Locarno


Archivio Iconografico del Verbano Cusio Ossola Locarno Lose Racconti di Viaggio

È Locarno un bel paese, anzi una piccola città situata sulla riva destra al principio del Lago Maggiore, eccellentemente esposta al sud-est, e difesa al nord, sicché malgrado la sua latitudine di 46 gr. 10, gode di una dolcissima temperatura, e gli agrumi stessi esigono nell’inverno minori cautele che altrove. Il fabbricato è assai decente, non vi mancano civili e nobili famiglie, e vi fiorisce il commercio. La sua origine è antica assai: vi si osserve anche al dì d’oggi parte del castello, ora sede delle Autorità. Questa rocca era nel rango delle principali fortezze costruite da’ Longobardi, e ne accrebbero le fortificazioni i Visconti, già duchi di Milano. Locarno ebbe i suoi signori particolari, e nel 1025, come di feudo imperiale, ne venne investito dall’Imperatore Corrado Aurelio Orelli de’ Capitani. Passò in seguito sotto il dominio de’ Visconti, e fu in fine ceduto agli Svizzeri, della cui republica federativa forma ora parte col cantone del Ticino. Narra lo storico Ballarini, che l’anno 1260 Locarno famoso borgo del Lago Maggiore fu abbruciato al partito dei Guelfi per aver dato ricovero alla nobiltà milanese della parte Gibellina, e che nel 1502 venne devastato da un numeroso corpo di Svizzeri calati dal monte S. Gottardo. Verso la metà del secolo decimosesto più di cinquanta delle principali famiglie del paese, che avevano abbracciata la dottrina di Calvino, obbligate ad emigrare, avendo alla loro testa Giovanni Aloisio Orelli de’ Capitani, si trasferirono a Zurigo, ove fuor della città si diedero a fabbricare un sobborgo, cha anche al presente chiamansi degli Italiani. Un Giovanni Enrico Orelli, originario di Locarno, dopo aver percorso i varj gradi della Magistrature fu nel 1778 eletto borgomastro di Zurigo. Il territtorio di Locarno è fertile e ben coltivato. Le valli, che vi metton capo, abbondano soprattutto in legname, che forma un ramo della ricchezza del paese. Abbondante pure è la pesca, che si fa nel circostante Lago, e ne’ vicini fiumi.

Separatore

Per scaricare il pdf dell’articolo cliccare qui: Locarno

Da: Friedrich e Carolina Lose, Viaggio pittorico e storico ai tre laghi Maggiore, di Lugano e Como, Milano 1818, Milano, Biblioteca Nazionale Braidense.

Advertisements

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2013/09/14/locarno/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: