Diario partigiano


Giorgio Buridan a Domodossola settembre 1944

Era l’anno di grazia – o di disgrazia – 1943. Avevo ventidue anni. Tutto un periodo di storia mi si era rovesciato addosso come un incubo. Così inizia il diario inedito sulla Resistenza di Giorgio Buridan, appena pubblicato da Tararà, con il titolo In cielo c’è sempre una stella per me. Il manoscritto, custodito nell’archivio privato del partigiano, è stato ritrovato e studiato da Maria Silvia Caffari e Margherita Zucchi. Il libro è arricchito da documenti, fotografie e note storiche che illustrano i fatti narrati e li collegano agli avvenimenti coevi, grazie al lavoro certosino delle due appassionate curatrici.

Volante di guastatori al lavoro

Volante di guastatori al lavoro

Nato a Stresa il 14 Settembre 1921, in quell’anno di grazia o di disgrazia che era il 1943, Giorgio Buridan era sfollato da Torino, dove risiedeva, alla villa sul Lago del nonno materno Camillo Cappa Legora. Già nell’estate si era avvicinato ai gruppi di Giustizia e Libertà e al Partito d’Azione. L’amico Renato Boeri l’aveva presentato a Ferruccio Parri, lo “Zio”, che lo aveva incaricato di costituire un servizio di distribuzione della stampa partigiana nella zona del Lago, del Cusio e dell’Ossola. Parri mi aveva detto: “Bisogna organizzare un centro di smistamento di tutta la stampa clandestina sul Lago Maggiore. Vuoi occupartene tu?”. Me ne ero occupato con l’entusiasmo di un ventenne.

Battaglia delle casse Val Formazza

La battaglia delle Casse, in Val Formazza

Iniziò con questo incarico la missione di Buridan. Cresciuto in una famiglia antifascista, si unì agli altri ribelli e insieme, nel ’44, riusciranno a liberare Domodossola dai fascisti, per quaranta giorni di libertà e democrazia che costituirono l’effimera Repubblica dell’Ossola. Il diario racconta poi la battaglia in Val Formazza e la successiva ed estenuante fuga in Svizzera; l’internamento nel campo di Törigen, l’avventuroso rientro in Italia sul Ticino, i rapporti con la Resistenza locale, con il CLN e con il Service Intelligence degli alleati, fino alla liberazione di Stresa, Lesa e Milano. Buridan vi partecipò come Commissario del Ragruppamento Divisioni Patrioti “Alfredo Di Dio”.

Domodossola i partigiani sfilano in città

Domodossola: i partigiani sfilano in città

Archivio Iconografico del Verbano Cusio Ossola Diario partigiano In fila indiana carichi e in silenzio saliamo lentamente

La fuga verso la Svizzera: “In fila indiana carichi e in silenzio saliamo lentamente…”

Un libro intenso che racconta momenti di vita partigiana nello scenario delle montagne ossolane e del Mottarone: i disagi, la fame, il freddo, i combattimenti, la morte, ma anche l’amicizia che nasce in ore felici, attorno al fuoco, tra personaggi reali.

Giorgio Buridan a Malesco, sullo sondo il Monte Gridone

Giorgio Buridan a Malesco, in Val Vigezzo. Alle sue spalle il Monte Gridone

I partigiani avanzano verso Milano

I partigiani avanzano verso Milano

Eravamo magri, denutriti, brutti, sporchi, vestiti con vecchie giacche militari, maglioni “autarchici”, scarpe di valligiano e coperte puzzolenti. Era il tempo delle pulci e non riusciamo proprio a disfarcene cambiarci e lavare i vestiti. Eravamo, insomma, dei vagabondi armati, una specie di “santa canaglia” e – tutto sommato – i fascisti non avevano torto a chiamarci “fuorilegge” e “banditi”.  Saranno proprio loro a contribuire con coraggio e determinazione a liberare l’Italia dal nazi-fascismo. Così fece Giorgio Buridan che ne ha lasciato testimonianza con la sua preziosa cronaca della Resistenza, ora accessibile a tutti. In cielo c’è sempre una stella per me si può aquistare nelle librerie e online, cliccando qui: Libreria Margaroli.

Separatore

In apertura: Giorgio Buridan a Domodossola nel Settembre del 1944.

Advertisements

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2014/11/23/diario-partigiano/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Ringrazio con entusiasmo per la recensione al libro di Giorgio Buridan, “In cielo c’è sempre una stella per me…”, che con Margherita Zucchi abbiamo curato raccogliendo nelle note tutte le ricerche fatte per collocare gli avvenimenti raccontati nel contesto di luoghi, persone, e nel più ampio quadro storico. Questa è un’occasione per ricordare che Giorgio Buridan è stato per tutta la sua vita scrittore, e oggi, dopo la lettura del suo diario partigiano possiamo capire quanto l’esperienza di quel tempo di scelte per molti giovani abbia segnato non solo la sua vita, ma anche la sua scrittura. Maria Silvia Caffari

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: