Una villa Ada “a colori” dipinta da Ranzoni. Il dipinto s’intitola Lo chalet di villa Ada sul Lago Maggiore, 1871, Collezione Privata. Sulla sinistra è visibile parte del tetto dello chalet, dove lavorava il Ranzoni, talvolta con Tranquillo Cremona. Nell’aiuola di rocaille assieme alle essenze locali convivono specie americane come la Yucca gloriosa.

Nel 1873 il pittore incontrò i principi Troubetzkoy, che frequentò assiduamente fino al 1877. Il principe russo Pyotr Petrovich Troubetzkoy, nato a Tulcin 22 Agosto del 1822, era un diplomatico, amministratore e generale che aveva fatto la guerra in Caucaso ed era amico di Tolstoj. Sposato con suo cugina, la principessa Vavara Yourevna Troubetzkoy, aveva avuto tre figlie, Tatiana, Elena e Maria Petrovna. Nel 1844 era stato nominato governatore di Smolensk e Oriel. Nei primi anni Sessanta fu inviato a Firenze per una missione diplomatica per conto dello Zar, che prevedeva la supervisione della chiesa russa. Lì aveva incontrato Ada Winans, una cantante lirica americana, nata a New York nel 1831, che stava perfezionando la voce.

La cantante lirica americana Ada Winans in un ritratto giovanile

Ada era la figlia di un droghiere e commerciante di New York City, Anthony Van Arsdale Winans e di una tale Mrs Jay, che non era sua moglie, ma è falsa la notizia che fosse figlia di un pastore protestante. Ada, dopo essersi diplomata nel 1853 alla scuola Saint Mary Hall aveva inziato a insegnare musica alla Doane Academy di Burlington in New Jersey. Era un soprano e si era fermata a Firenze per studiare il bel canto. Per qualche anno si era esibita come cantante lirica in diversi teatri, sia in Italia che in Spagna. Pyotr si innamorò di Ada, che aveva tredici anni meno di lui, causando un grande scandalo nella sua famiglia in Russia, dove fu bandito per l’accusa di poligamia.

Ritratto del Principe Pietro Troubetzkoy, 1873, Collezione Privata. Un ritratto ovale del Principe a cinquant’anni, proveniente dalla collezione di Luigi Troubetzkoy

Ritratto di Ada Troubetzkoy, 1875, Collezione Privata

Ritratto di Pierre Troubetzkoy a otto anni, acquarello su avorio, 1871-1872 circa, Pallanza, Museo del Paesaggio. La miniatura, assieme a un’altra raffigurante Ada, potrebbe essere una delle quattro presentate alla mostra di Brera del 1871

Pierre Troubetzkoy in una foto di Carlo Luigi Gaetini. Il fotografo intrese, è autore negli anni Sessanta di una serie di stereoscopie e di carte da visita di paesaggi del lago e dell’Ossola

Nel 1864, alla nascita del primo figlio Pietro (che, secondo gli usi aristocratici dell’epoca era chiamato Pierre) a Milano, dove risiedevano in via Mascheroni 35, Ada interruppe la carriera artistica, dedicandosi unicamente alla famiglia. Gli sposi erano alla ricerca un luogo tranquillo, adatto alle coltivazioni, perché il principe era appassionato di botanica. Si fermarono sul Lago Maggiore, dove affittarono una casa a Intra. Dopo aver ottenuto il divorzio e aver riconosciuto i figli della Winans, il principe acquistò a Ghiffa, nel 1870, alcuni terreni da differenti proprietari, a sud della parrocchiale di San Maurizio della Costa, nel territorio di Cargiago, in una zona impervia con una magnifica vista sul lago. La tenuta era di circa 90.000 metri quadrati. Il nobiluomo voleva costruire una sontuosa casa circondata da fiori e piante, un rifugio per la sua nuova famiglia; dovette spianare e dissodare la zona eliminando così una notevole quantità di massi. In attesa che i lavori fossero ultimati la famiglia abitava a Intra, nella Casa Canna in rione Sassonia, dove nacque il secondogenito Paolo, e successivamente in due case in prossimità della villa stessa. Secondo il gusto del secolo, la nuova dimora fu edificata con lo stile che il padrone prediligeva, su progetto dell’architetto Pietro Bottini. Nel suo caso era quello della tipica dacia russa in versione bernese. La chiamò Villa Ada, in omaggio alla sua amata, che divenne nota come il canarino del Lago Maggiore. Sulla facciata una loggia di legno a doppio ordine era impreziosita da una balaustra a colonne traforata e il tetto a capanna aveva gronde decorate a doppia trina lignea. Le finestre e le porte in legno erano state lavorate a Interlaken e il tetto coperto da lastre in pietra a Varallo. Il principe si dedicò alla creazione di un importante giardino nella sua villa, seminando alberi esotici e rarità tropicali.

Pinus Strobus, disegnato da Pancrace Bessa e stampato da J.N. Joly, Parigi, Museo di Storia Naturale, Biblioteca

Howea belmoreana Becc. o Palma di Belmore, in Desiré Bois, Atlante delle piante da giardino e da appartamento, 1896, Parigi, Museo di Storia Naturale, Biblioteca

Pandanus veitchii, in Desiré Bois, Atlante delle piante da giardino e da appartamento, 1896, Parigi, Museo di Storia Naturale, Biblioteca

Il giardino divenne ben presto famoso. Il botanico tedesco Kark Koch lo visitò nel 1874 e riportò le sue impressioni nella rivista britannica “Gardener’s Chronicle”: Sebbene io stia scrivendo oggi dalle rive del Lago Maggiore, il più grande bacino a sud delle Alpi, invece che da Berlino, mi auguro di suscitare la simpatia dei nostri lettori, perché il soggetto della mia cronaca è uno dei più interessanti per botanici e giardinieri. Una simile creazione è probabilmente unica in Europa. Il proprietario è il medesimo Principe Pietro Troubetzkoy, i cui immensi giardini nelle vicinanze di Mosca saranno ricordati da molti dei nostri lettori, per le numerose palme, quasi quattrocento, senza contare le Cycas, i Pandanus, le Carludoviche che ha impiantato laggiù. Il Principe non appartiene al genere ordinario di amante delle piante, visto che è anche un esperto e gestisce le sue piantagioni con raro entusiasmo. A Mosca era il primo giardiniere e la guida di tutto ciò che accadeva nel suo giardino. Lo scopo che si è preposto qui è di formare una collezione di alberi ed  arbusti, specialmente conifere delle più elevate montagne himalayane e degli stati dell’Unione nordamericana, della California, dei terrazzamenti messicani, del Perù, del Chile, della Patagonia. Non mancano esemplari cinesi, giapponesi, delle isole del Pacifico. Insomma tutto ciò che di esotico può essere coltivato all’aria aperta. Io sono rimasto stupefatto dalla varìetà, ma soprattutto dalla rapida crescita di alcune piante. Sfortunatamente non ho dati meteorologici a mia disposizione, ma senza dubbio molti luoghi sulla costa del Lago Maggiore sono adattissimi al benessere sia umano che vegetale e, per la gradevolezza del clima, sono secondi soltanto a Genova. Fra tutte le specie soprattutto le palme desteranno grande curiosità, visto che è molto difficile  la loro coltivazione all’aria aperta in Inghilterra. Vero è che abbiamo la Jubaea Spectabilis (solo la Chamaerops Fortunei però) fuori dalla serra di Kew, ma soffre quasi tutti gli inverni gli effetti del gelo. Qui invce, sul Lago Maggiore, non c’ è traccia di danni invernali. Anche gli esemplari ancora piccoli del Principe non mostrano di essere disturbati dal freddo. Ne “La Voce del Lago Maggiore” del Luglio 1877 un’altra testimonianza: presso Ghiffa trovasi una pianta d’Eucalyptus (riproduzione proveniente dalla villa Troubetzkoy), la quale con soli 26 mesi di vita in piena terra ha un tronco che misura 9 metri di altezza e 48 centimetri di circonferenza fuori terra. Secondo calcoli fatti da un po’ di tempo cresce in circonferenza circa 5 centimetri al mese”. Nell’estate del 1867 il parco era già pieno di piante. Il primo Pinus Strobus era arrivato dall’America e fu subito circondato da querce, bossi, trentacinque specie diverse di eucalipti australiani, cedri glauchi, deodara e araucarie. Non mancavano Pandanus, Kentie, le grandi foglie della palma di San Pietro, azalee, rododendri, agavi e gardenie. Nei pressi della casa esiste ancora una rarissima camelia Goffredo Odero e due imponenti esemplari di Jubaea.

Aylmer Bourke Lambert, Araucaria Brasiliensis, in Descrizione del genere pino, vol. 2, 1837, New York, New York Public Library

Araucaria Excelsa, in Desiré Bois, Atlante delle piante da giardino e da appartamento, 1896, Parigi, Museo di Storia Naturale, Biblioteca

Aylmer Bourke Lambert, Araucaria Imbricata, in Descrizione del genere pino, vol. 2, 1837, New York Public Library

Scriveva il botanico Ascanio Rigamonti nel 1872 su “I Giardini”, periodico della Società Orticola di Lombardia, che il principe introdusse molteplici nuove coltivazioni e a narrarle tutte mi allungherei; solo ricorderò le piante che si vedono reggere incolumi i rigori del verno: come Araucaria Cookii, Araucaria Bidwilli, Araucaria Excelsa, Araucaria Brasiliensis. Si trattava insomma di un’intera collezione del Monkey Puzzle Tree, dai rami che somigliano a squame di serpente, introdotto in Europa dal Nord America nel 1875 e che, evidentemente, era la passione dell’aristocratico in esilio. L’elenco comprendeva poi una ottantina di specie rare, per non parlare della piante protette nelle serre. Le stufe – proserguiva il Rigamonti – quantunque lascino a desiderare pel modo della loro costruzione, racchiudono però una numerosa collezione di splendide orchidee: Cattleya, Cymbydium, Cypripedium, Dendrobium, Epidendrum, Miltonia.

Gigi Troubetzkoy nella serra di Villa Ada a Ghiffa, 1873-1874, Collezione Privata. Il piccolo Gigi è immerso nella lettura all’ombra di esotiche foglione

Dendrobium nobile Lindl, in Desiré Bois, Atlante delle piante da giardino e da appartamento, 1896, Parigi, Museo di Storia Naturale, Biblioteca

Cattleya labiata Lindl. var. Massiae, in Desiré Bois, Atlante delle piante da giardino e da appartamento, 1896, Parigi, Museo di Storia Naturale, Biblioteca

La grande serra di Villa Ada, Archivio Enzo Azzoni, da P. Hillebrand, G. Bertolazzi, Antiche camelie. Parchi e giardini del lago Maggiore, Verbania. Alberti Librario Editore, 2011.

Dall’unione tra Pyotr e Ada nacquero altri due figli: Paolo venne al mondo a Intra il 15 Febbraio 1866 e nel 1867 nacque Luigi. I bambini furono educati secondo la religione protestante della madre, che era assai garibaldina,  e non mangiavano carne. Nel 1873 Ada rese omaggio all’eroe dei due mondi visitandolo a Belgirate, mentre era ospite di Benedetto Cairoli. I Troubetzkoy accolsero spesso nella loro magione artisti e musicisti. Incaricarono il Ranzoni di insegnare ai figli le belle arti, infatti nel 1873 egli non espose nessun quadro all’appuntamento di Brera. L’amicizia con l’anticonformista famiglia russa, l’affermazione come “society painter”, segnarono un felicissimo periodo nella vita del pittore ed esercitarono una stimolante influenza sugli ambienti artistici del lago. Ada non era bellissima, ma il Ranzoni se ne invaghì a tal punto da trasformarla in un paradigma di radiante bellezza ottocentesca, fiorente e materna, e pur tuttavia carica di sensualità gioiosa nelle forme piene e nella carnagione bianca e rosea, come scrive nel catalogo ragionato Annie-Paule Quinsac, la più importante studiosa dell’artista piemontese. Ranzoni amava l’americana e forse anche lei provava affetto per il pittore. Purtroppo, per proteggere la reputazione di entrambi, la pronipote di Ranzoni, distrusse la corrispondenza e il primogenito di Ada, Luigi, nelle sue Memorie che scrisse da anziano, non approfondisce il legame che univa il Ranzoni alla sua famiglia e nemmeno nomina la famosa, fallimentare, fabbrica di cappelli fondata da suo padre e da Remigio Ranzoni.

xvvvv

Ritratto di Ada Troubetzkoy, carboncino su carta avana, Collezione Privata

La principessa Ada Troubetzkoy con il figlio Luigi, 1875, Collezione Privata

Ritratto di bambino, forse Luigi Troubetzkoy, 1875-76, Milano, Collezione Privata

Ada Winans Troubetzkoy con i figli Paolo, Pierre e Gigi in una foto degli anni Settanta, Pallanza, Archivio Azzoni

Un ritratto di Pietro Troubetzkoy bambino

Paolo Troubetzkoy bambino

Luigi Troubetzkoy bambino. I tre ritratti fotografici vennero realizzati nello stesso giorno e i bambini erano abbigliati in modo identico, con pantaloni, giacchetta in velluto e fiocco bianco al collo

Ranzoni con gli amici di Intra Giovanni Cama e Giovanni Petroli, anni 1865-68. Per molto tempo questa immagine fu identificata come un triplice ritratto di Grandi, Cremona e Ranzoni

Ranzoni, protetto e accolto dai principi, fu libero di invitare gli amici pittori e trascorse a Ghiffa gli anni più sereni della sua vita. Cremona venne per un certo periodo a condividerne lo studio. Ricorda Luigi Troubetzkoy nelle sue Memorie che Ranzoni era amico degli artisti allora in voga a Milano e specialmente di Tranquillo Cremona, Giuseppe Grandi e Alfredo Catalani. Egli propose, probabilmnte nell’estate del 1874, a mio padre di invitarli da noi a Villa Ada. Accettammo molto volentieri. Grandi venne poche volte avendo impegni a Milano. Al Cremona fu offerto uno Chalet di otto stanze perché vi passasse la stagione estiva ed egli venne con moglie figlia e cognato. Catalani alloggiava nella nostra stessa casa. Ranzoni si era già sistemato dall’anno prima nell’ampio chalet: aveva fatto allestire al primo piano di un fabbricato vicino alla villa uno studio per dipingere, molto ben disposto per la luce e per ogni comodità. Cremona e Ranzoni lavorarono insieme presso la cascata di Antoliva. A Villa Ada riparò anche Emilio Longoni, confortato dal mecenatismo della famiglia Troubetzkoy, quando si trovò in difficoltà in seguito alla rottura con il mercante Alberto Grubicy. Per vivere egli si trasformò, per un certo periodo, in un imbianchino. Intorno alla principessa Ada gravitavano molti degli artisti presenti allora sul lago in modo più o meno stabile: Achille Tominetti, Leonardo Bazzaro, Paolo Sala, Augusto Laforêt, dando luogo a un gruppo di vivaci scambi culturali. Oltre ai pittori nella villa furono ospiti anche il generale Ulisse Grant, Stefano Türr, Cesare Correnti e la famiglia Cairoli.

Ritratto della signora Anna Harriette Paul Francfort, prima del 1865, Milano, Galleria d’Arte Moderna

I generosi ospiti presentarono il Ranzoni ai tanti esponenti dell’aristocrazia internazionale che abitavano nelle ville del lago, come i marchesi Della Valle Casanova (cui un tempo il Ranzoni aveva rifiutato di dar lezione ai figli, sostenendo di essere lui stesso un principiante!) e la signora Anna Harriet Francfort a Pallanza. Moglie di Eugene Francfort (Londra 1824 o 1825 – Pallanza, 22 Settembre 1868), Anna Harriette Paul, forse di origine scozzese, fu ritratta più di una volta dal Ranzoni. La breve e avventurosa vita del marito Eugene Francfort, direttore di numerose aziende estrattive e metallurgiche tra il Cusio e l’Ossola, è stata recentemente ricostruita da Claudio Albertini, nel saggio Eugene Francfort. Ingegnere minerario e “scopritore” del Motto Piombino, nel volume Miniere e minerali del Vergante e della Val d’Agogna, in bibliografia, e da cui sono tratte tutte le successive informazioni. La coppia ebbe cinque figli: Florence Ellen e Pauline nacquero in Connecticut, dove Eugene si era trasferito per lavorare alla miniera di Great Hill, per conto della “Chatham Cobalt Mining Company” e gli altre tre nacquero a Pallanza. I Francfort, di origine inglese, giunsero nel 1857 in Italia, dove abitavano a Migiandone in Val D’Ossola, ma dal 1859 si stabilirono a Pallanza. Avevano acquistato da Bernardino Branca una villa alle pendici della collina della Castagnola, nota come Villa Maggiore in via Vittorio Emanuele e l’edificio fu trasformato dai nuovi proprietari su progetto di Pietro Bottini. La coppia era inserita nell’ambiente cosmopolita locale, tanto che erano stati ospiti dei Francfort il fior fiore dei cittadini, accolti nella nuova dimora con squisita cortesia. La perizia e la bravura del Francfort gli valsero, nel 1861, il conferimento del titolo di Ufficiale dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. In occasione di un ricevimento Ada Troubetzkoy aveva intrattenuto gli ospiti cantando le meste note di Donizetti nella Favorita. Attraverso i Troubetzkoy è possibile che la signora Francfort abbia conosciuto anche il Ranzoni. A Pallanza nacquero gli altri tre figli: Eugenio Jr. nell’Agosto del 1860, Mary Alice ed Alfredo Enrico. Il 2 Agosto del 1868 Eugene sposò Anna a Dublino. L’8 Settembre depositò il suo testamento presso il notaio Manni di Pallanza. Il 22 Settembre il Francfort si suicidò nel giardino della propria villa con un colpo di rivoltella. La vedova si trasferì a Cerro di Laveno e poi a Torino con la figlia Paoline. Quest’ultima, morì nel 1920, ancora nubile, nel manicomio di Torino. Il figlio Eugene Jr., che si era sposato in prime nozze con la canadese Florence Mactavish e con Augusta Sofia Olsen il 21 Maggio 1895, si trasferì negli Stati Uniti. Rievocava la marchesa Della Valle che il Ranzoni, mentre lavorava al ritratto della Francfort, lontano assai dal cavalletto, al quale si avvicinava col salto rapido e nervoso per dare una pennellata, allontanandosi subito di nuovo, e sempre così. Progressivamente Ranzoni abbandonò le esposizioni ufficiali per privilegiare i rapporti con l’ambiente cosmopolita. A Villa Ada gli amici letterati declamavano versi cavalcando splendidi cavalli, o girovagavano nottetempo sussurrando miserere. Agli studi pittorici si alternavano duetti canori. Le giornate trascorrevano tra gite in montagna, passeggiate sul lungolago e animate discussioni letterarie. Tra gli habitué c’era Eugenio Torelli Viollier, il fondatore del “Corriere della Sera”, che arrivava con la moglie Maria Antonietta Torriani. Prima del matrimonio la Torriani era stata l’amante di Carducci e nel 1877 aveva pubblicato La gente per bene, un manuale di bon ton per le donne borghesi. Ai pomeriggi in villa partecipavano anche Emilio e Giuseppe Treves, con la consorte Virginia Dolci Tedeschi, direttrice del “Giornale dei Fanciulli” con lo pseudonimo di Cordelia. Tra gli ospiti veniva anche la divina Eleonora Duse, che amava destarsi presto la mattina per vedere l’alba.

Idillio sulla terrazza, Faenza, Pinacoteca Comunale

Idillio sulla terrazza, Faenza, Pinacoteca Comunale

Da qui Ranzoni, in compagnia di Cremona, ma anche di Emilio Longoni e di Giovanni Segantini, dipinse I Pizzoni e il Sasso di Ferro veduto dalla Villa Ada sul Lago Maggiore e lo Châlet della Villa Ada, esposti a Milano nel 1871, paesaggi di accento naturalistico e dipinti “sul motivo”. Luigi, il terzo figlio, descriveva Ranzoni come una persona sempre allegra e vivace, che gli insegnava, giocando, pittura e storia romana. Talvolta faceva degli schzzi di animali per divertire i bambini, come nel caso della Scimmietta. Non solo faceva da maestro ai bambini, ma affiancava il capofamiglia Pyotr nel disegno del giardino. Come scrive Marta Isnenghi in Villa Ada. Rifugio d’artisti, l’evidente competenza botanica del Ranzoni si spiega con il suo coinvolgmento nella progettazione del parco di Villa Ada. Ranzoni difatti collabora con Pietro Troubetzkoy nella realizzazione di una cascata d’acqua nascosta nella vegetazione, fra aerei ponticelli e sentieri cadenzati da vasi ornamentali e dalla scultura di una ninfa in costume adamitico ispirata ad Ada Winans. Per la famiglia eseguì alcuni ritratti, uno di Ada su una parete della casa e Tre ragazzi col cane, presentato all’Esposizione di Brera del 1874. Interrotti i giochi con l’amico quadrupede Boi, i principini si mettono in posa per il pittore affiancati dal loro San Bernardo, assumendo pose mondane e decadenti, degne di piccoli dandy. Nell’Ottobre del 1877 i tre ragazzi furono mandati in collegio a Milano. Ada raccontava che il Ranzoni dipingeva usando d’un lungo pennello, di poche setole, appena intinto di colore schietto; prima lo sciugava con grande cura, lo sfiorava su la tavolozzo e ancora lo puliva e finalmente lo posava di volo a tocchi brevi ed imprecisi sulla tela. In quegli anni Ranzoni iniziò anche la collaborazione con Pasquale Vercesi, un commerciante d’arte milanese, per cui realizzò quadri ed acquarelli. Come documentavano le Guide Bernandoni, nel 1877, il Vercesi aprì un negozio di riproduzioni fotografiche al numero 75 della Galleria Vittorio Emanuele, dove, all’inizio saltuariamente, commerciava anche acquarelli e dipinti all’olio. L’attività fu ufficializzata nel 1883. Un’altro personaggio che spesso faceva da intermediario fra artisti e mercanti era il Tavella, detto Tiepolott, perché vendeva molte opere del Tiepolo. Era pure il factotum di Cremona, di Ranzoni, di Mosé Bianchi e del Gignous, che lo trattavano come un amico perché era molto intelligente e servizievole.

I ragazzi Troubetzkoy col cane, 1874, Milano, Galleria d’Arte Moderna, Collezione Grassi Il dipinto, considerato capolavoro della produzione ranzoniana, fu esposto a Brera nel 1874, con il titolo “Tre ragazzi e un cane”, con la precisazione “Commissionato dal Principe Pietro Troubetzkoy”. Paolo a sinistra aveva dieci anni, Pietro al centro, otto, e Luigi, il più piccolo, sette

Ritratto di famiglia: Pietro Troubetzkoy, la consorte Ada Winans, con i tre figli Pierre, Paolo e Luigi e il cane Boi nel giardino di Villa Ada, 1877-1878, Archivio Ing. Roberto Troubetzkoy Hahn, da P. Hillebrand, G. Bertolazzi, Antiche camelie. Parchi e giardini del lago Maggiore, Verbania, Alberti Librario Editore, 2011

Grazie all’aiuto dei Troubetzkoy nel 1877 potè visitare il Regno Unito in cerca di incarichi. Fu appoggiato dai Medlycott, che avevano affittato lo chalet di Villa Ada. Il capofamiglia, appassionato di pitture e di acquarello e convinse Ranzoni a seguirlo nel Regno Unito. Lì il pittore fu ospite Ven House, un sontuoso palazzo costruito nello stile di Inigo Jones, vicino a Milbourne Port nel Somerset. Passò poi a lavorare presso il Baronetto Sir Richard Horner Paget, amico dei Medlycott, nella dimora di Cranmore Hall a Shepton Mallet. Ranzoni venne “lanciato” come society painter dell’aristocrazia londinese, della nobiltà terriera britannica e della nuova borghesia finanziaria. Durante il suo soggiorno inglese cercò anche di mettersi in contatto con le gallerie londinesi per conto del suoi “agente” Pasquale Vercesi, come testimonia la lettera indirizzata a Luigi Perelli il 19 Agosto 1877, dove il pittore scriveva: se passi da Vercesi salutamelo, dogli che ci scriverò, quando avrò visto qualche negoziante a Londra.

Ritratto del Capitano Mervyn Bradford Medlycott, 1877, Milano, Collezione Privata. Il ritratto fu commissionato da Edmond Medlycott, l’inglese che invitò il Ranzoni in Inghilterra. Il Capitano Mervyn, fratello di Edmond, era ufficiale della Marina britannica. Il quadro potrebbe essere stato eseguito a Intra o a Ven House, nel Regno Unito, nell’autunno del 1877. I Medlycott si liberarono poi dell’opera, giudicandola “dreadful” (orrenda) e inadatta a illustrare il volto dell’antenato

Le tre figlie di Sir Richard Horner Paget, 1878, Collezione Lord Cranshaw, Leicestershire. Il triplice ritratto fu commissionato al Ranzoni da Sir Richard Horner Paget, presso cui era ospite a Cranmore Hall vicino a Shepton Mallet. Le bimbe sono le figlie di Sir Paget: Alethia, a sinistra aveva 13 anni, Dorothea detta anche Dolly è la piccola in piedi e aveva sette anni. Hilda, sulla destra, che all’epoca aveva nove anni mima una posa di danza. Per questo il dipinto fu ribattezzato dai Paget “The dancing girls”. Apparentemente invisibile lo sfondo nasconde due figure indiane in una posa erotica, che rende il dipinto una sorta di allegoria di purezza e peccato

Fu ospite a Culmington Manor, il palazzo del commerciante Edward Wood, a Ludlow nello Shrophire. La sua fama, nell’ambiente della colonia inglese era ormai stabilita, sicché non gli fu difficile lavorare a Londra. La definì, però, in una lettera del 29 Agosto 1877, un’orrenda città. Sozza. Case nere vie fangose piene di nebbia e quando si vede il sole l’isbiadito e noi abbiamo il coraggio di lagnarci di Milano e ti assicuro che Milano e un Paradiso. Che paradiso diventa al paragone in questi stiti di campagna. Non visse per tanto tempo nella metropoli, eccetto il periodo che trascorse presso i Fuller-Acland-Hood a Chelsea. Se la ricchezza non venne, ciò fu per la sua incostituzionale incapacità di stabilire un equo rapporto tra arte e denaro. Non conosco la moneta inglese, diceva bonariamente. I prezzi della sue opere erano comunque alti, un busto a matita costava 30 sterline, di tre quarti con le mani 45, in piedi 60 sterline.

Ritratto di Amely Crawford, 1878, Collezione Privata

Ritratto di Richard Arthur Surtees Paget, acquarello su carta, 1878, Collezione Paget, Somerset. Commissionato da Sir Richard Horner Paget al Ranzoni, quando era ospite nella dimora di Cranmore Hall, fu poi ereditato dal figlio Richard Arthur fino alla sua morte nel 1955. Sir Paget, il papà del ragazzo ritratto, era stato promosso da Grubicy “ambasciatore d’Inghilterra presso la nostra Corte“, carica che in realtà non ricoprì mai. Paget, che fu eletto membro del Parlamento britannico nel 1886, era il marito di Caroline Surtees, dalla quale aveva avuto sei figli: i tre maschi erano Richard Arthur, Freville e Geoffrey Moore e tre femmine, che furono anch’esse ritratte da Ranzoni su sfondo rosso. Abbigliato con una veste di velluto blu e nobilmente stagliato sul balcone di Cranmore Hall il bambino, che allora aveva nove anni, appare più grande. Il protagonista non amò mai il ritratto, perché gli ricordava la sua educazione rigida e formale

Restò due anni in Inghilterra e con quello che gli avanzava, che mandava ogni volta al fratello Remigio, s’improvvisò industriale. Nei primi mesi del 1878 fu ospite dei Nevill a Birling Manor, vicino a Maidstone, nel Kent. Il principe Troubetzkoy stava attraversando una grave crisi finanziaria e aveva creduto di rimediarvi impiantando a Intra una fabbrica di cappelli in società col Remigio Ranzoni. Il pittore, ricordando quanto doveva alla famiglia russa che gli aveva fatto da mecenate, mise a disposizione della strana ditta il denaro guadagnato con la sua arte. Col risultato di mutare molte sterline in pochi feltri! Ma non pare che si interessasse molto del risultato dell’azienda.

Nei primi mesi del 1878 il Ranzoni fu ospite dei Nevill a Birling Manor nel Kent. La dimora era stata costruita dal conte di Abergavenny, il padre di Ralph William Nevill, nel 1845. Nel 1917 la casa e molte delle opere d’arte in essa furono distrutte da un incendio

I bambini Nevill, 1878, Inghilterra, Collezione Privata. I bambini erano i figli di Ralph William Nevill (1832-1919) e di Louisa Marianne Maclean of Duart. All’epoca in cui Ranzoni fu ospite della famiglia i Nevill avevano sei figli, quattro femmine e due maschi. Nel dipinto non c’è la maggiore Constance Emily (1863-1943). A destra, con il libro è la secondogenita Isabel Louisa (1864-1963). A sinistra la terza figlia Mary France (1869-1959). Al centro Ralph Plantagenet (1865-1907). Il quadro ricorda il ritratto dei piccoli Troubetzkoy anche per la presenza del cane

Tutti i pensieri dell’artista erano invece per la situazione personale del caro fratello Remigio, come si può rilevare da una sua lettera di quel periodo: Caro fratello, sai quanto io ti voglio bene, adunque ti prego non affannarti tanto… Facci capire al socio che a te importa poco tornare lavorante… e che la fabbrica, andando, dopotutto è suo interesse anche. E fatti cuor largo e forte e non aver paura di niente. Se non riesci adesso con una fabbrica, ci riusciremo di qui a qualche anno. Ti prego, sii forte alle difficoltà ai rovesci di fortuna, non disperarti per l’ambizione. Pensa, caro fratello, come eri tranquillo quando eri lavorante, e adesso che fastidi abbiamo – io al tuo posto quasi avrei troncato la fabbrica, e sarei andato a Milano, ma è per la principessa, la quale si merita qualche riguardo. Fatti cuore, abbiamo sempre buone braccia – sei giovane – e non prenderti fastidio perché allora anch’io me ne prendo. E, più tardi, accompagnando l’invio di venti sterline alla sorella: Sono contento che stiate tutti bene, e se anche la benedetta fabbrica non andasse bene, io sarò sempre contento molto quando voi tutti state bene: è quello che m’importa. Il Ranzoni industriale non era particolarmente preoccupato del bilancio. La salute dei suoi parenti contava di più della cassaforte.

Giovinetta inglese, 1880, Collezione Privata. L’olio è anche noto con il nome di Ritratto di giovanetta, Ritratto di fanciulla o Fanciulla con la sciarpa di velo bianco. Secondo Luciano Caramel è una “trionfale realizzazione del gusto scapigliato“. La tecnica e la cromia avvicinano questa giovanetta ai quadri dipinti per la baronessa di Saint-Léger. Non sappiamo perché restò in Italia e finì nella collezione dell’avvocato Francesco Franzosini a Intra, per il quale Ranzoni non aveva finito il ritratto della moglie. Forse fu commissionata in Italia da una famiglia inglese e poi rifiutata, oppure è da avvicinare la periodo trascorso dal Ranzoni a Brissago, dove certo potevano soggiornare degli ospiti inglesi. Potrebbe essere arrivata al Franzosini, che assisteva legalmente la baronessa Saint-Léger, in seguito alle traversie finanziarie della eccentrica nobildonna

L’improvvisa morte dell’amico fraterno Cremona a Pavia, il 10 Luglio del 1878, lo riportò in Italia. Fu una grave perdita per il Ranzoni. Secondo Carlo Alberto Pisani Dossi lo specchio geniale del suo pittorico animo era illuminato da Tranquillo Cremona. Tramontata quella luce, i confini vaporosi delle immagini sue si confusero nella notte. La frase, affettuosa nella sostanza, appaiò i due pittori agli occhi della critica, che erano in realtà uniti soprattutto da una comune ricerca tonale e cromatica. Il Ranzoni si fermò brevemente anche a Intra, ma entro la fine dell’anno si recò di nuovo in Inghilterra, ospite dei baroni Fuller-Acland-Hood. Non ne fu contento; scriveva in una lettera che dovessi starci, sempre, morrei di malinconiaIl sole qui pare la luna Ho dei momenti che perdo il coraggio. I suoi ritratti furono rifiutati, si può dire ingiustamente, alla Annual Exhibition of Works of Living Artists della Royal Academy. Peraltro in quella occasione su 6415 opere la giuria ne rifiutò 4415. Fu allora che piantò a metà i lavori iniziati e corse, melanconico, alla Stazione deciso a tornare in Italia e continuare la sua attività in patria. Era il Settembre del 1879. Lì vene fuori la sua frase più divertente: Voglio un biglietto per il Biffi. In quel biennio, tra il 1878 e il 1880, Ranzoni accettava un’abitudine ricorrente del nascente mercato artistico: la replica di un’opera su commissione, ma anche di un quadro di genere. Di solito utilizzava la stessa tecnica adottata nella prima versione, talvolta ne sperimentava altre. L’acquarello era il mezzo più adatto a produrre in poco tempo le “copie”, come nel caso della serie che Ranzoni dedicò all’artista Selene Righi da alcune popolari fotografie della famosa mima. D’altra parte era abitudine dei pittori dipingere dalle fotografie, soprattutto nel caso che il protagonista fosse omaggiato dalla famiglia di un ritratto postumo. Ranzoni fece due ritratti post mortem, quello di Adele Melli Aliprandi (1879 circa) e di Ercole Biraghi (1879-1880), dei quali si conoscono anche le fotoceramiche, una dello Studio Pagliano e l’altra anonima, conservate rispettivamente la prima al Cimitero di Intra e la secondo al Monumentale di Milano.

Ritratto della Signora Luigia Pisani Dossi Possenti, detta Gina, 1880, Collezione Privata. La signora è la consorte di Guido Pisani Dossi, fratello di Carlo. Ranzoni, che realizzò anche un ritratto di Guido, era spesso ospite nella loro villa sopra Como

Di nuovo in patria, in una fase di importante rinnovamento creativo, Ranzoni dipinse ritratti di grande raffinatezza, come quello della Signora Pisani Dossi. Nel 1880 presentò a Milano, dove risideva in via Pietro Verri 18, tredici ritratti a olio e all’acquarello dell’aristocrazia e la ricca borghesia lombarda, tra i quali il Ritratto di Marta Bussi Rosnati, nota come Contessa Arrivabene. Michele Bussi, imprenditore affermato nel settore della galvanoplastica aveva commissionato al Ranzoni il ritratto della moglie Marta Rosnati, mentre Camillo Bussi, fratello di Michele, aveva fatto posare per Ranzoni il figlio Cesare. Il Ranzoni stava vivendo, dopo il ritorno dall’Inghilterra, una delle stagioni più felici del suo lavoro d’artista. Al pubblico piacquero molto i dipinti, come testimonia la critica di Virgilio Colombo: I ritratti del Ranzoni non sono soltanto i migliori della mostra, ma dei più belli che siansi visti da noi in questi ultimi anni. La prima volta che sono entrato a Brera, d’innanzi ai quadri del Ranzoni si erano affollati molti visitatori. Non mi è costata poca fatica il procurarmi un posticino, e, per vedere, ho dovuto spiare d’in su le spalle di un inglese … Non so esprimere quello che provai dietro a quelle acute spalle. I più diversi sentimenti di sopresa, d’incredulità, d’ammirazione fusi in un solo senso profondo, prepotente, che non saprei come chiamare e che mi lasciò per lungo tempo commosso. Non esagero – ricordo un fatto con parole inefficaci. Io non vidi dei ritratti, ma delle persone vive, dei signori e delle signore che si mescolavano alla folla curiosa, sorridenti e come pronti a parlare, a gestire, a muoversi … L’illusione era tale, la verosimiglianza tanta che la maggiore non si potrebbe desiderare in un’opera d’arte … Quando, più tardi, ritornai davanti a quei quadri, in momenti più opportuni e riuscii con più comodo a considerare per tutti i versi il lavoro dell’artista, la mia ammirazione non diminuì, ma crebbe alla vista della prodigiosa semplicità di mezzi colla quale il Ranzoni aveva saputo assicurarsi sì incantevoli risultati. Non c’è preoccupazione alcuna di disegno; il colore è tutto e tien posto di tutto in modo da assicurare una splendida vittoria agli intransigenti fautori del colore unico e solo. C’è una grande manifestazione di spontaneità, di sicurezza quasi spensierata nel maneggio del pennello. E le pennellate vive, qualche volta audaci, spesso ariose, graduate senza sfumature, ma pur efficacissime; il rilievo ottenuto al massimo grado; le tinte morbide, semplici, variate le mezze tinte; le gradazioni esatte, sicché una progressiva smozzatura distingue i piani, cresce lo sfondo e lo rende imponente; l’espressione robusta, sentita, l’intuizione artistica profonda. Proseguiva il Chirtani: egli idealizza, trasfigura il modelli, gli dà dell’etereo; ne fa un vero tramutato nella visione personale risultante dal sentimento dell’artista e dall’aspetto della persona ritratta. La visione artistica del Ranzoni è poi sempre nobile, elevata, e più specialmente efficace nel cogliere l’espressione morale nell’animazione dei lineamenti , tanto che anche nei ritratti i meno compiuti, mezzo fatti, dove la modellazione è imperfettamente definita. Questa rassomiglianza c’è sempre … I suoi fondi sono sempre squisiti per intonazione, trasparenza e armonia. Vittore Grubicy aveva ordinato al Ranzoni parecchie delle opere esposte.

Ritratto di Marta Bussi Rosnati, 1880, Milano, Galleria d’Arte Moderna. Marta Russi Busnati, che aveva venticinque anni all’epoca del quadro, si era sposata a soli diciassette anni con Michele Bussi, imprenditore nel settore della galvanoplastica, che commissionò a Ranzoni di ritrarre la moglie. La sua azienda aveva sede all’angolo tra via Meravigli e via San Vincenzino. La coppia ebbe tre figli: Carlo, Antonietta e Irene. Nel 1884 Michele Bussi morì improvvisamente e qualche anno dopo la vedova si risposò con il conte Gian Galeazzo Arrivabene ed è in seguito a questa seconda unione, da cui sarebbe nata la miniaturista Elena, che il dipinto diventò noto come Ritratto della contessa Arrivabene. Ranzoni eseguì anche un acquarello, noto con il titolo di Testina, identificabile con Marta Bussi Rosnati, mentre il fratello di Michele, Camillo aveva incaricato il pittore di fare il ritratto al figlio Giacomo. Il quadro è oggi nella collezione del Pio Istituto Figli della Provvidenza di Milano. Il quadro dedicato a Marta Bussi Rosnati è considerato dalla critica uno dei migliori ritratti mai eseguiti dal Ranzoni

L’intensità e la rinnovata energia presenti nei lavori dei primi anni Ottanta corrispondono a un momento felice della sua vita: il fidanzamento e un progettato matrimonio con Fiorenza Biraghi, detta Flora (Milano 1852-1935), una giovane donna di estrazione borghese incontrata dall’artista nell’autunno del 1879. La famiglia Biraghi era in vacanza a Intra quando improvvisamente il signor Ercole Biraghi morì. La vedova Orsola Pavesi si era rivolta al Ranzoni per commissionargli un ritratto postumo del marito. Ranzoni stava allora lavorando a un altro ritatto post mortem, quello di Adele Aliprandi, scomparsa in Giugno, che lasciava il marito Pietro Melli, un industriale di Intra. La sorella di Pietro, Emilia Melli, era la moglie di Torquato Biraghi, figlio di Ercole e fratello di Flora, che villeggiava in una casa a Selasca di Ghiffa, oggi nota come Villa Iride. La Sarfatti racconta nel suo libro sul Ranzoni che sensibile lui, sensibilissima lei, era difficile immaginare un avvicinamento più inquietante e irto di pericoli. La sfortunata storia d’amore, tutta ottocentesca e melodrammatica, è raccontata nel libro Serata all’Osteria della Scapigliatura di Eugenio Gara e Filippo Piazzi. Quando erano lontani, all’artista arrivavano tre, quattro lettere al giorno, lunghe, fitte, per non parlare dei telegrammi: domande brucianti, indagini sospettose, tremori improvvisi, tenerezze appassionate, subite gelosie: tutta la scala cromatica dell’amore esclusivo, che non conosce altra legge all’infuori di quella del proprio codice imperioso. Così: Sono da giovedì scorso a Legnano, quattro lunghi giorni… da ieri in poi mi si è impadronita un’inquietudine tale che a stento mi freno, onde non farlo capire agli altri! Daniele scrivimi presto, ne’ miei sogni ti vedo ora sul lago in burrasca in preda ai venti, ora seduto facendo il ritratto della signora Cor… ammirandola un pochino troppo… Questi sogni, vedi, mi lasciano inquieta, terribilmente inquieta … Avevo già scritta questa pagina, quando arrivò la tua, mi tremava la mano nell’aprirla, è stata tanto bella la penultima che avevo paura che con questa mi distruggessi i bei pensieri di prima, con tutto che l’aspettavo. Ma, misteri del cuore umano, di tutto si teme, tutto fa paura quando si ama … Appena ricevuta questa mia rispondimi subito, che mi sembra già troppo lungo il tempo che impiega la lettera pel suo viaggio, se poi aspetti solo qualche giorno io soffro, crudelmente soffro… Ti sei divertito, ne sono proprio contenta, la tua salute ne avrà guadagnato, è un gran bene anche per me, il tuo star bene migliora oltre il mio morale anche il mio fisico. Qui non c’è proprio nessun divertimento, nemmeno li desidero… Sta allegro, ma pensa anche frammezzo ai divertimenti anche alla tua povera Flora, che ella invece dei divertimenti ha si può dire paura, tanto li sfugge… Caro cattivaccio, come desidererei esserti vicina, ma sarei il tuo tiranno, questo lo so, ma la tua pazienza te la ricambierei con tanto bene che forse non ne sarebbe capace un’altra. Nel comunicare a Margherita Sarfatti questi ed altri frammenti di lettere della Flora, una cugina del pittore, ormai avanti con gli anni, faceva i suoi bravi commenti: Sfido io che poi ha perso la testa, pover omm! L’era ona donna fada inscì. Sicuro. Il guaio era che lo zio della ragazza, l’avvocaro Cesare Biraghi, era fatto inscì, cioè a modo suo, vale a dire testardo, tirannico alla maniera dei tutori dei vecchi romanzi e dell’opera. Era un avvocato celibe e benestante, con proprietà a Legnano che, di fatto, manteneva la cognata e la nipote nella sua casa di via dei Piatti 9 a Milano. Ranzoni non era certo il partito adatto per la ragazza, che aveva già ventotto anni: La Flora e qual matto senza soldi? Mai. E non valsero a smuoverlo nè proteste né lagrime. Non solo, ma col tempo la vicenda romantica ebbe un epilogo schiettamente borghese: nel senso che la signorina finì per sposare addirittura il figlio del tiranno, Massimo Pavesi, da cui non ebbe figli. E questa dura ferita per il Ranzoni proprio non ci voleva. Forse fu allora che aumentò ancora la dose, già inverosimile, dei caffé giornalieri, portandoli a una trentina e fu segnato da luna lunga crisi creativa, tanto che dal 1881 al 1884 non dipinse più nulla.

Ritratto di Orsola Biraghi Pavesi, 1880, Milano, Civica Galleria d’Arte Moderna. Presentato alla mostra di Brera del 1880 col titolo di Ritratto di signora, era indicato nel catalogo come ritratto di Orsola Biraghi Pavesi. Il 16 Settembre 1879, quando era villeggiatura a Intra, il marito morì improvvisamente e la vedova chiese al Ranzoni di fare un ritratto a ricordo del defunto, da una fotografia formato carte de visite, scattata dallo Studio Pagliano, utilizzata anche per la fotoceramica della tomba. In seguito a tale commissione il Ranzoni conobbe la penultima dei quattro figli della signora Orsola, Flora, con cui l’artista intrecciò una passionale quanto tormentata storia d’amore, che si concluse con la rottura del fidanzamento, complice lo zio della giovane, e con il matrimonio tra Flora e il cugino. La mamma di Flora aveva chiesto al Ranzoni anche un suo ritratto da porre accanto a quello del consorte, che arrivò alle Civica Galleria d’Arte Moderna proprio per la volontà della figlia Flora, morta a ottantaquattro anni nel 1935

Ritratto di  Guseppina Lorioli Luvoni, 1880, Collezione Privata

Risale al 1880 anche il ritratto incompiuto di Giuseppina Lorioli, la moglie di Luigi Luvoni (Milano 1846 – Stresa 1900), un ingegnere edile e pittore dilettante che aveva costruito nel 1883 in via Santa Barnaba la sua casa, organizzando una serie di spazi da dedicare a studi per artisti. Lì ospitò parecchi pittori milanesi. Il Luvoni avrebbe poi donato al Comune di Milano nel 1900 un nucleo selezionato della sua raccolta, che conservava nello chalet detto il Giojello presso villa La Teresita, la residenza in stile esotico di Stresa edificata da Luigi Boffi tra il 1888 e il 1890. Le dieci opere erano La lettrice di Faruffini, Cleopatra di Mosé Bianchi, Attrazione e il Ritratto di Luigi Luvoni del Cremona del 1872, Estate di San Martino di Eleuterio Pagliano, Canale di Venezia di Rinaldo Giudici, quattro schizzi in bronzo di Giuseppe Grandi: L’edera, Maresciallo Ney, Beccaria, Piccolo putto. Il ritratto della moglie del Luvoni, Giuseppina Lorioli, morta a Milano nel 1920 è invece finito in una Collezione Privata. La sorella di Giuseppina, Teresa Lorioli, aveva sposato nel 1880 l’ebanista Carlo Bugatti, diventando così cognata di Bice Bugatti, la compagna di Segantini. Della cosidetta “casa degli artisti” resta una descrizione di Virgilio Colombo: a metà della via San Barnaba – laggiù tra porta Romana e porta Vittoria – e precisamente al numero 16, c’è, da non molto tempo, una graziosa casina dalla grandi finestre da studio, in vista così pulita, così fresca ed allegra, che attira subito l’attenzione di quel rado passeggiero, che la mal pratica di Milano smarrì pel deserto quartiere o che la non inalterata pace del così detto focolare domestico persuase a far della filosofia stradale. La casa N. 16 è la casa degli artisti. Io non so più – eccetto che del pittore Barbaglia – quanto vi abbian schiacciati tubetti, prima che il proprietario, ingegnere Luvoni la rifabbricasse, adattandola ai bisogni degli artisti; ma so bene che vi sono ospitati, con ogni comodità desiderabile, e il Carcano e il Ferraguti e il Brivio e il Trezzini e il Pusterla e, finalmente, il Luvoni medesimo, che dotato di un ingegno non comune e, soprattutto, di una passione vivissima per la pittura, giovane e ricco, va annoverato fra i nostri più chiari dilettanti e, se non come per gli artisti, va riconosciuto degno di qualche benemerenza anche per l’arte.

Giovinetta in bianco, 1885, Milano, Galleria d’Arte Moderna. Il dipinto, noto anche come Giovinetta malata o Giovinetta col tricorno, fu proprietà del fratello Remigio e, poi, di Margherita Sarfatti. Va datato al periodo successivo al ricovero dell’artista nell’Ospedale di Novara nel 1885

Negli anni seguenti, continuò a lavorare, raggiungendo una perfetta sintesi cromatica, giocata su piccole variazioni di tono e su una materia alleggerita, come nella Giovinetta in bianco. Il mondo del Ranzoni, però, non c’era più. Rovani e Cremona erano morti e la bohéme delle ortaglie era ormai scomparsa. Dal 1882 decise di far ritorno a Intra, ma anche lì era tutto mutato. La manifattura di cappelli del fratello Remigio era fallita. Nel 1884 il principe Pyotr, gran galantuomo ma troppo fiducioso, aveva avuto un tracollo finanziario in seguito a un cattivo investimento: la partecipazione con un capitale di 110.000 lire a una Banca di costruzioni il cui presidente era l’ingegner Brioschi, direttore del Politecnico di Milano. La banca fallì e la famiglia si trasferì in un appartamento di sette locali in via Borghetto, vicino a Porta Venezia. Villa Ada fu venduta nel 1887 alla famiglia Ceriana-Rocca, banchieri a Torino che ne rimasero proprietari fino agli anni Settanta del secolo scorso. I Troubetzkoy non abbandonarono del tutto Ghiffa. Il principe affittò infatti lo chalet attiguo alla proprietà, dove periodicamente faceva ritorno, ma si separò da Ada Winans. Nel marzo del 1885 si manifestarono nella mente di Ranzoni i primi segni di una grave psicosi.

Ritratto di giovinetta (Giovinetta della raccolta Vercesi), 1881 circa, Collezione Privata. Il quadro, commissionato da un industriale di Intra, fu iniziato nel giardino della Villa Pisani Dossi, detta “Il Dosso” e non finito. Acquistato dall’antiquario Vercesi a 250 lire e offerto, poco dopo, a un ammiratore del Ranzoni, che a sua voltò non lo comprò, a lire 3000. La giovinetta non è  la figlia del Vercesi, ma di un industriale di Intra che era fallito ed è stato costretto a cedere l’icona della figlia. La signorina rimase nella collezione Vercesi fino al 1926

La cosiddetta Giovinetta della Raccolta Vercesi, diventata ormai una gentile vecchina piena di ricordi, raccontava nel 1923 come nascesse quella tela. Lei, l’anonima volontaria modella, posò per il quadro famoso ed ebbe quindi occasione di sperimentare sul vivo, diciamo gli umori dell’artista nell’ultimo doloroso periodo. Il povero Ranzoni fece quel ritratto in un ameno giardino del primo bacino del nostro lago di Como, ospitato da amici. Chi posò era allora un’allegra giovinetta che a dir vero usò un’ammirabile pazienza. Perché il povero Ranzoni dava già segni di squilibrio, or dipingendo a scatti, or cantando la favorita arietta

‘La va in brumm – Sentada sui moll – Con giò i tendinn’

ora soffermandosi triste, accigliato, col pennello in aria e sempre bevendo innumerevoli tazze di caffè, di cui si teneva una forte riserva sul tavolino del giardino. Spesso buttava via pennelli e colori e diceva alla giovinetta: ‘Stellonzetta, andiamo in barconzelletta?’ E la giovinetta, felice, per così dire, di cavarsela per quel giorno, applaudiva di gran cuore. Così avvenne che passò la stagione e si rientrò in città: e siccome la giovinetta doveva seguire suo padre all’estero ove si recava per affari, fu combinato che il Ranzoni sarebbe venuto poi ad ultimare la mano. A Parigi si ricevette una lettera da famigliari dove si raccontava che il Ranzoni era stato in casa, commettendo un crescendo di stramberie impressionanti. Trovata in casa la sola cuoca che stava lavando il pavimento di cucina, prese una delle più belle poltrone del salotto e la depose proprio in mezzo all’acqua per sedervisi: poi, riportandola al suo posto, gironzolò per tutte le camere, adagiandosi per qualche minuto su ogni letto, colle scarpe inzuppate di acqua e sempre seguito dalla cuoca sgomenta. Finalmente se ne andò, lasciando detto che gli si scrivesse l’arrivo dei padroni. Ma purtroppo, quando lo si chiamò, mi pare un certo signor Pisani, scrisse che il povero Ranzoni era stato ritirato a Intra dalla famiglia non so se per mandarlo subito in manicomio. Ed il ritratto rimase colla mano incompiuta!

La punta di Pallanza, 1885, Collezione Privata

Il 23 Marzo 1885 il Ranzoni si fece ricoverare volontariamente, maniaco e abulico, nell’ospedale psichiatrico di Novara. Espose comunque a Brera un ritratto di due fanciulli anonimi, forse da identificare con quelli di William Morisetti e di Emilio Ambrosini Spinella. Incoraggiato dalla famiglia e dagli amici, appena dimesso dall’ospedale, il Ranzoni era tornato al lavoro e aveva dipinto l’enigmatica Giovinetta in bianco. Come ricorda Carlo Dossi nell’Esposizione di Brera del 1885 questi ultimi, a parte l’ammirazione che ogni opera veramente d’arte ispira, hanno dato agli amici dell’egregio pittore, che sono molti, una grande consolazione, poiché loro annunciarono che Ranzoni, come un forte inebriato, si risvegliò dall’esaurimento nervoso, in cui per troppa tensione di fantasia nervosa era caduto, e potrà, continuando la splendida serie de’ suoi lavorim dare al paese nuove e sempre più poderose tele. L’augurio di Dossi si rivelò purtroppo impossibile.

La baronessa Antoinette St Léger in abito elegante a Brissago nel 1890

Tra il dicembre del 1885 e il febbraio del 1887 Ranzoni fu ospite di Antoinette de Saint-Léger, assieme al pittore Franzoni, sulle Isole di Brissago, nella parte svizzera del lago. L’eccentrica nobildonna di origine russa, che amava fregiarsi del titolo di baronessa, aveva affittato dai Troubetzkoy, insieme al secondo marito Richard Fleming di Doneraille e di Saint-Léger, uno degli chalet di Villa Ada, prima di trasferirsi sulle Isole di Brissago, che aveva acquistato e dove aveva allestito un palazzo. Aveva trasformato l’isola di San Pancrazio in un lussureggiante giardino, pieno di specie orientali, arrivate in Italia dopo l’apertura dei porti giapponesi nel 1854. La baronessa, oltre a cisti, mirti e corbezzoli, aveva messo a dimora kaki, banani, magnolie, eucalipti, agapanti e passiflore. Ranzoni dipinse opere originalissime, come Ascona vista dalle isole Saint-Léger e La baronessa di Saint-Léger sulla sedia a sdraio. Forse il momentaneo recupero fu per il fascino straordinario che la modella esercitava su tutti? O per l’interesse della compagnia che si raccoglieva intorno alla vulcanica Signora delle Isole? Nel 1886 dipinse i ritratti di due signore residenti a Ghiffa, Luisa Torelli Tagliabue e la vedova Luigia Ruffati Crosti, la zia del bambino Emilio Ambrosini Spinella, forse il soggetto di uno dei quadri inviati a Brera l’anno prima. La Torelli, che era stata ritratta anche dal Cremona, fu poi “dipinta” da Segantini e da Mancini. Ranzoni incontrò Emilio Longoni, che era stato incaricato di decorare la villa disegnata da Luigi Boffi per i coniugi Torelli a Frino di Ghiffa e costruita nel 1883. La dimora, oggi nota come villa la Serenità ha conservato poche tracce della decorazione lasciata da Longoni e da altri artisti, tra cui Conconi.

Ritratto di Antonietta Tzikos di Saint-Léger, 1886-1887, Collezione Privata. Il quadro fu eseguito durante i tre mesi in cui Ranzoni fu ospite della baronessa sulle isole di BrissagoSaint-Léger. All’epoca del ritratto la donna aveva trent’anni, e, madre di due figli, era ancora sposata al secondo dei suoi sette mariti, l’irlandese Richard Fleming di Doneraille e di Saint-Léger

Ascona vista dalle isole di Saint-Léger, 1886, Collezione Privata. Il paesaggio fu eseguito dal vero, ma probabilmente ultimato in studio, e risale al soggiorno del Ranzoni presso i Saint-Léger. Il quadro è l’ultimo paesaggio dipinto dal Ranzoni e colpì anche Filippo Franzoni, il pittore di Locarno che era ospite nello stesso periodo presso la baronessa

La principessa di Saint-Léger sulla sedia a sdraio, acquarello su cartoncino, 1886, Milano, Galleria d’Arte Moderna

Nella fotografia del salotto della Villa Saint Léger si riconosce sul camino il Ritratto di Antonietta Saint-Léger Tzikos del Ranzoni, Pallanza, Biblioteca Civica Pietro Ceretti

Un’altra veduta del salotto di Antonietta Saint-Léger. A destra si vede il paesaggio dipinto dal Ranzoni Ascona dalle rive delle isole di Brissago, Pallanza, Biblioteca Civica Pietro Ceretti

Dopo una breve sosta a Miazzina, ospite nella villa del pittore Camillo Rapetti, tornò a Intra dove fu accolto dai cugini Manrico e Delfina Tonazzi, gestori del Caffé del Verbano. Ranzoni eseguì due ritratti dei coniugi Tonazzi, testimoni di un’espressionismo ormai astratto. Manrico indossava nella fotografia la stessa giacchetta del dipinto. Delfina Lussetti, nata a Biganzolo nel 1867 e morta a Milano nel 1929 aveva ventun anni, quando accolse il Ranzoni, già gravemente depresso nella sua casa sopra il Caffè del Verbano. Manrico, che organizzava nel Caffé delle allegre feste, suonava il violoncello. Dalla loro unione nacquero due figli, Antonio, nel maggio del 1888 e Aldo, nel 1896. Tra gli ultimi disegni del Ranzoni è da ricordare il “Chichera”, un facchino della stazione di Intra, ritratto dal Ranzoni nel 1889. Ricordava Luigi Troubetzkoy nelle sue Memorie che il Ranzoni aveva ormai uno sguardo spento, privo dell’antica vivacità. Disse, indicandoci con mano: ‘Pierre… Paul… Gigi’ e restò muto. Avevamo visto per l’ultima volta il nostro grande amico.

Ritratto di Manrico Tonazzi, 1889, Venezia, Collezione Privata. Manrico, che non è da confondersi con l’avvocato Tonazzi di Intra,  un committente del Ranzoni, era invece il secondo cugino dell’artista, per via della nonna paterna Lucia, e accudì Ranzoni fino alla sua morte

Ritratto della Signora Delfina Lussetti Tonazzi, 1889, Collezione Privata. Uno degli ultimi e modernissimi ritratti in cui il Ranzoni anticipa addirittura il linguaggio novecentesco

Un inedito doppio ritratto fotografico dei coniugi Manrico e Delfina Lussetti Tonazzi nel 1888. Manrico, il cugino di Ranzoni, era figlio della zia paterna, Giuditta Ranzoni. Nato a Intra il 24 Settembre 1859 e morto a Milano il 12 Dicembre 1930, aveva sposato negli anni Ottanta la bella Delifina Lussetti. I coniugi, che ebbero due figli, erano i gestori del Caffè del  Verbano e del Caffè dello Scalo all’Imbarcadero. Accolsero il Ranzoni, già gravemente depresso, prima della sua morte. La foto è stata gentilmente concessa da Pascal Tonazzi, il bisnipote di Manrico

Manrico Tonazzi intorno al 1910. Collezione Pascal Tonazzi

Delfina Lussetti Tonazzi, cugina di Daniele Ranzoni, in età matura, all’inizio del 1910. Collezione Pascal Tonazzi

Un bellissimo ritratto di gruppo della famiglia Lussetti Tonazzi. Da sinistra a destra, in piedi: Antonio Mario Tonazzi, Delfina Lussetti Tonazzi, Manrico Tonazzi, Ida Lussetti, Fedele Imo, Olimpia Lussetti in Imo, Giuseppe Rosmini, Elisa Lussetti in Rosmini. In prima fila da sinistra a destra: Aldo Tonazzi, Ada Imo, Maria Minocci vedova Lusetti, Ines Imo e Ugo Rosmini. Collezione Pascal Tonazzi

Una cartolina pubblicitaria degli esercizi commerciali gestiti da Manrico Tonazzi. Collezione Pascal Tonazzi

Un dettaglio della cartolina con il Bar Verbano sul lungolago, dove Ranzoni passò gli ultimi mesi della sua vita. Il Caffé del Verbano si trovava sul lungolago di fronte all’attuale Albergo Miralago. In questa casa, sopra al Caffé, morì Daniele Ranzoni. Collezione Pascal Tonazzi

Il Caffè dello Scalo vicino all’Imbarcadero. Collezione Pascal Tonazzi

Il Caffè dello Scalo all’Imbarcadero di Manrico Tonazzi è il piccolo edificio accostato alla struttura in ferro battuto, da una cartolina dell’inizio del Novecento

Ritratto del padre, 1889, Collezione Privata. Mai esposto né pubblicato il ritratto è sempre rimasto nella famiglia dell’artista ed era stato eseguito da una fotografia

Nel settembre del 1889, Carlo Bozzi, recatosi a Intra, scorse il Ranzoni nella scialba luce di Cavedio nel retrobottega di un caffé copiare una testa muliebre da una fotografia con gesti macchinali, con occhi senza sguardo, che neppure riconobbero il suo amico Conconi lì presente. Come ricordano Eugenio Gara e Filippo Piazzi negli ultimi giorni, quando la testa se n’era ormai definitivamente andata ed era così difficile ottenere che il misero Daniele si lasciasse pulire, radere, cambiare, era solo invocando il nome di lei che avveniva il miracolo: ‘Flora, è per Flora. Arriverà, vedi, arriva…’. Egli l’aspettava. Venne invece la morte. Come racconta il Boccardi una malinconica notte d’ottobre del’89, il lago era bianco sotto l’inverna sferzante il pittore più cupo che mai, il Tonazzi lo condusse a casa; stava male. Lo mise a letto e tre giorni dopo, il 29 di ottobre del’89, col sigaro tra le labbra e il volto aperto ad un sorriso indefinibile, Daniele Ranzoni era morto. Ma era finito da un pezzo. Ranzoni fu sepolto nel cimitero di Intra, accanto all’amico Giacomo Imperatori, che era scomparso nel 1888. L’amico Vittore Grubicy, che aveva inserito delle opere di Ranzoni nella sua Italian Exhibition di Londra del 1888, organizzò, tre mesi dopo la scomparsa, una grande retrospettiva alla Permanente di Milano. Segantini, invitato all’inaugurazione, gli rispose: hai fatto bene, così costui che moriva vivendo, morendo vive.

Paul Troubetzkoy, Ritratto di Daniele Ranzoni, gesso patinato bronzo, 1890 circa, Verbania, Collezione Privata. Un’altra versione della scultura fu posta fu collacata nel 1896 sul lungolago di Intra. Il 27 Dicembre del 1890 sul settimanale “La Vedetta” veniva pubblicata la fotografia di un modello in creta di un busto dedicato al Ranzoni di Paul Troubetzkoy per un monumento a ricordo del pittore, per cui si stavano raccogliendo i fondi. Per la scultura Troubetzkoy aveva utilizzato una fotografia degli anni Ottanta, come è testimoniato anche da un disegno dello scultore conservato al Museo del Paesaggio di Pallanza. Rispetto al disegno e alla scultura che verrà collocata sul lungolago, il gesso si differenzia per la posizione della testa. Forse era una prima versione del monumento, poi giudicata non soddisfacente a arirvata in possesso di Augusto Ranzoni, fratello dell’artista, oppure lo sculture può averla realizzata indipendentemente dalla commissione ufficiale, come ricordo personale del pittore che era stato suo maestro

Un articolista anonimo, sulla testata intrese La Vedetta nell’edizione del 2 novembre 1889, gli dedicò un coccodrillo. È morto a 45 anni, nel pieno della virilità, quando avrebbe dovuto mietere maggior messe di allori nel difficile e glorioso campo dell’arte. Ma sgraziatamente da varii anni il lento e crudele malore che lo trasse anzi tempo alla tomba gli minava insidiosamente l’esistenza, offuscando lo splendore di quella intelligenza che aveva concepite e create tante e così egregie opere d’arte. Ed il Ranzoni fu davvero grande e vero artista. “I suoi acquarelli – scriveva un competentissimo critico milanese – varcheranno i tempi, e l’iride smagliante della sua tavolozza maritata ad un disegno purissimo lo rammenterà ai più lontani, e soggiungeva che dei suoi ritratti alcuni sono già celebri”. Ed in verità in tutte le sue opere e nei ritratti in ispecie non è mai smentito quel fare largo e magistrale, quella sprezzatura d’ogni convenzionalismo, quella mirabile soavità di tinte, di contorni e di sfumature ed infine quel senso delicatissimo di giusta modernità dietro cui si affaticano tanti e pure egregi artisti. Per unanime consenso degli intelligenti, Daniele Ranzoni fu il più felice, il più vero ed efficace prosecutore di quel Tranquillo Cremona di cui era anche l’amico prediletto: e vuolsi che egli per il primo avesse iniziato quella maniera di pittura, per la quale va celebre il noto capo-scuola lombardo. Il Ranzoni a queste elette doti di artista univa insieme un’indole mite ed affettuosa, uno spirito arguto e pronto, e quella vivace festosità di carattere che sembra congenita negli artisti. Le sue esequie celebratesi mercoledì a sera, ed a cui convenne numerosa ogni classe della cittadinanza, valsero a dimostrare quanta larga eredità di stima, di ammirazione e di affetti, abbia lasciato dietro a sé il povero Daniele. Al cimitero il signor Grubicy, redattore artistico di vari reputati periodici ed intelligente mecenate dell’arte, parlò dei meriti grandissimi, dei pregi indiscussi del nostro compianto concittadino deplorandone la perdita immatura. Col Grubicy erano pure giunti da Milano per le esequie del Ranzoni vari amici e colleghi d’arte: altri scusarono la propria assenza, ed oggi stesso giungevano da Milano lo scultore principe Paolo Troubetzkoy ed il pittore Longoni a portare sulla tomba del compianto nostro concittadino una colossale corona di fiori, a nome degli artisti milanesi. Tutti i giornali milanesi hanno parole di profondo e sentito rimpianto per la morte del Ranzoni, di cui riconoscono le elette doti di artista grande e potente, e di cui tutti ricordano ancora i trionfi artistici a Brera.

Ma che cosa accadde agli altri protagonisti di questa lunga storia?

Ada Winans morì a Intra nel 1918.

Il suo ex marito, il principe Pyot, si ritirò a Milano, in compagnia della sua amante Marianna Hahn, ex governante francese dei figli. Ebbe un altro figlio nel 1886, che chiamò Pietro Troubetzloy Hahn e si spense a Menton il 18 Agosto 1892.

Paolo Troubetzkoy divenne un eccellente scultore. Per vedere i suoi gessi e approfondire la sua storia c’è un luogo speciale: il Museo del Paesaggio di Pallanza. Alla fine del secolo, quando l’accusa del padre di bigamia del padre fu dimenticata, fece ritorno in patria, per lavorare al monumento a cavallo dedicato ad Alessandro III. L’intellighenzia di sinistra lo definì un maiale per i porci, ma alla vedova imperatrice, Maria Fedorovna piacque moltissimo. Paolo visse a Pietroburgo per qualche anno, ma ritornò in Italia all’inizio della prima guerra mondiale. Nel 1912 acquistò a Suna una proprietà che battezzò Ca’ Bianca e vi si stabilì fino alla sua morte nel 1938.

Il fratello Luigi che era diventato un ingegnere navale e industriale, si trasferì nella villa di Suna con Paolo, dopo la pensione. Il 24 marzo 1945 un incendio appiccato dai nazi-fascisti distrusse la casa. Andarono perduti i quadri e le belle opere d’arte che adornavano le stanze. Nell’inventario, redatto dal notaio nell’aprile del 1945, sono elencati, tra i tanti beni, alcune opere del Ranzoni: un disegno con il ritratto del principe Pietro, un acquarello dell’Isola Bella, due miniature su avorio, un olio intitolato Regate a vela, vari schizzi a penna (uno per il quadro Ciociari, per la costruzione di uno studio, di guerrieri romani e di cavalli). Anche il Ranzoni fu indirettamente colpito dalla follia della seconda guerra mondiale. Luigi morì a Ghiffa nel 1957.

Pierre fu pittore e si dedicò soprattutto alla ritrattistica. Sposò la scrittrice americana Amelie Louise Rives nel 1896. Morì a Charlotesville, in Virginia nel 1936.

La baronessa Saint-Léger, che avrebbe pubblicato nel 1913 un diario sulle essenze coltivate a Brissago, si circondò di artisti e musicisti, scrittori e poeti, come Joyce e Rilke, finché si ritrovò sommersa dai debiti e fu costretta a vendere la proprietà al facoltoso mercante elvetico Max Edmen. Nel dopoguerra le Isole furono acquisite dal Canton Ticino e trasformate in un magnifico orto botanico.

Il parco di Villa Ada, un tempo rigoglioso di rarità vegetali e specie esotiche, rifugio di uccelli e scoiattoli, è oggi assediato dai rovi e dall’invadente trachicarpus. Una parte della proprietà è stata smembrata e trasformata in un complesso residenziale. La Villa Ada, acquistata dalla famiglia Prothmann, è l’oggetto di un restauro filologico, assieme a ciò che resta del magico giardino creato dai Troubetzkoy. Non c’è più traccia dei due chalet documentati da fotografie d’epoca conservate nell’archivio del Museo del Paesaggio di Pallanza.

Galleria di opere di Daniele Ranzoni

Ritratto di giovinetta, 1867-68, Collezione Privata. Il dipinto risulta esposto a Intra da una foto d’epoca. La ragazza, forse dipinta da una fotografia, potrebbe essere Maria Ceretti, sorella di “Zia Tin”, che sposò il pittore Giovanni Petroli, fratello del fotografo amico del Ranzoni. Oppure una moderna Ofelia, rivisitata con un fare attento alla sperimentazioni dal vero di Filippo Carcano

Ritratto di Achille Tominetti, 1867-70, Milano, Collezione Privata. Tominetti (1848-1917), originario di Miazzina sopra Pallanza, era artista e agricoltore. Amico del Ranzoni da quando aveva studiato a Brera, nel 1877 lo sostituì come insegnante di pittura ai figli Troubetzkoy

Ritratto della Signora Giovanna Schlosser Schoenenberg, 1870, Collezione Privata. Il quadro era stato commissionato dalla moglie del capitano prussiano Carl Schoenenberg

Lo chalet di Villa Ada sul Lago Maggiore, 1870-71, Collezione Privata. Un’altra versione del celebre dipinto. Non datato né firmato, proveniva dalla collezione di Pierre Troubetzkoy

I Pizzoni e il Sasso di Ferro visti da Villa Ada (Le montagne di Laveno), 1871, Collezione Privata. Il dipinto fu esposto a Brera nel 1871. Si tratta di una veduta dal vero resa con luminosità impressionistica. Era nella collezione di Ada Troubetzkoy e poi in quella del figlio Luigi

La Maddalena, 1871 circa, olio su tela, Collezione Privata

La Maddalena, 1871 circa, olio su tela, Collezione Privata

Ritratto di Luigi Villa, 1872-1873, Varese, Civico Museo di Arte Moderna e Contemporanea. Con il quadro successivo forma una coppia di ritratti dedicati ai figli di Carlo Villa, ufficiale delle Regie Poste. Il Villa, che era amico di Cremona e di Ranzoni, abitava nella stessa casa di Corso di Porta Nuova 19 in cui Cremona, Ranzoni e Gignous risiedevano e lavoravano. Cremona gli fece un ritratto, mentre il Ranzoni eseguì i due dedicati ai figli Luigi e Margherita. Il figlio di Luigi, che portva alo stesso nome del padre, decise di lasciare in donazione al Museo di Varese importanti opere della collezione di famiglia, che pervennero al Castello di Masnago nel 1993

Ritratto di Margherita Villa, 1872 circa, Varese, Civico Museo di Arte Moderna e Contemporanea. Nata nel 1866 la piccola dal grembiulino bianco era la figlia di Carlo Villa e abitava con la famiglia nella stessa casa in corso di Porta Nuova 19, dove il Cremona e il Ranzoni lavoravano tra il 1870 e il 1873. Nel 1870 la piccola aveva posato per I due cugini del Cremona e nel 1871 in Tra i fiori, dove  bambina compariva assieme al fratello Luigi in uno scorcio di giardino

Ritratto di signora, 1872, acquarello e biacca applicata su cartoncino, Collezione Privata. Con iscrizione sul retro in alto a destra: “di proprietà della Sig.ra Anna Francfort / Torino C. Oddone 119“. La signora Anna Harriett Francfort Paul era stata la protagonista di ben quattro ritratti eseguiti da Ranzoni, due oli e due acquarelli. La donna ritratta non assomiglia alla baronessa Francfort, ma potrebbe forse essere una sorella o una cognata

La villa del principe Dolgoronki a Belgirate, 1873-1874, Collezione Privata. Il Principe Dolgoronki era il marito di Olga, sorella di Pietro Troubetzkoy. Il quadro reca la scritta autografa di Luigi Troubetzkoy, a cui era stato donato dalla zia

Ritratto di Giuseppe Rovani, 1874, Milano, Galleria d’Arte Moderna

Ritratto femminile (La principessa Ada Troubetzkoy), 1874-75, acquarello su carta, Collezione Privata

I Curiosi (Al balcone), 1874-75, Collezione Privata. Questo olio, come il successivo Le curiose furono copiati dal Ranzoni da due sovrapporte di Cremona per la Villa Ponti a Varese, prima che venissero distrutte dal Cremona che ne era rimasto insoddisfatto. Conosciute con i titoli Al Balcone e ribattezzate I Curiosi e Le curiose, le due “copie” ranzoniane erano nel 1890 nella collezione dell’avvocato e sentaore Giovanni Facheris, nella cui villa ad Inzago lavoravano, come decoratori Conconi, Previati e Mentessi. Il “curioso” sulla destra è il ritratto del maestro Alfredo Catalani

Le curiose (Al balcone), 1874-75, Collezione Privata. L’olio è la versione femminile di I curiosi. La signora con il ventaglio sulla destra è identificabile con Ada Troubetzkoy

Ritratto di giovane donna, 1874-75, Collezione Privata

Camicetta azzurra, 1874-76, Collezione Privata. Il piccolo olio è uno studio per un ritratto più grande e dallo stesso titolo, attualmente disperso, identificato attraverso una fotografia. Potrebbe essere la sorella dell’antiquario Vercesi, ma ha anche affinità con la Signorina Confalonieri

Giovinetta bionda, 1874-76, Collezione Privata

Nudo femminile – Figura allegorica, 1875, Collezione Privata

Ritratto della Signora Delfina Franzosini Spitaleri di Céssole col cane, 1875, Bergamo, Collezione Arturo Tosi. L’olio su tela, commissionato al Ranzoni da Giovanni Battista Franzosini, non è finito. Esiste un disegno dello stesso soggetto, oggi in C0llezione Privata, che fu esposto a Intra nel 1911. L’opera è particolarmente interessante per osservare la tecnica di lavorazione pittorica del Ranzoni. Di nobili origini Delfina (Nizza, 1883 – Pallanza, 1914) era la figlia del conte e senatore Eugenio e di Maria de Castellane. Si era sposata con il Cavaliere Carlo Franzosini (Intra 1831 – Nizza 1890), titolare della Fornace Franzosini, un’impresa di lavorazione di sabbia silicea, che era situata oltre il torrente San Giovanni. Tra il 1860 e il 1882 aveva ricoperto più volte la carica di Sindaco e in seguito fu consigliere provinciale e deputato al Parlamento, grazie anche alla sua amicizia con Agostino De Pretis. I Franzosini furono i proprietari, tra il 1868 e il 1881 di Villa Poniatowski (attuale Villa Poss) che è raffigurata anche in un paesaggio del Ranzoni che si intitola Paesaggio del Lago Maggiore con la villa Franzosini, in Collezione Privata

Ritratto della Signora Elisa Pariani Boletti, 1875, Collezione Privata. Un raro ritratto di profilo nel corpus ranzoniani. L’opera fu commissionata dal Cavalier F. Pariani di Intra

Ritratto della cantante Ravené, 1875, Collezione Privata. La signora, Dorothee Karoline Ravene (Berlino, 3 Febbraio 1855 – Brissago, 12 Luglio 1930), aveva sposato a Berlino, il 23 Febbraio 1873, il generale tedesco Bernhard Friedrich Gustav Adolph Von der Lippe (Oldenburg, 10 Marzo 1845 – Brissago 27 Ottobre 1919), con cui ebbe tre figli maschi e due femmine. Possedevano a Stresa la Villa Dora, che era circondata da uno splendido parco, dove i viali portavano i nomi di familiari, eroi, città e fiumi tedeschi. I coniugi Von der Lippe, che evidentemente amavano i luoghi ameni, costruirono nel 1906 il castello in stile neoromantico detto Crap da Sass a Surlej, in Engadina, vicino al lago di Silvaplana. Non è stato possibile determonare quale sia stata la loro ultima residenza, anche se essendo morti entrambi a Brissago in anni diversi , l’ipotesi più plausibile è che alla fine della loro vita vivessero in quel luogo

Studio di nudo femminile, 1875, Milano, Galleria d’Arte Moderna

Ritratto del Signor Uglietti, 1876, Collezione Privata. Il dipinto, commisionato da Pacifico Uglietti di Intra, ritrae un barcaiolo che Ranzoni conosceva fin dalla sua prima infanzia

Ritratto della Signora Uglietti, 1876, Collezione Privata

Ritratto di fanciulla inglese, 1876, acquarello su carta, Collezione Privata. La donna, vestita secondo la coeva moda britannica, con una pettinatura elaborata coronata da un cappellino di piume e un ciondolo con cammeo al collo, è identificabile in cinque acquarelli databili al 1876 ein un olio attestato dalla letteratura, ma di ubicazione ignota. Forse era una giovane donna che il Ranzoni aveva incontrato a Villa Ada e che aveva voluto ritrarre in versioni differenti

Ritratto di fanciulla con cappello a piume, 1876, Collezione Privata. Un’altra versione della fanciulla inglese, declinata in cinque acquarelli e un olio dal Ranzoni nel 1876

Ritratto di bambino, 1877, Collezione Privata

Ritratto di Alessandro Orsenigo, 1876-77, Pallanza, Museo del Paesaggio. Il ritratto fu commissionato da Achille Orsenigo di Intra. Il protagonista, proprietario di una casa in cui il pittore aveva affitato una stanza, era fratello di Elia Orsenigo, amico dell’adolescenza di Ranzoni

Ritratto di Giuseppina Orsenigo, 1877, Collezione Privata

La ricamatrice, 1877-1879, acquarello su carta, Collezione Privata. Un tema inconsueto nel corpus ranzoniano è quello dedicato alle tradizionali attività femminili. Esiste un altro acquarello dello stessa modella, ma in posizione opposta e più laterale, riconducibili al periodo inglese

Ritratto della signorina Giuseppina Confalonieri, 1878, Collezione Privata. Ranzoni ricevette dal Professor Cesare Confalonieri di Milano una commissione per un olio di cui questo è il bozzetto

I tre amici, 1878-1879, Vicenza, Collezione Marzotto. Si tratta di un ritratto dei bambini Nevill: Ralph William Plantagenet e la sorella minore Mary Francis, assieme al loro setter irlandese

Bambina che gioca col gatto, 1878, Collezione Privata

Ritratto maschile, 1878, Collezione Privata

Barboncino, 1878-1879, Novara, Museo Giannoni.  Ci sono due quadri dedicati al barboncino, questo e un’altro, quasi uguale, in Collezione Privata. Il quadro aveva dimensioni maggiori, infatti la tela e è stata tagliata. I dipinto, che abbonda nell’utilizzo del Rosso di garanza, si collega alle opere eseguite durante il periodo inglese

Ritratto di Bertha Chancy di Green End, moglie di Charles Greville Surteees, 1878-79, Collezione Privata. La signora era una lontana cugina di Richard Horner Paget. Il dipinto ricalca il tradizionale genere britannico del ritratto alla Reynolds, ravvivato dalla ricca cromia ranzonana

Ritratto di giovane donna inglese, 1878-79, Collezione Privata

Attrice in costume, 1879-1880 circa, acquarello su carta applicata su cartoncino, Collezione Privata. Quasi sovrapponibile a un altro acquarello, dal quale differisce dal taglio del volto, più ovale, e dall’andamento della firma, l’opera potrebbe far parte di un piccolo nucleo di cinque lavori del Ranzoni, realizzati per esigenze commerciali, aventi come soggetto un attrice o una ballerina. Annie-Paule Quinsac ha ipotizzato che la donna sia la mima Selene Righi, avendone trovato una testimonianza nella letteratura sull’artista. Tra le diverse versioni esiste un olio derivato da una fotografia conservata presso la Biblioteca Civica Pietro Ceretti di Verbania, che raffigura una donna in costume da zingara. Le altre versioni, un altro olio e quattro acquarelli mostrano delle differenze nella posa e in alcuni dettagli. I due tondi sono i più lontani dal prototipo, che mostra invece un vistoso cappellino, qui mancante

Attrice in costume, 1879-1880, acquarello su cartoncino pressato, Milano, Collezione Privata. Un’altra versione dell’attrice ritratta in due oli e in cinque acquarelli dal Ranzoni

La lettura, acquarello e tempera su carta, 1878-1880, Collezione Privata

Nudo femminile, 1880, Collezione Privato. Ritrovato da Paul Nicholls, dopo che se ne erano perse le tracce dal 1890, quando fu esposto alla mostra postuma organizzata da Vittore Grubicy, l’olio era all’epoca proprietà della famiglia del pittore e succesivamente era entrato nella collezione di Mario Rosselli. Il nudo è da collegare a una copia di acquarelli di Collezione Privata, dove compare la donna nella stessa posa dell’olio, ma con un taglio più ampio, che forse erano uno studio preparatorio o una replica. Non si conosce il tema, ma il soggetto indica una minaccia o una tentazione, nella figura inquietante che si affianca a destra della donna

Nudo femminile, acquarello su carta, 1880, Collezione Privata

In contemplazione, 1880 circa, acquarello su carta, Collezione Privata

Ritratto di giovinetta, olio su tela, Collezione Privata

Ritratto di giovinetta, olio su tela, Collezione Privata

Ritratto di donna, acquarello su carta, 1878-1880, Collezione Privata. Il dipinto potrebbe risalire agli anni del soggiorno inglese di Ranzoni o al periodo  successivo

Ritratto di giovane donna, 1880, Collezione Privata

Ritratto di signora con guanto bianco, 1882, Collezione Privata. Se si accetta la veridicità della data, il quadro fu commissionato o ultimato dopo il ritorno del Ranzoni in Italia e portato successivamente in Inghilterra. La signora assomiglia alle fotografie di Lady Nevill

Ritratto del Signor Giovanni Franzi, 1880-84, Milano, Collezione Privata

Ritratto di due giovani donne, pastello acquarellato toccato a guazzo, 1882, Collezione Privata. Erroneamente identificate come le figlie dell’antiquario Pasquale Vercesi, le due effigiate sono invece identificabili con Amalia Consonni e Carlotta Paini, figlie di Carlo Vercesi, pure commerciante, e di Rosa Gatti, sorelle di Pasquale, l’antiquario amico del Ranzoni

Paesaggio del Lago Maggiore: le isole viste da Baveno, 1880-84, Collezione Privata. Il quadro è una veduta dipinta dal vero presa sopra la stazione di Baveno

Intra vista dal Lago, 1884, Milano, Collezione Privata

Ritratto della Signora Rapetti, 1884 circa, olio su tela, Collezione Privata

Ritratto della Signora Rapetti, 1884 circa, olio su tela, Collezione Privata

Ritratto femminile, 1884-89, Collezione Privata. Fu esposto alla mostra postuma del 189o. Grubicy riferisce che potrebbe trattarsi di una “impressione d’una testina di donna donata da Ranzoni a Tranquillo Cremona che la teneva cara”, ma l’affermazione è bislacca. Cremona morì infatti nel 1878, mentre per lo stile magro ed astratto l’opera è da collocarsi nell’ultimo periodo

Ritratto infantile, 1885 circa, Collezione Privata. Non si sa chi sia questo bambino con il cappello di paglia, ma la critica ha ipotizzato l’identificazione con il Ritratto di Emilio Ambrosini Spinella, esposto alla mostra postuma dell’artista nel ridotto del Teatro di Intra. Il piccolo era il figlio dell’ingegner Giovanni Ambrosini Spinella e di Ermellina Ruffati, la cognata di quella Luigia Ruffati Crosti di cui Ranzoni avrebbe eseguito il ritratto nel 1886. Il bambino era rimasto orfano di madre nel 1880. Il papà si era risposato con la cognata Luigia Crosti, dopo la morte del marito nel 1886. Giovanni Ambrosini Spinella era anche socio dei padroni italo-scozzesi dell’Albergo Ghiffa, per cui il Ranzoni aveva ritratto il figlio Wiillam Morisetti

dddd

Schizzo per ritratto di giovane, olio su tavola, Collezione Privata. La tavola sembra lo studio per il ragazzo con il cappello di paglia ed è illuminante nel mostrare il metodo dell’artista per impostare il soggetto: il colore, steso con una pennallata vibrante, poi con le dita e la spatola, rivela la consueta tensione, presente in molti bozzetti della ritrattistica ranzoniana

Ritratto del bambino William Morisetti (Willy), 1885, Collezione Privata. Il bambino era il figlio di Giovanni, gestore dell’Albergo Ghiffa. L’albergo era in comproprietà con le più antiche famiglie locali, gli Ambrosini Spinelli e i Ruffati, che a loro volta erano imparentati tramite gli Aluvisetti

Ritratto di Luigia Ruffati Crosti, 1885, Collezione Privata. La donna, nata nel 1856 a Venegono Superiore da due commercianti di Germanedo, si era sposata con Edoardo Ruffati, figlio di Giovanni Battista e di Luigia Meazza e appartenente a una famiglia benestante di Ghiffa, attiva nel commercio di vini a Milano. Nel 1886, a trent’anni, già madre di due bambini, Ermellina e Giulio, restò vedova. Si risposò con il cognato Giovanni Ambrosini Spinella. Morta anche la figlia Ermellina nel 1891, la Crosti visse fino al 1930 a Varese, ma aveva già da tempo ceduto la sua collezione di quadri ad Arturo Tosi. Il dipinto era noto dal 1911 come Ritratto della Signora Spinelli, ma la tela sembra essere stata fatta prima del secondo matrimonio ed era un pendant del Ritratto di Edoardo Ruffati, in Collezione Privata che Ranzoni aveva dipinto o prima della morte del Ruffati o subito dopo. I Ruffati erano infatti proprietari di una villa a Ghiffa in strada Nazionale alla Svizzera, acquistata successivamente dall’orafo Alfredo Ravasco.

Ritratto di Luisa Torelli Tagliabue, 1886 circa, Collezione Privata. La donna, che in realtà si chiamava Luigia, ma era chiamata Luisa, era la moglie di Giovanni Battista Torelli ed era la cognata di Eugenio Torelli Violler, il noto giornalista del “Corriere della Sera”. Giovanni Battista Torelli era un ricco e raffinato collezionista d’arte. Il suo gallerista di fiducia era Grubicy. Luisa posò appena sposata nel 1877 per Tranquillo Cremona in un dipinto attualmente disperso. Tre anni dopo sarà raffigurata da Segantini, protetta da un parasole, mentre passeggiava lungo i Naviglio. Nel 1886 sarà il turno di Ranzoni, mentre nel 1902 verrà nuovamente effigiata da Antonio Mancini, che, di ritorno dall’Inghilterra, si era fermato presso la villa dei Torelli a Frino di Ghiffa. Della tela del Mancini che fu esposta alla Biennale di Venezia del 1903 e di cui si conosce uno studio a carboncino del volto conservato alla Gilgore Collection di Naples, in Florida, non si conosce l’ubicazione. La figlia naturale di Giovanni Torelli e di Annunciata Borghi, Giuseppina Borghi, fu ritratta nel 1901 da Luigi Conconi nella tela oggi nella collezione della Galleria Ricci Oddi di Piacenza, nota erroneamente come

Ritratto grigio e rosa, 1886, Roma, Collezione Privata. Il dipinto si può collegare al periodo trascorso dal Ranzoni sulle Isole Saint-Léger

Ritratto di fanciulla col cappello di paglia, 1886, Collezione Privata. Commissionato da Margherita Tacchini, l’olio, incompiuto, è il ritratto della figlia Giulia ed è noto anche come Il Coniglio o Bambina con cappello. La fanciulla, nata nel 1879, aveva allora sette anni

Ritratto del bambino Riccardo Borioli, 1887, Pallanza, Museo del Paesaggio

Ritratto di donna, 1888, Intra, Banca Popolare. L’opera è passata presso la Galleria Pesaro e reca sul retro due autentiche di Annetta Ranzoni. La ragazza potrebbe essere una parente dell’artista

Ritratto della principessa Margherita di Savoia, 1869-70, Pallanza, Museo del Paesaggio. Non è del tutto certa l’identità della donna, ma il quadro, nel lascito di Silvio della Valle di Casanova alla sala Storica di Intra, era descritto come Ritratto di Margherita di Savoia. Apparsa all’Esposizione Agricola Industriale Artistica di Pallanza, l’opera apparetnne fino al 1911 al marchese Silvio Della Valle di Casanova (Torino 1861 – Mammnern 1829), esponente di una famiglia nobile e colta di Pallanza, che Ranzoni aveva ritratto ancora fanciullo in una tela oggi in Collezione Privata. Il marchese aveva legato il quadro al suo lascito alla Sala Storica Intrese da cui entrava a far parte delle collezioni del Museo del Paesaggio tramite acquisto nel 1929.

Giovinetta alla finestra o giovane donna al balcone, olio su cartone, s.d., Collezione Privata

Ritratto di bambino, s.d., Collezione Privata

Ritratto di bambino, s.d., Lucca, Galleria Daniele Squaglia

In apertura: Daniele Ranzoni (Intra, 3 Dicembre 1843 – 29 Ottobre 1889), Veduta del Lago Maggiore dalla Villa Ada Troubetzkoy, 1872-1874, Milano, Galleria d’Arte Moderna.

Si ringrazia il Signor Pascal Tonazzi che ha gentilmente inviato le foto della sua collezione personale dei cugini di Ranzoni, Manrico Tonazzi e Delfina Lussetti, le immagini dei bar del Signor Tonazzi e le immagini della famiglia Lussetti Tonazzi al completo.

Scarica il pdf dell’articolo qui: Ritratto di un artista scapigliato. Daniele Ranzoni e gli anni felici di Ghiffa

Bibliografia: J. Cosmate (Camillo Boito), Appendice del 18 settembre. Mostra di Belle Arti a Brera II, in “Il Pungolo”, n. 259, 18 settembre 1867; “Il Lago Maggiore”, anno XII, n. 5, 1 febbraio 1868; Appio d’Ara, Scorsa all’Esposizione, IV, in “Il Sole”, n. 209, 6 Settembre 1872; Il Milanese di Ferrara (Primo Levi), Eugenio Gignous, in “La Farfalla”, n. 3, 14 Ottobre 1877; Rev. William Owen, Sketches of Lago Maggiore and Pallanza, London, Bickers&Son, 1879; Athos (Virgilio Colombo), Accademia di Belle Arti in Milano. Esposisizione 1880 VII, in “La Lombardia”, n. 273, 3 Ottobre 1880; L. Chirtani, Esposizione di Belle Arti a Brera III, in “Corriere della Sera”, 28-29 Settembre 1880, n. 268; V. Colombo, La casadegli artisti, in “Il Convegno”, n. 40, 4 Ottobre 1885; Catalogo della esposizione postuma delle opere del pittore Daniele Ranzoni  nei locali della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente in Milano, 1890; R. Boccardi, Per Daniele Ranzoni, in “Verbania”, aprile 1911; G. Borelli, Daniele Ranzoni, Milano, Alfieri e Lacroix, 1911; U. Ojetti, Ritratti d’artisti italiani: Daniele Ranzoni, Milano, Treves, 1911; Cronache milanesi: Ranzoni, in “Emporium”, Vol. LVII, n. 338, Milano, Afieri e Lacroix, 1923; C. Carrà, Daniele Ranzoni, Roma, 1924; R. Giolli, Ranzoni – 24 riproduzioni, Milano, 1926; M. Sarfatti, Daniele Ranzoni, Roma, Reale Accademia d’Italia, 1935; E. Gara e F. Paolizzi, Serata all’osteria della Scapigliatura, Milano, Bietti, 1945; S. Pagani, La pittura lombarda della Scapigliatura, Milano, 1955; Enzo Azzoni, La fotografia sul Lago Maggiore, Pallanza, Montefibre, 1980; A.A.V.V., “Verbanus”, n. 9, Intra, Alberti Editore per la Società dei Verbanisti, 1988; R. Calzini, Milano fine Ottocento, Bologna, Massimiliano Boni Editore, 1991; A.P. Quinsac e N. Colombo, Daniele Ranzoni 1843-1889, Milano, Mazzotta, 1989; C. Dossi, Opere, Milano, Adelphi, 1995; A.P. Quinsac, Daniele Ranzoni, Milano, Skirà, 1997; A.A.V.V., a cura di M. Chiodetti, La Scapigliatura milanese, Varese 2001; M. Isnenghi, Villa Ada rifugio d’artisti, in A.A.V.V., a cura di R. Cordani, Milano verso il Sempione, Milano, Celip, 2006; M. Agliati Ruggia e S. Rebora, Il segno della Scapigliatura. Rinnovamento tra il Canton Ticino e la Lombardia nel secondo Ottocento, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2006; P. Hillebrand, G. Bertolazzi, Antiche camelie. Parchi e giardini del lago Maggiore, Verbania. Alberti Librario Editore, 2011; A.A.V.V., Miniere e minerali nel Vergante e Val d’Agogna, Arona, Gasma, 2014.

Link: Il Museo del Paesaggio ha tre sedi. Le sezioni dedicate a pittura, scultura, architettura sono esposte a Palazzo Viani Dugnani, in via Ruga 44 a Verbania Pallanza, telefono 0323 556621. Per informazioni consultare il sito internet: www.museodelpaesaggio.it

Advertisements
Published in: on 4 gennaio 2012 at 11:09  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2012/01/04/ritratto-di-un-artista-scapigliato-daniele-ranzoni-e-gli-anni-felici-di-ghiffa/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. very interesting

    Mi piace

  2. COMPLIMENTI, RICCO E COMPLETO

    Mi piace

  3. Mi complimento. Perfettamente documentato ed esauriente, un contributo prezioso per chi studia l’Ottocento! Grazie Giovanna Degli Esposti

    Mi piace

  4. Bellissimo articolo e splendide immagini, complimenti!

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: