Un bicchiere di ‘merican ai Cantinitt


Megolo Ai Cantinitt foto di Roberto Il Cifero

C’è un luogo, in Ossola, dove il tempo si è fermato. Lasciando alle proprie spalle il paesello si percorre in una stradina lastricata di di foglie secche e si sente un fredda brezza che sembra soffiare costantemente dal torrente poco più avanti. Si arriva ai Cantinitt, minuscole abitazioni in sasso che paiono adatte agli gnomi, costruite a ridosso della montagna e quasi sempre in ombra.Le costruzioni a volta sono state edificate tra i blocchi di una frana, la cosiddetta giavina, per sfruttare le correnti d’aria che provengono dalla montagna e dal suolo. Siamo a Megolo di Fondo che, insieme a Megolo di Mezzo e Megolo di Cima, costituisce la piccola frazione tripartita di Megolo, situata tra Anzola d’Ossola e Pieve Vergonte

Il piccolo borgo di case in pietra davanti ai Cantinitt in una foto dei primi del Novecento

Il piccolo borgo di case in pietra davanti ai Cantinitt in una foto dei primi del Novecento

Sul Riale dell’Inferno, il corso d’acqua prossimo ai Cantinitt, che scorre tra Megolo e Anzola e più avanti si getta nella Toce, circolano molti spaventosi racconti, nati forse per spiegare la ferocia delle sue acque. Non crescono piante che resistano alle sue büze (piene) feroci, ma sopravvivono soltanto grandi sassi e cespugli spinosi. La valle divide l’Ossola da Forno in Val Strona con una cresta dentellata, ma inaccessibile.

La valle del Riale nei giorni successivi all’alluvione del 1900. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto la pioggia cadde senza sosta e il fiume uscì dagli argini spazzando via il mulino del Cantunet. Gli abitanti di Anzola fuggirono sulle montagne e la piena riempì le case di fango e sassi. Un bambino che dormiva nella culla, vicino al fuoco, fu trascinato via e ritrovato morto dopo qualche giorn , nella roggia. La pioggia si fermò il 27, dopo che la statua di Sant’Antonio che era nella sua nicchia in chiesa fu portata attraverso il paese, fino al ponte in legno di Megolo distrutto. ll ponte fu ricostruito di solida pietra, ma il 24 Settembre del 1924 il Riale capriccioso cambiò letto verso sinistra, dove prima erano prati

La valle del Riale nei giorni successivi all’alluvione del 1900. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto la pioggia cadde senza sosta e il fiume uscì dagli argini spazzando via il mulino del Cantunet. Gli abitanti di Anzola fuggirono sulle montagne e la piena riempì le case di fango e sassi. Un bambino che dormiva nella culla, vicino al fuoco, fu trascinato via e ritrovato morto dopo qualche giorn , nella roggia. La pioggia si fermò il 27, dopo che la statua di Sant’Antonio che era nella sua nicchia in chiesa fu portata attraverso il paese, fino al ponte in legno di Megolo distrutto. ll ponte fu ricostruito di solida pietra, ma il 24 Settembre del 1924 il Riale capriccioso cambiò letto verso sinistra, dove prima erano prati

La misteriosa valle dell’Inferno, luogo di paurose leggende

La misteriosa valle dell’Inferno, luogo di paurose leggende

Si narra che moltissimi anni fa due contadini erano nel campo e, sorpresi da un temporale si accostarono al Riale, dove apparve il diavolo in persona che sorrideva appoggiato al ponte. Alcuni dicono che che nella valle ci sia l’ingresso alle cataratte infernali. Una leggenda riguarda il prete Spadone di Megolo. Egli si trovava a Roma nella chiesa di San Pietro alla vigilia di Natale. Improvvisamente di fianco a lui comparve il demonio che gli disse “Se tu esprimerai un desiderio io lo esaudirò”. Il prete solerte chiese di poter dire la messa di mezzanotte nella sua chiesa a Megolo. Il diavolo gli disse: “Esaudirò il tuo desiderio a patto che non pronuncerai mai il nome di Dio durante il viaggio”. In men che non si dica il prete si trovò in sella a un cavallo bianco che lo trasportò immediatamente al suo paese. Spadone, sorpreso dalla velocità esclamò “Jesus Maria!”. Non appena ebbe detto quel nome il cavallo, per volere diabolico, lo disarcionò e il povero prete precipitò nell’Inferno. Le persone del paese sostengono che il prete cavalchi ancora senza tregua, giorno e notte.

Una statua raffigurante il Diavolo, di Ferr Frikers, da Freepik

Una statua raffigurante il Diavolo, di Ferr Frikers, da Freepik

Chissà se nei Cantinitt girano i cüsch a fare i loro scherzetti? Sono un popolo di nani, cugini dei twergi di Ornavasso, che abitano in una caverna nella valle dell’Inferno dove nessun umano ha mai osato entrare. I cüsch sono sempre coperti di neve e pare che abbiano i capelli color argento. Si dice che la loro caverna abbia bocca segreta, che esce in quel vallone sotto la cava, che infatti si chiama Buca d’la val. Un gatto, entrato nella caverna, sarebbe uscito dall’altra parte. Questi gnomi sono ritenuti autori di molte stranezze: si intromettono tra i fidanzati mettendo zizzania, richiamano il vento che sfilaccia i covoni di fieno, suggeriscono a topi di andare a sgranocchiare le castagne sulla grà e slacciano gli scüssal alle donne sugli alpeggi.

Uno gnomo nel paesaggio invernale, da Wil Huygen e Rien Poortlivet, Gnomi, Rizzoli, Milano, 1977

Uno gnomo nella neve, da Wil Huygen e Rien Poortlivet, Gnomi, Rizzoli, Milano, 1977

Tornando ai Cantinitt, occorre sapere che queste speciali cantine, scavate nella roccia almeno fin dal Settecento e che si trovano anche in Vall’Anzasca, hanno la caratteristica di mantenere al loro interno una temperatura costante, sia d’estate che d’inverno e di poter così garantire la conservazione di formaggio, vino, carne e salumi.

Un Cantinitt usato come ghiacciaia. I tavoli erano utilizzati d'estate quando ai Cantinitt accorrevano in gruppo le famiglie di Anzola per un pranzo al fresco

Un Cantinitt usato come ghiacciaia. I tavoli erano utilizzati d’estate quando ai Cantinitt accorrevano in gruppo le famiglie di Anzola per un pranzo al fresco

L’architettura dei Cantinitt è semplice e armonica. Sono edifici in pietra viva, alcuni dei quali intonacati, ricoperti da tetti in piode. Nonostante la semplice funzione di frigoriferi i piccoli abitacoli mostrano una loro grazia e sono abbastanza simili alle baite ossolane di montagna, ma a differenza di quest’ultime, hanno un solo piano e sono privi di finestre. Le porte sono di legno e all’interno del minuscolo giardino delimitato dai muretti di pietra hanno panche e tavoli. D’estate si trasformavano in osterie ed era una tradizione del luogo passare le domeniche dei mesi caldi a gustare formaggio, castagne e bere il vino dolce ‘merican, simile al fragolino, che si traeva dai vitigni locali.

Un gruppo di villeggianti sulla strada tra Anzola e Megolo tra i campi di mais, davanti alla cappelletta di Sant’Agostino. Sono diretti ai Cantinitt per la tradizionale scampagnata estiva

Un gruppo di villeggianti sulla strada tra Anzola e Megolo tra i campi di mais, davanti alla cappelletta di Sant’Agostino. Sono diretti ai Cantinitt per la tradizionale scampagnata estiva

Gita famigliare ai Cantinitt di una famiglia anzolese nel 1906. In primo piano a destra l’architetto Enrico Monti in una foto di Romeo Monti

Gita famigliare ai Cantinitt di una famiglia anzolese nel 1906. In primo piano a destra l’architetto Enrico Monti in una foto di Romeo Monti

Per la festa del  patrono di Megolo, San Lorenzo, il 10 agosto, le famiglie anzolesi e di Pieve Vergonte si spostavano con il vecchio scharabàn, o carro a banchi, verso Megolo, dove avrebbero trascorso la serata cantando e ballando, seduti sulle fresche panche di pietra sotto le pergole. Questo bastava alle genti antiche per divertirsi in compagnia.

Una foto dei Cantinitt nel 1900

Una bella foto dei Cantinitt nel 1900

Gruppo di famiglia in posa davanti all'Osteria. Foto di Romeo Monti

Gruppo di famiglia in posa davanti all’Osteria. Foto di Romeo Monti

Un'altra visuale dell’antica osteria dei Un'altra visuale dell'antica osteria dei Cantinitt, tipico ritrovo ossolano. Foto di Romeo Monti

Un’altra visuale dell’antica osteria dei Cantinitt, tipico ritrovo ossolano. Foto di Romeo Monti

Un gruppo di amici in posa davanti ai Cantinitt

Un gruppo di amici in posa davanti ai Cantinitt

Megolo, I Cantinitt, anno 1902, foto Ernesto Lossetti, Archivio Claudio Albertini Omegna.

I Cantinitt in una foto del 1902 di Ernesto Lossetti, Archivio Claudio Albertini Omegna

Il pittore Carlo Cocquio fotografato con un suo dipinto da Paolo Monti ai Cantinitt. Cocquio era nato a Ligurno, in provincia di Varese nel 1899. Affermatosi come paesaggista, moisaicista e autore di scene religiose, aveva sposato la cognata di Paolo Monti. Sua figlia Meme è stata protagonista di molti ritratti del famoso fotografo originario di Anzola d'OssolaIl pittore Carlo Cocquio fotografato con un suo dipinto da Paolo Monti ai Cantinitt. Cocquio era nato a Ligurno, in provincia di Varese nel 1899. Affermatosi come paesaggista, moisaicista e autore di scene religiose, aveva sposato la cognata di Paolo Monti. Sua figlia Meme è stata protagonista di molti ritratti del famoso fotografo originario di Anzola d'OssolaIl pittore Carlo Cocquio fotografato con un suo dipinto da Paolo Monti ai Cantinitt. Cocquio era nato a Ligurno, in provincia di Varese nel 1899. Affermatosi come paesaggista, moisaicista e autore di scene religiose, aveva sposato la cognata di Paolo Monti. Sua figlia Meme è stata protagonista di molti ritratti del famoso fotografo originario di Anzola d'Ossola

Il pittore Carlo Cocquio fotografato con un suo dipinto da Paolo Monti ai Cantinitt. Cocquio era nato a Ligurno, in provincia di Varese nel 1899. Affermatosi come paesaggista, moisaicista e autore di scene religiose, aveva sposato la cognata di Paolo Monti. Sua figlia Meme è stata protagonista di molti ritratti del famoso fotografo originario di Anzola d’Ossola

Separatore piccolo

Sopralluogo ai Cantinitt – Foto di Marco Casali

Il nucleo dei Cantinitt è oggi, purtroppo, in uno stato di abbandono. Gli edifici, testimoni di un passato di relazioni e di momenti lieti, sembrano destinati in futuro al deterioramente, a meno di organizzare adeguati interventi di restauro e recupero. Sarebbe davvero auspicabile una campagna di conservazione per salvare un’architettura tipica ossolana cha ha una caratteristica ambientale e territoriale unica.

Un masso erratico sceso dalla montagna davanti a un Cantinitt

Un masso erratico sceso dall’antica frana

L'antico nucleo dei Cantinitt a Megolo di Fondo

Il nucleo dei Cantinitt a Megolo di Fondo

L’antica osteria dei Cantinitt

La storica osteria

Un lungo tavolo in pietra accoglieva i clienti

Un lungo tavolo in pietra accoglieva i clienti

Il caratteristico paesaggio invernale coperto di brina

Il caratteristico paesaggio invernale coperto di brina

Ogni Cantinitt apparteneva a una famiglia che segnava sull’architrave la data di fondazione e le iniziali del proprietario

Ogni Cantinitt apparteneva a una famiglia che segnava sull’architrave la data di fondazione e le iniziali del proprietario

Uno scorcio degli edifici con una damigiana da 20 litri in primo piano

Uno scorcio degli edifici con una damigiana da 20 litri in primo piano

Giochi di luce e ghiaccio sulle foglie secche

Giochi di luce e ghiaccio sulle foglie secche

Una vecchia porta di legno completa di tettoia

Una porta di legno completa di tettoia

In questa immagine è evidente come alcuni Cantinitt siano costruiti sotto il livello del terreno per garantire una temperatura più fredda al loro interno

In questa immagine è evidente come i Cantinitt siano costruiti sotto il livello del terreno per sfruttare l’aria sotterranea e garantire una temperatura più fredda all’interno

Massicce lastre di pietra dividono le singole proprietà. Sulla sinistra un Cantinitt fondato nel 1710 e restaurato nel 1984

Massicce lastre di pietra dividono le singole proprietà. Sulla sinistra un Cantinitt fondato nel 1710 e restaurato nel 1984

L’antica Osteria dei Cantinitt, al numero civico 2 ha ancora la sua insegna dipinta sul muro esterno e un corno di stambecco appeso in facciata. All’interno dello spazio delimitato dal muretto ci sono panche e tavoli in pietra

L’Osteria dei Cantinitt, al numero civico 2 ha ancora la sua insegna dipinta sul muro esterno e un corno di stambecco appeso in facciata. All’interno dello spazio delimitato dal muretto ci sono panche e tavoli in pietra

La galaverna copre il terreno e le piante nei mesi invernali disegnando un candido ricamo

La galaverna copre il terreno e le piante nei pressi di Megolo di Mezzo. Nei mesi invernali si posa dappertutto disegnando un candido ricamo

In Ossola sono molto frequenti le schésc, separazioni fatte con lastre di pietre conficcate nel terreno a segnare due diverse proprietà: una privata, destinata a coltivazione, e l’altra comunale destinata a pascolo

In Ossola sono molto frequenti le schésc, separazioni fatte con lastre di pietre conficcate nel terreno a segnare due diverse proprietà: una privata, destinata a coltivazione, e l’altra comunale destinata a pascolo

Separatore piccolo

Per accedere allo slide-show cliccare sul primo tondo a sinistra:

Separatore piccolo

In apertura: Ai Cantinitt, dalla Collezione di Roberto Il Cifero

Per scaricare il pdf dell’articolo cliccare qui: Un bicchiere di ‘merican ai Cantinitt

Bibliografia: A.A.V.V., a cura di Giancesare Rainaldi, testo di Enrico Rizzi, Anzola i secoli. Una nostalgia, Anzola d’Ossola, Fondazione Enrico Monti, 1972; Wil Huygen e Rien Poortlivet, Gnomi, Rizzoli, Milano, 1977; A.A.V.V., a cura di Giancesare Rainaldi, testo di Enrico Rizzi, Anzola. Una terra ossolana nella storia, Anzola d’Ossola, Fondazione Enrico Monti, 2000.

 

 

 

Advertisements

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2016/01/01/un-bicchiere-di-merican-ai-cantinitt/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. articolo molto interessante, le foto sono eccezionali.

    Mi piace

  2. ….MEGOLO , ci andavo durante le vacanze estive con la nonna al seguito del mio padrino monsignor Antonio Picconi ( che sarà poi Vescovo di Vigevano) tra il 1936/1938…….quanti bei ricordi !!

    Mi piace

  3. è stupefacente leggere i vostri articoli, così precisi, curati sotto tutti gli aspetti e che conquistano cuore e mente di chi li legge. Grazie

    Mi piace

    • Grazie Lina! Ci fa tanto piacere il tuo apprezzamento. E’ vero che ne facciamo pochini, quando il tempo lo consente, ma cerchiamo di scriverlo con passione, quella stessa che ci porta a raccogliere le immagini e consultare le fonti, per restituire a voi lettori una visione del passato. Grazie ancora e alla prossima!

      Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: