Mariuccia e Bruno al Lago in “Gli uomini, che mascalzoni…”


Il Lago Maggiore compare brevemente in Gli uomini, che mascalzoni…, uno dei film italiani più belli degli anni Trenta, diretto nel 1932 da Mario Camerini con la sceneggiatura di Mario Soldati. La pellicola è una commedia sentimentale girata prevalentemente in esterni: un inno al progresso, al movimento e alla comunicazione. Si susseguono velocemente nei fotogrammi manifesti e affissioni, insegne pubblicitarie di latta, macchine irrigatrici e financo una curioso spruzzaprofumo! Ricordava Canmerini che Vittorio De Sica, il protagonista del film, era talmente magro che, poveretto, ha fatto tutto il film con la bambagia in bocca, per sembrare un po’ più grasso!

Lo spruzza profumo a moneta alla Fiera del Levante di Milano

È la prima volta che vediamo Milano sullo schermo. Ebbene, chi poteva supporre che fosse tanto fotogenica? Camerini ha saputo cogliere con una finezza estrema certi inconfondibili momenti del volto e del movimento di Milano ed è riuscito a darcene, senza sforzo, il colore tutto lombardo, l’operosa vitalità, scriveva il critico Filippo Sacchi sul “Corriere della Sera”. Nelle sequenza si riconoscono la rocca di Angera, l’isola dei Pescatori, il lungolago di Pallanza con il monumento a Cadorna, il ponte di ferro sul Ticino a Sesto Calende. La storia inizia quando Bruno (Vittorio De Sica) incrocia Mariucca (Lia Franca) in una mattina estiva a Milano e la insegue con la bicicletta. I due giovani si innamorano e Bruno, che di lavoro fa il meccanico, per far colpo sulla ragazza sottrae l’auto del padrone e invita Mariuccia a fare una gita ai laghi. Si fermano all’Hotel Meina, che nel film è ribattezzato Trattoria della vedova Musso, per un aperitivo. Sullo sfondo della scena si intravedono alcuni uomini impegnati in una partita di bocce. Dall’interno risuonano le note di Parlami d’amore Mariù, la canzone di Cesare Andrea Bixio che diventerà famosa grazie al film. Bruno e Mariuccia entrano nel sala e si concedono un romantico ballo. L’idillio è improvvisamente disturbato dall’arrivo della moglie del padrone che sorpresa di trovare Brun in quel luogo gli impone di riaccompagnarla a Milano. Mariuccia resta al ristorante in attesa di Bruno, ma lui non torna a prenderla perché resta coinvolto in un incidente. Seguono altre peripezie e schermaglie, fino al prevedibile lieto fine.

Il titolo di testa di “Gli uomini, che mascalzoni…”

 Bruno ha sottratto un auto dal garage in cui lavora e con una sorpresa porta Mariuccia a fare una gita “ai laghi”. Percorre la strada del Sempione fino ad Arona

La Rocca di Angera vista dalla sponda piemontese del Lago Maggiore

I due prendono il traghetto per visitare il Lago. Si tratta della motonave a elica “Alpino”, ex piroscafo a ruote “Ticino”, ricostruzione della cannonniera austriaca a ruote “Taxis” del 1851

L’Isola dei Pescatori e l’isolino

La cortina di case e portici e all’Isola dei Pescatori

Vista di Pallanza. A sinistra l’Albergo San Gottardo

Un scorcio di Arona

La gita prosegue verso Meina

Giunti a destinazione. Sulla sinistra l’imbarcadero di Meina

L’Hotel Meina è stato rinominato “Trattoria della Vedova Musso”

I due innamorati si fermano nel giardino dell’Albergo. Sullo sfondo la Rocca di Angera e degli ospiti impegnati al gioco delle bocce

Accolti nella trattoria Bruno e Mariuccia bevono un bicchiere di vino all’ombra

Attratti dalle note di Parlami d’amore Mariù entrano nella sala dove un’altra coppia sta danzando

Bruno canticchia il motivo della canzone, mentre balla con Mariuccia

Sopreso dalla padrona, Bruno è costretto a tornare in città e ad abbandonare Mariuccia

Sulla strada per Sesto Calende la pubblicità delle sementi Ingegnoli, originaria del paese

L’imbocco del “punt da féer” di Sesto Calende

Mariuccia aspetta alla Trattoria di Meina il ritorno di Bruno

La vedova Musso di Meina consola Mariuccia in lacrime

Il titolo di coda di “Gli uomini, che mascalzoni…”

 Per cliccare il film basta cliccare qui Gli uomini, che mascalzoni…  La gita al Lago Maggiore inizia al minuto 0.12

In apertura: i protagonisti in viaggio verso il Lago Maggiore

Si ringrazia Laura Pagani per aver suggerito l’argomento dell’articolo

Advertisements

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2012/01/29/gli-uomini-che-mascalzoni/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. […] GLI UOMINI, CHE MASCALZONI … (Mario Camerini – 1932 – BN) VITTORIO DE SICA (Bruno)LYA FRANCA (Mariuccia) […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: