Ricordo la luce


Mio fratello Augusto (a dx)quando era in Svizzera in campo di lavoro la citta' era Brugg canton Argovia....povar fiou ...cuma la diseva la me mama ....anni della guerra ....dopo essere stato ferito fu portato li .

Una foto di Augusto Guazzoni, a destra, ospite del campo di lavoro di Brugg in Svizzera. Era fuggito dall’Ossola il 20 Ottobre del 1944

L’aronese Augusto Guazzoni detto “Trim” ha 19 anni, è un partigiano ferito e si trova all’Ospedale di San Biagio, a Domodossola. Fa parte della seconda Divisione d’assalto Garibaldi “Redi”, così chiamata in ricordo di Gianni Citterio caduto a Megolo.

"Trim" adolescente in un ritratto prima della guerra

Augusto Guazzoni adolescente, in un ritratto prima della guerra

Il tesserino di riconoscimento di Augusto Guazzoni "Trim"

Il tesserino di riconoscimento di “Trim”

Pochi giorni prima, l’8 Settembre del 1944, le truppe fasciste di stanza a Domdossola sono state attaccate dalla Divisione Valtoce sotto il comando di Alfredo Di Dio e, il 10, è stata proclamata la nascita della “zona libera” dell’Ossola.

Un gruppo di partigiani nel collegio Rosmini di Domodossola, settembre 1944

Partigiani davanti al collegio Rosmini di Domodossola nel settembre del ’44

Il cippo che ricorda il confine della Repubblica partigiana dell'Ossola

Il cippo che ricorda il confine della repubblica partigiana dell’Ossola

Le leggi e i corpi militari sono sciolti in due giorni. Parte così un autogoverno civile che durerà sei settimane e sarà gestito, fino al 23 Ottobre, da una giunta provvisoria di governo nelle valli liberate dell’Ossola e della Cannobina.

Albertina Alganon Guazzoni con i due figli piccoli Maria Grazia e Piero

Albertina Alganon Guazzoni, madre di “Trim”, tra i due figli più piccoli Maria Grazia e Piero

La mamma di Augusto, Albertina Alganon, essendo stata informata che il suo “povar fiou” è ricoverato e decide di andarlo a trovare, partendo da Arona insieme a sua nipotina Lelia, allora ventenne. Settant’anni dopo, nel settembre del 2014, Lelia Siena ha raccontato in tre pagine dattiloscritte la cronaca del viaggio, le difficoltà e l’aria di libertà che aveva percepito a Domodossola.

Repubblica Ossola Domodossola Lelia Siena Augusto Guazzoni

Repubblica Ossola Domodossola Lelia Siena Augusto Guazzoni

Repubblica Ossola Domodossola Lelia Siena Augusto GuazzoniIl 10 Ottobre i fascisti attaccarono la neonata repubblica con uno schieramento di 5000 uomini e, dopo aspre battaglie, il 23 riconquistarono tutto il territorio che era quasi deserto. La maggior parte della popolazione aveva abbandonato la Val d’Ossola: in territorio elvetico furono accolti anche duemila bambini, che spesso viaggiavano soli, e un terzo degli ossolani, fuggiti per non subire le rappresaglie che erano state promesse dal capo della provincia Enrico Vezzalini.

Briga (Vallese), ottobre 1944. Bambini giunti dall'Ossola che saranno ospitati da famiglie svizzere per iniziativa della Croce Rossa svizzera

Briga, Vallese, ottobre 1944. Un gruppo di bambini giunti dall’Ossola che saranno ospitati da famiglie locali, per iniziativa della Croce Rossa svizzera

Anche Augusto Guazzoni lasciò Domodossola e riparò in Svizzera il 20 Ottobre. Trovò rifugio in un campo di lavoro a Brugg, nel Cantone Argovia. Oltre alla salvezza, trovò anche una morosa, Rosemarie.

La lettera con licenza di consvalescenza rilasciata a "Trim" dall'Ospedale San Biagio di Domodossola il 7 Ottobre 1944

La lettera con licenza di convalescenza rilasciata a “Trim” dall’Ospedale San Biagio di Domodossola il 7 Ottobre 1944

Passaggio dei profughi ossolani al passo San Giacomo, seconda metà di ottobre 1944

L’esodo dei profughi in fila al passo San Giacomo, Val Formazza, nella seconda metà di ottobre del 1944. Per evitare rappresaglie un terzo della popolazione ossolana raggiunse la Svizzera a piedi in mezzo alla neve

Il rientro in Italia di Augusto è una nuova avventura. Così la racconta Piero Guazzoni, il fratello più piccolo: “Durante la libera uscita fugge da Brugg con un amico di Milano e insieme attraversano la confederazione giungendo dal posto di confine della Ribellasca a Re in Val Vigezzo, dove vengono ospitati a casa della famiglia Mazzi. Poi attraverso la Val Cannobina arrivano a Intra ospitati dalla cugina Lina Colombo Guazzoni. Da li arriva a casa a Arona in un mattino gelido con il bastone, la barba lunga ed un tabarro tipo Passator Cortese. Al suono del campanello la mamma guarda dalla finestra e non lo riconosce. Lui le dice ‘Non spaventarti sono Augusto’. Immagina lo stupore e la gioia di tutti noi, io avevo 8 anni, ma quel giorno non lo posso dimenticare“.

Il congedo provvisorio di Augusto Guazzoni, patriota e partigiano della Brigata Redi

Il congedo provvisorio di Augusto Guazzoni, patriota e partigiano della Brigata Redi

Rosemarie con Maria Grazia e Piero Guazzoni, rispettivamente sorella e fratello di Augusto, davanti al cancello della loro casa in via Paleocapa ad Arona, nel 1945

Rosemarie con Maria Grazia e Piero Guazzoni, rispettivamente sorella e fratello di Augusto, davanti al cancello della loro casa in via Paleocapa ad Arona, nel 1945

Rosemarie, finita la guerra, venne ad Arona a trovarlo, con la speranza di metter su famiglia. Augusto però non era convinto e tutto finì con la scusa che lei era protestante, ma Rosemarie restò per sempre amica della famiglia Guazzoni.

Piero Guazzoni bambino tra i due fratelli Augusto e Mario. Foto colorata a mano da De Righetti, Arona

Piero Guazzoni bambino tra i due fratelli Augusto e Mario. Foto colorata a mano da C. De Righetti, Arona

Ringraziamo molto Piero Guazzoni per averci inviato le immagini e il bel testo di sua cugina Lelia Siena.

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://archiviodelverbanocusioossola.com/2016/02/18/ricordo-la-luce/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Bellissimo ricordo di Piero , che e’ stato il mio primo amico di giochi nei primi anni del dopoguerra , quando giocavamo a pallone in Via Paleocapa dove abitavamo , insieme a DeBernardi , Cavanna , la Fernanda . Ricordo anche la sorellina Maria Grazia con le lunghe trecce . Non sapevo pero’ la storia del fratello Augusto e mi ha commosso leggerla adesso nel racconto di Lelia Siena . Arturo Donetti

    Mi piace

    • Grazie Arturo!
      Ho “conosciuto” Piero e Maria Grazia attraverso il gruppo Facebook “Sei di Arona…” e Piero mi ha inviato questa storia che ho trovato bellissima e ho quindi deciso di raccontarla. Mi fa molto piacere che ti abbia evocato dei cari ricordi.
      Un saluto. Paola Vozza con Marco Casali

      Mi piace

  2. Caro Arturo,e’ un peccato che ad un certo punto della vita la nostra amicizia si sia interrotta non per nostra volonta’ ma per il percorso che ognuno di noi ha intrapreso.Io a 14 anni gia’ ero uno dei tanti pendolari che ogni mattina si recavano a Milano per studiare o lavorare perché a quei tempi si diceva pero’ no ho mai dimenticato le partite a pallone in via Paleocapa con il Battista Capotasto (padrone del Calice)che ci arbitrava .Non posso dimenticare tua mamma e tuo papa’ ,musicista eccezionale ,tua sorella Gianna ,la Vegia Tuntuna che abitava sotto di voi.Lo so che la storia di mio fratello e’ rimasta un po’ coperta dall’oblio da parte dei miei e anche Augusto era un po’ restio a parlarne.Sono contento di averti rincontrato ti abbraccio e saluto . e un grazie a Paola che ha reso possibile tutto cio’ ..

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: